Inositolo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Inositolo
myo-Inositol
Myo-inositol numbering.svg
Nome IUPAC
cis-1,2,3,5-trans-4,6-cicloesanesolo
Abbreviazioni
mio-inositolo
Nomi alternativi
cicloesanesolo, cicloesitolo, dambosio,
inositale, inosite, iso-inositolo,
inositene, inositina, i-inositolo,
MI, Meat sugar, mesoinosite, meso-inositolo,
mesolo, mesovite, Mioinosite,
fattore antialopecia del topo,
nucite, faseomannite, faseomannitolo,
scyllite (per l'isomero scyllo-inositolo)
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolare C6H12O6
Massa molecolare (u) 180.16 g/mol
Indicazioni di sicurezza
Frasi H ---
Consigli P --- [1]

L'inositolo è un poliolo carbociclico la cui forma più importante in natura è il mio-inositolo (cis-1,2,3,5-trans-4,6-cicloesanesolo). Altri isomeri presenti occasionalmente in natura sono il scyllo-, chiro-, muco-, neo-inositolo. Altri isomeri possibili sono il allo-, epi-, cis-inositolo. Non è uno zucchero, essendo i monosaccaridi, nella loro forma ciclica, emiacetali o emichetali (struttura eterociclica contenente ossigeno).

Presenza in natura e sintesi[modifica | modifica sorgente]

L'inositolo si trova in molti alimenti, in particolare nei cereali, nelle noci, nella frutta specialmente in meloni ed arance. L'inositolo non è considerato una vitamina in quanto può essere sintetizzato dall'organismo.

Il mioinositolo è classificato come un componente del complesso B (riferendosi ad esso come B7) ed è sintetizzato dal corpo umano.

Ruolo biologico e applicazioni[modifica | modifica sorgente]

La struttura dell'inositolo gioca un ruolo fondamentale nei messaggeri secondari in cellule eucariotiche, come inositolo fosfato o come lipidi fosfatidilinositolo (PI) e fosfatidilinositolofosfato (PIP).

Il mioinositolo in studi a doppio cieco è risultato efficace nel trattamento del Disturbo ossessivo-compulsivo. La sua efficacia è equiparabile a quella degli SSRI ed è virtualmente privo di effetti collaterali.[2] Tuttavia la quantita impiegata era di 18 grammi al giorno per 6 settimane non vi sono ancora studi sui possibili effetti per periodi più prolungati.

Molto promettenti ed ormai numericamente consistenti sono gli studi che dimostrano l'utilità del D- chiro -inositolo (DCI) nel trattamento della PCOS (sindrome dell'ovaio policistico). Infatti, è stato trovato in studi in doppio cieco che esso è un trattamento efficace per diverse manifestazioni cliniche della sindrome dell'ovaio policistico (PCOS), tra cui l'insulino-resistenza, iperandrogenismo, e oligoamenorrea.[3][4] Questi studi hanno dimostrato che esistono difetti del metabolismo DCI nella sindrome dell'ovaio policistico chiarendo così il conseguente ruolo del DCI nella trasduzione del segnale dell'insulina.[5][6]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Sigma Aldrich; rev. del 06.07.2012
  2. ^ Fux M, Levine J, Aviv A, Belmaker RH, Inositol treatment of obsessive-compulsive disorder in American Journal of Psychiatry, vol. 153, n. 9, 1996, pp. 1219–21. PMID 8780431.
  3. ^ Nestler J E, Jakubowicz D J, Reamer P, Gunn R D, Allan G, Ovulatory and metabolic effects of D-chiro-inositol in the polycystic ovary syndrome in N Engl J Med, vol. 340, n. 17, 1999, pp. 1314–1320. DOI:10.1056/NEJM199904293401703, PMID 10219066.
  4. ^ Iuorno M J, Jakubowicz D J, Baillargeon J P, Dillon P, Gunn R D, Allan G, Nestler J E, Effects of d-chiro-inositol in lean women with the polycystic ovary syndrome in Endocr Pract, vol. 8, n. 6, 2002, pp. 417–423. PMID 15251831.
  5. ^ Larner J, D-chiro-inositol--its functional role in insulin action and its deficit in insulin resistance in Int J Exp Diabetes Res, vol. 3, n. 1, 2002, pp. 47–60. DOI:10.1080/15604280212528, PMC 2478565, PMID 11900279.
  6. ^ JE. Nestler, DJ. Jakubowicz; MJ. Iuorno, Role of inositolphosphoglycan mediators of insulin action in the polycystic ovary syndrome. in J Pediatr Endocrinol Metab, 13 Suppl 5, 2000, pp. 1295-8. PMID 11117673.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]