Ciclosporina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Ciclosporina
Ciclosporin-A-neutron-3D-sticks.png
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolare C62H111 N11O12
Massa molecolare (u) 1202.61 g/mol
Numero CAS [59865-13-3]
Codice ATC L04AD01
PubChem 2909
DrugBank BTD00003
Dati farmacologici
Categoria farmacoterapeutica immunosoppressore
Modalità di
somministrazione
Orale - Intravenosa
Dati farmacocinetici
Emivita circa 24 ore
Indicazioni di sicurezza

La ciclosporina è un principio attivo con effetto immunosoppressivo, utilizzato per modulare la risposta immunitaria dell’organismo. Derivata dai prodotti di alcuni miceti, assieme al Tacrolimus (FK506) è uno dei principali agenti terapeutici impiegati per bloccare il rigetto di trapianto allogenico.


Meccanismo d'azione[modifica | modifica wikitesto]

La ciclosporina e il Tacrolimus (FK506) essenzialmente bloccano la trascrizione dei geni delle citochine nei linfociti T, previa interazione con una proteina citoplasmatica nota come ciclofilina A o FKBP12. Questo complesso farmaco-recettore inibisce poi la proteina fosfatasi 2B chiamata anche calcineurina (PP2B), che defosforila il fattore di trascrizione NF-AT (fattore nucleare dei linfociti T attivati) permettendone l'entrata nel nucleo. Se l'NF-AT non viene defosforilato, non può entrare nel nucleo e innescare l'espressione genica di certe citochine come l'interleuchina 2 (IL-2). Per tale meccanismo d'azione sia la ciclosporina che il tacrolimus sono definiti entrambi come inibitori della calcineurina.

Uno studio più recente ha dimostrato che può interferire con un altro fattore di trascrizione chiamato NF-κB (Fattore Nucleare delle catene leggere anticorpali κ), anch'esso implicato nell'espressione genica di proteine infiammatorie ed immunitarie.

Indicazioni[modifica | modifica wikitesto]

La principale indicazione della ciclosporina è la prevenzione del rigetto nel trapianto d'organo, in particolare nei trapianti di rene, pancreas, fegato e cuore. Generalmente alternativa al tacrolimus avendo un meccanismo d'azione simile. Può essere utilizzata singolarmente o più spesso in associazione con altri farmaci immunosoppressivi, secondo schemi terapeutici variabili. Altre indicazioni sono le malattie autoimmunitarie quali ad esempio uveite, artrite reumatoide, psoriasi e rettocolite ulcerosa. È stata utilizzata con successo anche in forme gravi di asma[1] e dermatite atopica.
Viene utilizzata anche per combattere la GVHD, in seguito a un trapianto di midollo osseo.

Controindicazioni[modifica | modifica wikitesto]

La ciclosporina è stata ed è ampiamente usata nell'immunosoppressione anche nel trapianto renale. Presenta comunque effetti nefrotossici diretti se raggiunge elevati livelli ematici. Da utilizzare con cautela in soggetti con insufficienza renale e ipertensione. Controindicata in presenza di neoplasie accertate. Sostanza classificata come cancerogena.

Dosaggi[modifica | modifica wikitesto]

  • Dermatite atopica e psoriasi, (soltanto nelle forme più gravi quando gli altri medicinali non hanno avuto effetti positivi) 2,5 mg/kg al giorno (da dividere in due somministrazioni, dose massima 5 mg/kg).
  • In seguito a trapianto da 100 a 300 mg/die per via orale.

Effetti indesiderati[modifica | modifica wikitesto]

Pancreatite, ipertricosi, rash cutaneo, insonnia, cefalea, nausea, diarrea, iperuricemia, gotta, convulsioni, amenorrea, miopatia, ipertensione arteriosa, gengivite ipertrofica.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Bertram G. Katzung, Farmacologia generale e clinica, Padova, Piccin, 2006, ISBN 88-299-1804-0.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • British national formulary, Guida all’uso dei farmaci 4 edizione, Lavis, agenzia italiana del farmaco, 2007.
  • Hemenway CS, Heitman J. Calcineurin. Structure, function, and inhibition. Cell Biochem Biophys. 1999;30(1):115-51.
  • Tanaka Y, Tsujimura S. [Clinical implication of cyclosporin for rheumatoid arthritis]. Nippon Rinsho. 2002 Dec; 60(12):2345-50.
  • Nishiyama S et al. Cyclosporin A inhibits the early phase of NF-kappaB/RelA activation induced by CD28 costimulatory signaling to reduce the IL-2 expression in human peripheral T cells. Int Immunopharmacol. 2005 Apr; 5(4):699-710.
medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina