Ipertricosi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Ipertricosi
PetrusGonsalvus.jpg
Ritratto di Pedro Gonzales, di anonimo, 1580 circa, conservato presso la Camera dell'arte e delle curiosità
Codici di classificazione
ICD-9-CM (EN) 704.1 757.4
ICD-10 (EN) L68.9 Q84.2

Con il termine ipertricosi si identifica un aumento della pelosità, senza zone di predilezione.

Poiché i peli sono tipicamente abbondanti nel sesso maschile, l'ipertricosi per definizione riguarda il sesso femminile, anche se sono stati riscontrati casi su individui maschi.

Si differenzia da

  • irsutismo[1]: un aumento anormale della pelosità di tipo mascolino (mento, labbro superiore, petto, pube, cosce) senza segni di virilizzazione;
  • virilizzazione[2]: situazione di aumentata produzione di androgeni con irsutismo, mascolinizzazione della voce, delle proporzioni corporee, ipertrofia clitoridea e amenorrea.

Le possibili cause dell'ipertricosi[modifica | modifica sorgente]

La presenza della ipertricosi è poco riscontrata nelle etnie asiatica e nera, ed è poco comune nell'Europa del nord mentre è frequente nel bacino mediterraneo.

Solitamente si tratta di iperattività ormonale, in modo particolare di ormoni quali il diidrotestosterone (DHT) e i glucocorticoidi. Nelle donne l'irsutismo è correlato con il diabete mellito tipo II, negli uomini l'ipertricosi e il DHT sono correlati con calvizie e problemi alla prostata.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ L68.0
  2. ^ E25.9

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina