Oressizzante

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.

Gli oressizzanti, chiamati anche oressanti, sono farmaci che stimolano l'appetito[1]. Il termine deriva dal greco antico órexis, appetito[1].

I farmaci oressizzanti possono essere di tipo centrale o periferico. I primi sono generalmente psicofarmaci tra cui inibitori delle MAO (isoniazide, iproniazide, nialamide, fenelzina), reserpina, il clordiazepossido della classe delle benzodiazepine e alcuni antidepressivi triciclici (amitriptilina e imipramina), utilizzati prevalentemente nelle inappetenze di origine psicogena[2]. Gli oressizzanti periferici possono invece essere sostanze che migliorano l'odore o il sapore del cibo, oppure farmaci come la stricnina e neurotrasmettitori come l'orexina[2].

Prodotti erboristici con proprietà oressizzanti, invece, sono zenzero, finocchio, rosmarino e genziana[senza fonte].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Oressizzante su Sapere.it
  2. ^ a b Appetito su Sapere.it

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina