Percezione aptica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – "aptica" rimanda qui. Se stai cercando l'interfaccia robotica, vedi Interfaccia aptica.

La Percezione aptica è il processo di riconoscimento degli oggetti attraverso il Tatto. La percezione aptica deriva dalla combinazione tra la percezione tattile data dagli oggetti sulla superficie della pelle (viene letta la conformazione e la rugosità degli oggetti) e la Propriocezione che deriva dalla posizione della mano rispetto all'oggetto.

Le persone possono rapidamente ed in modo accurato identificare un oggetto tramite il tatto.[1]. Il riconoscimento avviene tramite una procedura di esplorazione come ad esempio muovere le dita sulla superficie dell'oggetto oppure tenendo l'oggetto intero in mano.[2].

Gibson[3] definisce il sistema aptico come la "sensibilità dell'individuo verso il mondo adiacente al suo corpo". Gibson e altri enfatizzano lo stretto nesso tra la percezione aptica ed i movimenti del corpo.

La percezione aptica deriva inoltre dalle forze sperimentate durante la tastazione degli oggetti.[4].

La perdita del senso del tatto si rivela quindi come un importante deficit che può portare a limiti nelle attività più comuni come quella del camminare o maneggiare gli oggetti di uso più comune.[5].

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Klatzky RL, Lederman SJ, & Metzger VA, Identifying objects by touch: An “expert system.” in Perception & Psychophysics, nº 37, 1985, pp. 299–302.
  2. ^ Lederman SJ, & Klatzky RL, Hand movements: A window into haptic object recognition in Cognitive Psychology, nº 19, 1987, pp. 342–368.
  3. ^ J.J. Gibson, The senses considered as perceptual systems., Boston, Houghton Mifflin, 1966.
  4. ^ Robles-De-La-Torre & Hayward. Force Can Overcome Object Geometry In the perception of Shape Through Active Touch. Nature 412 (6845):445-8 (2001).
  5. ^ Robles-De-La-Torre.The Importance of the Sense of Touch in Virtual and Real Environments. IEEE Multimedia 13(3), Special issue on Haptic User Interfaces for Multimedia Systems, pp. 24-30 (2006).

Letture[modifica | modifica wikitesto]

Lederman, S. J., & Klatzky, R. L. (1990). Haptic classification of common objects: Knowledge-driven exploration. Cognitive Psychology, 22, 421-459. (in inglese)

Veneziano, C, (2013), Didattica della comunicazione non verbale e verbale. Sguardi, prossemica, parole, espressività nella scuola primaria italiana, con una prefazione di Maria Serena Veggetti, Besa, Lecce .