Levano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Levano
Struttura di un generico levano
Nomi alternativi
Polifruttosio
Caratteristiche generali
Aspetto polvere bianca
Numero CAS [9013-95-0]
PubChem 440946
Indicazioni di sicurezza
Frasi H --
Consigli P --

Il levano è un fruttano formato da unità D-fruttofuranosio unite da legami β-2,6. In relazione al numero di monomeri che concorrono a formare l'intera struttura molecolare, si passa dal levano più semplice, formato da tre catene di fruttosio e avente formula molecolare C18H32O16, a una serie di molecole via via più complesse.

Il levano, oltre a essere utilizzato come additivo alimentare, ha anche dimostrato attività antineoplastica.[1]

Origine e struttura[modifica | modifica sorgente]

Solitamente i levani sono fruttani di origine batterica che presentano ramificazioni e anche qualche legame β-2,1 con il fruttosio.[2] I batteri in grado di produrre il levano devono possedere l'enzima levansucrasi, che è in grado di catalizzare il trasferimento di residui D-fruttosidici.[3] Esempi di tali batteri sono Streptococcus salivarius, Streptococcus mutans, e batteri del genere Leuconostoc.[3]

Con il termine fleina si è soliti indicare i levani di origine vegetale, i quali presentano prevalentemente una struttura lineare.[2]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Levan - Compound Summary in PubChem. URL consultato il 17 maggio 2013.
  2. ^ a b P. M. Dey, J. B. Harborne, Plant Biochemistry, Academic Press, 1997, p. 170, ISBN 0-12-214674-3.
  3. ^ a b Esopolisaccardi (EPS) da batteri lattici (PDF), Università degli Studi di Milano, p. 3. URL consultato il 17 maggio 2013.