Castello di Blois

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Coordinate: 47°35′07.8″N 1°19′51.42″E / 47.585501°N 1.33095°E47.585501; 1.33095

Castello di Blois
Facciata del castello di Blois
Facciata del castello di Blois
Ubicazione
Stato attuale Aperto al pubblico
Regione Centro Centro
Città Blois
Informazioni generali
Tipo Castello
Stile Gotico e Rinascimentale
Inizio costruzione XIII secolo
Termine costruzione XVII secolo
Costruttore molti, tra cui Jules Hardouin Mansart
Sito web http://www.chateaudeblois.fr/

[senza fonte]

voci di architetture militari presenti su Wikipedia
La statua equestre di Luigi XII sul portale d'ingresso
Scalone monumentale dell'ala Francesco I

Il castello di Blois è uno dei principali castelli della Valle della Loira; la città da cui prende il nome, Blois, è il capoluogo del dipartimento francese del Loir-et-Cher e si trova lungo il fianco di una collina sulla riva destra della Loira. È stato la residenza di numerosi sovrani di Francia e Giovanna d'Arco vi fu benedetta dall'arcivescovo di Reims prima della spedizione destinata a liberare Orléans assediata.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Il castello, che si trova nel cuore della città, è un insieme di costruzioni eterogenee risalenti ad epoche diverse, che vanno dal XIII al XVII secolo.

La fortezza medievale dei conti di Blois divenne la residenza principale del re Luigi XII. All'inizio del Cinquecento, questi ne intraprese una prima ricostruzione e la messa a dimora di un giardino rinascimentale (scomparso nel 1890 per la costruzione dell'Avenue Victor-Hugo).

Con l'avvento al trono di Francesco I la moglie Claudia avviò il rinnovo dell'arredamento del castello con l'intenzione di trasferirvi la corte, che si trovava allora presso il Castello di Amboise. Francesco primo intraprese la costruzione di una nuova ala del castello e vi fondò una tra le più importanti biblioteche dell'epoca. Dopo la morte di Claudia, nel 1524, egli abbandonò tuttavia il castello di Blois preferendogli quello di Fontainebleau, dove trasferì anche la pregevole collezione di libri che darà origine alla Bibliothèque nationale de France.

Enrico III, che aveva abbandonato Parigi nel periodo delle guerre di religione, risiedette a Blois e vi convocò gli Stati generali nel 1576 e nel 1588. In quest'ultima occasione ebbe luogo l'assassino del rivale del Re, il duca di Guisa, commissionato dal sovrano.

Nel 1626 Luigi XIII ne fece dono al fratello Gastone d'Orléans in occasione delle sue nozze. Un nuovo tentativo di ampliamento del castello ebbe luogo a partire dal 1635, con la realizzazione di una nuova ala progettata da François Mansart. I lavori vennero però interrotti nel 1638 a causa di difficoltà finanziarie, costringendo Gastone ad occupare l'ala Francesco I. Alla sua morte, avvenuta nel 1660, il castello venne abbandonato.

Nel periodo della Rivoluzione francese il palazzo era ormai disabitato da 130 anni e i rivoluzionari, ansiosi di cancellare ogni traccia della monarchia, ne saccheggiarono gli ambienti disperdendo mobilio, statue ed accessori. La rovina fu tale da valutare anche la demolizione totale del castello, che venne salvato dalla scomparsa solo grazie alla sua riconversione in caserma.

Nel 1841, sotto il regno di Luigi Filippo, il castello venne riconosciuto come monumento storico grazie all'impegno di Prosper Mérimée, quindi restaurato e trasformato in museo. Le attività di restauro sono ancor oggi in corso, e il sito è di proprietà dell'amministrazione comunale.

Architettura[modifica | modifica sorgente]

Nella sua conformazione attuale, il Castello è costituito principalmente da tre ali che presentano una commistione di stili gotico, rinascimentale e barocco.

Ala Luigi XII[modifica | modifica sorgente]

L'accesso al Castello avviene attraverso l'ala Lugi XII, dalla struttura policroma in pietra e mattoni; le modanature, le trifore e i pinnacoli degli abbaini sono tutti elementi che testimoniano la prevalenza di uno stile gotico, ma si trovano anche alcuni elementi rinascimentali tra cui un piccolo candelabro. L'ingresso è sormontato da una statua equestre del sovrano.

Ala Francesco I[modifica | modifica sorgente]

Nell'ala intitolata a Francesco I sia lo stile architettonico che quello decorativo sono influenzati da temi italiani; l'elemento centrale è costituito dallo scalone a chiocciola monumentale, esterno al corpo principale, ricoperto di fini sculture e con ampie aperture verso il cortile del Castello. Sul lato opposto si trova la facciata delle Logge, caratterizzata da una serie di nicchie non comunicanti.

Ala Gastone d'Orléans[modifica | modifica sorgente]

La realizzazione dell'ala che porta il nome di Gastone d'Orléans fu affidata all'architetto François Mansart. Essa si trova sul fondo del cortile, dirimpetto all'ala Luigi XII. L'anticorpo centrale si sviluppa su tre ordini di arcate, caratterizzati dalla sovrapposizione degli ordini dorico, ionico e corinzio.

Galleria fotografica[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]