Postierla

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – "Pusterla" rimanda qui. Se stai cercando altri significati, vedi Pusterla (disambigua).
Pusterla, Puilaurens

La postierla, pusterla, posterula, posterla o pustierla,[1] è un'angusta porta d'accesso ai camminamenti per le guardie di ronda nei castelli e nelle fortificazioni nascosta nelle mura, che poteva essere usata anche come uscita o ingresso di emergenza in caso di attacco o di assedio.[2] Generalmente consente solo il passaggio di una persona per volta.[3][4] Il suo nome deriva dal latino tardo posterula, a sua volta derivato da posterus (dietro), cioè situato dietro, in luogo nascosto.[1]

Per estensione la postierla indica una porta secondaria, una "porticciola", in edifici di civile abitazione.[1]

Nella Milano medievale visse e operò l'importante e potente famiglia dei Pusterla, oriundi di Tradate, di cui si ricordano una cinquantina di illustri personaggi nel cui stemma si fregiavano dell'aquila imperiale, poiché si diceva che solo all'imperatore dovevano obbedienza.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c Cf. voce in Treccani.it.
  2. ^ Cf. voce in Dizionario Hoepli online.
  3. ^ Cf. voce in Dizionario Zingarelli.
  4. ^ Cf. Mario Scalini, L'arte a Firenze nell'età di Dante (1250-1300), Firenze, Giunti Editore, 2004, p. 183. ISBN 88-09-03695-6; ISBN 978-88-09-03695-6. Disponibile online su books.google.it.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]