Mineralcorticoide

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

I mineralcorticoidi sono corticosteroidi che concorrono alla regolazione dell'equilibrio idro-salino. Sono naturalmente prodotti nella zona glomerulare della corticale delle ghiandole surrenali oppure possono essere ottenuti mediante sintesi chimica, come nel caso del fludrocortisone (glucocorticoide di sintesi con azione antinfiammatoria e mineralcorticoide).

Il principale mineralcorticoide è l'aldosterone, che viene secreto su stimolo mediato dal sistema renina-angiotensina-aldosterone.

Meccanismo d'azione[modifica | modifica wikitesto]

I mineralcorticoidi esplicano la loro azione attraverso il legame con il recettore cortisolico per mineralocorticoidi che si trova a livello delle cellule del tubulo renale. Il complesso mineralocorticoide-recettore migra poi nel nucleo, dove, attraverso il legame a specifiche sequenze di DNA ( HRE hormone responsive elements), influenza l'espressione dei geni responsivi a mineralocorticoidi.

Effetti[modifica | modifica wikitesto]

Trattiene il sodio nei reni, favorisce l'espulsione del potassio e induce ritenzione idrica. Queste azioni mediano l'aumento della pressione arteriosa.

Tutti i mineralcorticoidi hanno anche un effetto glucocorticoide, sebbene la loro potenza sia moderata e variabile.

Patologia[modifica | modifica wikitesto]

Nel Morbo di Addison la secrezione di mineralcorticoidi è soppressa a causa di una disfuzione o di un danno a carico delle ghiandole surrenali.

Nel Morbo di Conn la secrezione di mineralcorticoidi è aumentata (iperaldosteronismo primario) a causa della presenza di un adenoma, o più raramente un carcinoma, a livello della zona glomerulare delle ghiandole surrenali.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina