Stati generali (Francia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Con Stati generali s'indica un organo di rappresentanza dei tre ceti sociali esistenti nello Stato francese prima della Rivoluzione francese del 1789 (États généraux). L'assemblea, di origine feudale, disponeva della funzione di limitare il potere monarchico. Gli Stati Generali si riunivano quando incombevano sul paese pericoli imminenti.

Apertura degli Stati generali il 5 maggio 1789 a Versailles.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Gli Stati Generali erano un'assemblea consultiva del Regno di Francia. Furono convocati la prima volta da Filippo IV nel 1302, e furono riuniti ventidue volte in 487 anni. Dopo il 1614 quando fu convocato da Maria de' Medici non furono più convocati sino al 1788, ossia da quasi due secoli quando re Luigi XVI indisse le elezioni per il rinnovo.

Gli Stati generali del 1789[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Stati Generali del 1789.

L'ultima volta che vennero riuniti (il 5 maggio 1789) per affrontare la crisi finanziaria che stava mandando in rovina la Francia, governava il re Luigi XVI. Vi partecipavano in tutto 1139 membri eletti dai diversi Stati: 291 rappresentanti per il Primo Stato (il Clero), 270 per il Secondo Stato (l'Aristocrazia) ed altri 578 per il Terzo Stato (la popolazione urbana e rurale). Ogni ordine si riuniva in una camera separata dagli altri due Stati, discutevano sulla legge ed emettevano un voto per camera: essendo tre i voti, il sistema non ammetteva il pareggio. Il più delle volte il Terzo Stato era svantaggiato, perché in qualche modo gli interessi dei nobili e del clero coincidevano: era sufficiente che questi emettessero due voti a favore per ottenere la maggioranza.

Nell'ultima riunione degli Stati Generali il Terzo Stato chiese altri membri per la propria camera, l’istituzione del voto per testa e la riunione in un'unica camera. Di questi punti solo uno fu concesso, quello di elevare il numero dei propri membri. In questo modo il sistema rimaneva lo stesso, perché per cambiare era necessario il voto per testa. A quel punto il Terzo Stato si autoproclamò l’unico vero rappresentante della Francia, assumendo il nome di Assemblea Nazionale, e ciò determinò la fine degli Stati Generali.

Convocazioni[modifica | modifica wikitesto]

1302, 1308, 1317, 1355, 1356, 1357, 1358, 1359, 1363, 1420, 1439, 1468, 1484, 1491.

Età Moderna[modifica | modifica wikitesto]

1498, 1506, 1560, 1576, 1588-1589, 1593, 1614, 1789.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]