Magnesio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Magnesio
Aspetto
Aspetto dell'elemento
Bianco argenteo
Generalità
Nome, simbolo, numero atomico magnesio, Mg, 12
Serie metalli alcalino terrosi
Gruppo, periodo, blocco 2 (IIA), 3, s
Densità 1738 kg/m³
Durezza 2,5
Configurazione elettronica
Configurazione elettronica
Proprietà atomiche
Peso atomico 24,3050 amu
Raggio atomico (calc.) 150 pm
Raggio covalente 130 pm
Raggio di van der Waals 173 pm
Configurazione elettronica [Ne]3s2
e per livello energetico 2, 8, 2
Stati di ossidazione 2 (base forte)
Struttura cristallina esagonale
Proprietà fisiche
Stato della materia solido (paramagnetico)
Punto di fusione 923 K (649,85 °C)
Punto di ebollizione 1363 K (1089,85 °C)
Volume molare 14,00 × 10−3  m³/mol
Entalpia di vaporizzazione 127,4 kJ/mol
Calore di fusione 8,954 kJ/mol
Tensione di vapore 361 Pa a 923 K
Velocità del suono 4 602 m/s a 293,15 K
Altre proprietà
Numero CAS 7439-95-4
Elettronegatività 1,31 (scala di Pauling)
Calore specifico 1020 J/(kg K)
Conducibilità elettrica 22,6 × 106  /m Ω
Conducibilità termica 156 W/(m K)
Energia di prima ionizzazione 737,7 kJ/mol
Energia di seconda ionizzazione 1450,7 kJ/mol
Energia di terza ionizzazione 7 732,7 kJ/mol
Isotopi più stabili
iso NA TD DM DE DP
24Mg 78,99% È stabile con 12 neutroni
25Mg 10% È stabile con 13 neutroni
26Mg 11,01% È stabile con 14 neutroni
iso: isotopo
NA: abbondanza in natura
TD: tempo di dimezzamento
DM: modalità di decadimento
DE: energia di decadimento in MeV
DP: prodotto del decadimento
Simboli di rischio chimico

facilmente infiammabile
attenzione


frasi H: 228 - 251 - 261 [1]
consigli P: 210 - 231+232 - 235+410 - 422 [2][3]


Le sostanze chimiche
vanno manipolate con cautela

Avvertenze

Il magnesio è l'elemento chimico della tavola periodica degli elementi che ha come simbolo Mg e come numero atomico il 12. Il magnesio è l'ottavo elemento più abbondante e costituisce circa il 2% della crosta terrestre; inoltre è il terzo per abbondanza tra gli elementi disciolti nell'acqua marina.

In natura non esiste allo stato libero, ma si trova complessato con altri elementi.

Questo metallo alcalino terroso è principalmente usato come agente legante nella produzione di leghe alluminio-magnesio.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Il magnesio è un metallo leggero, di colore bianco argento e abbastanza duro, che si appanna leggermente se esposto all'aria.

La polvere di questo metallo si scalda e brucia con una fiamma bianca a contatto con l'aria. È difficile che prenda fuoco quando viene conservato in grosse quantità, ma si infiamma facilmente se disposto in strisce o filamenti sottili (usato per le lampade fotografiche a flash).

Applicazioni[modifica | modifica wikitesto]

I composti di magnesio, soprattutto l'ossido di magnesio, sono usati principalmente come materiale refrattario nei rivestimenti delle fornaci per la produzione di ferro e acciaio, metalli non ferrosi, vetro e cemento. L'ossido di magnesio e altri composti sono usati anche in agricoltura e nell'industria chimica e delle costruzioni. L'utilizzo principale di questo elemento è come additivo nelle leghe con l'alluminio dato che ne incrementa le proprietà meccaniche, fabbricative e di saldatura. Queste leghe alluminio-magnesio sono utilizzate soprattutto nelle lattine per le bevande.

I costi industriali in metallurgia sono prossimi a quelli dell'alluminio, ma a causa dell'infiammabilità tutte le attrezzature devono essere immerse in atmosfera controllata; questo incrementa di poco il costo delle attrezzature.

Altri utilizzi:

  • Combinato in lega, specialmente con l'alluminio, è essenziale per componenti strutturali nell'industria missilistica, aeronautica, automobilistica e dei macchinari.
  • Come additivo nei propellenti convenzionali e per la produzione di grafite nodulare nella produzione di ghisa.
  • Come desolforante: per aiutare la rimozione dello zolfo dal ferro e dall'acciaio.
  • Come agente riduttivo per la produzione di uranio puro e di altri metalli, partendo dai loro sali.
  • L'idrossido di magnesio viene usato nel latte di magnesia, il cloruro di magnesio e il solfato di magnesio nei Sali di Epsom, e il magnesio citrato viene impiegato in medicina.
  • La magnesite bruciata è utilizzata come rivestimento refrattario nelle fornaci.
  • Data la facilità ad incendiarsi, brucia a temperature di 2 200 °C con forte produzione luminosa, viene impiegato nei razzi di segnalazione, nei flash fotografici di vecchia concezione (ora sostituiti dai flash elettronici), nei fuochi pirotecnici e nelle bombe incendiarie.
  • Il carbonato di magnesio (MgCO3) in polvere viene usato dagli atleti, come i ginnasti o i sollevatori di pesi, per migliorare la presa sugli attrezzi.

Principali agenti leganti[modifica | modifica wikitesto]

  • Alluminio: unito a zinco e silicio aumenta la resistenza della lega, senza influenzare considerevolmente il comportamento allo scorrimento viscoso ad alta temperatura, creando l'electron.
  • Rame: aumenta la fluidità allo stato fuso sostituendo a questo scopo il berillio (bandito per la sua tossicità).
  • Manganese: aggiunto in piccole dosi, serve a segregare le impurità di ferro, responsabili di una forte corrosione anodica a contatto con l'acqua salata.
  • Terre rare: i metalli del gruppo dei lantanidi (cerio in particolare) e l'ittrio aumentano fortemente la resistenza delle leghe di magnesio alle alte temperature attraverso la formazione di precipitati duri e altofondenti.
  • Torio: aggiunto alle leghe magnesio-zinco, aumenta la resistenza alle alte temperature, ma è altresì usato raramente per la sua radioattività.
  • Zirconio: usato come affinatore di grano.
  • Argento: aggiunto alle leghe magnesio-terre rare ne aumenta considerevolmente la resistenza a tutte le temperature.
  • Scandio: migliora la resistenza allo scorrimento viscoso quando forma precipitati; se entra solo in soluzione, aumenta il punto di fusione complessivo della lega stessa.
  • Litio: conferisce al magnesio caratteristiche meccaniche inferiori, ma permette di raggiungere densità di 1,3 chilogrammi al decimetro cubo.
  • Calcio: diminuisce la densità.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il nome prende origine dalla parola greca che indica una prefettura della Tessaglia chiamata Magnesia. Il termine magnesia veniva in passato attribuito dagli alchimisti a numerose sostanze, chimicamente diverse ma simili per consistenza e colore, estratte nel territorio della città.

Joseph Black, in Inghilterra, riconobbe il magnesio come elemento nel 1755, Sir Humphrey Davy lo isolò elettroliticamente nel 1808 da una miscela di magnesia e ossido di mercurio, mentre Antoine Bussy lo preparò in forma coerente nel 1831.
Si trova in grossi giacimenti di magnesite, dolomite, e altri minerali.

Disponibilità[modifica | modifica wikitesto]

Il magnesio viene ottenuto principalmente dall'elettrolisi di cloruro di magnesio fuso, presente in salamoie e acqua di mare. Anche se il magnesio si trova in oltre 60 minerali, solo dolomite, magnesite, brucite, carnallite, e olivina sono di importanza commerciale.

Isotopi[modifica | modifica wikitesto]

Il magnesio-26 è un isotopo stabile ed ha trovato applicazione in geologia isotopica, similarmente all'alluminio. Il 26Mg è un prodotto radiogenico del 26Al (emivita = 7,2×105 anni). Larghi arricchimenti di 26Mg sono stati osservati all'interno di alcune meteoriti. L'abbondanza anomala di 26Mg viene attribuita al decadimento dell'alluminio-26. Quindi le meteoriti devono essersi formate nella nebulosa solare, prima che il 26Al decadesse. Questi frammenti sono quindi tra i più antichi oggetti del sistema solare e conservano informazioni sulla sua storia iniziale.

Precauzioni[modifica | modifica wikitesto]

Il magnesio in forma pura è altamente infiammabile, specialmente se in polvere. Brucia con una fiamma bianca dalla luce accecante.

Il magnesio reagisce rapidamente e in maniera esotermica a contatto con l'aria o l'acqua e deve essere maneggiato con cura. Non si deve mai usare acqua per estinguere un fuoco di magnesio. Il magnesio acceso a contatto con il vapore acqueo, reagisce:

Mg + H2O → MgO + H2

La reazione produce idrogeno (H2) che, dato il calore sviluppato dalla reazione stessa, può infiammarsi ed esplodere.

Composti organici[modifica | modifica wikitesto]

Oltre alle rocce e all'acqua marina, il magnesio è presente sia nel mondo vegetale sia in quello animale, di cui costituisce uno dei componenti essenziali. Dalla cessione dei due elettroni che si trovano nello strato più esterno dell'atomo di magnesio, si forma lo ione magnesio (Mg++), che costituisce la forma reattiva dell'elemento, in grado di legarsi a macromolecole e di servire da cofattore enzimatico. Come il carbonio si è selezionato fra gli altri elementi dall'evoluzione biologica per la formazione delle molecole organiche, così il magnesio è risultato il più adatto, per le sue proprietà stereochimiche a legarsi in maniera reversibile a strutture macromolecolari come alcuni enzimi del metabolismo energetico.

Le clorofille, ad esempio, sono porfirine a base di magnesio. Negli animali e nell'uomo, il magnesio è coinvolto nella sintesi e nell'utilizzo dell'ATP, nei processi di glicolisi e di gluconeogenesi, nella sintesi e nella duplicazione degli acidi nucleici.

Il magnesio nell'alimentazione[modifica | modifica wikitesto]

Cibi contenenti magnesio

L’apporto quotidiano raccomandato di magnesio per un adulto è di 350 mg per gli uomini e 300 mg per le donne (Lichton, 1989), dose aumentabile fino a 450 mg nel periodo di gravidanza e allattamento. Il magnesio è responsabile di molti processi metabolici essenziali, come la formazione dell’urea, la trasmissione degli impulsi muscolari, la trasmissione nervosa e la stabilità elettrica cellulare.

La mancanza di magnesio nell'organismo può portare a nausea e vomito, diarrea, ipertensione, spasmi muscolari, insufficienza cardiaca, confusione, tremiti, debolezza, cambiamenti di personalità, apprensione e perdita della coordinazione.

Il magnesio è contenuto in molti prodotti alimentari, come i cereali (soprattutto integrali), le noci (160 mg per 100 grammi di prodotto), mandorle (200 mg) arachidi (120 mg), miglio e grano saraceno (120÷140 mg), cacao (400 mg), germe di grano, lenticchie e le verdure verdi e anche nelle carni, nei farinacei e nei prodotti lattiero-caseari. La cottura dei cibi riduce sensibilmente la disponibilità di magnesio negli alimenti.

Esistono acque minerali ricche in sali di magnesio.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ scheda del magnesio su IFA-GESTIS
  2. ^ Conservare sotto gas inerte.
  3. ^ Sigma Aldrich; rev. del 10.02.2011

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

chimica Portale Chimica: il portale della scienza della composizione, delle proprietà e delle trasformazioni della materia