Acido shikimico

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Acido shikimico
formula di struttura
formula di struttura
Nome IUPAC
acido (3R,4S,5R)-3,4,5-triidrossi-

1-cicloesencarbossilico

Nomi alternativi
acido scichimico
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolare C7H10O5
Massa molecolare (u) 174,15
Aspetto polvere bianca
Numero CAS [138-59-0]
PubChem 8742
Proprietà chimico-fisiche
Densità (g/cm3, in c.s.)  ?
Temperatura di fusione 185-187 °C (458,15-460,15 K)
Temperatura di ebollizione  ?
Tensione di vapore (Pa) a ? K  ?
Indicazioni di sicurezza
Frasi H ---
Consigli P ---[1]

L'acido shikimico (o acido scichimico), più comunemente noto nella forma anionica shikimato, è un importante intermedio biochimico in piante e microrganismi. Il suo nome deriva dal fiore giapponese shikimi (Illicium anisatum) da cui è stato isolato per la prima volta.

Biosintesi[modifica | modifica wikitesto]

Il fosfoenolpiruvato e l'eritrosio 4-fosfato reagiscono formando 3-deossi-arabinoeptulsonato-7-fosfato (DAHP), in una reazione catalizzata dall'enzima DAHP sintasi. Il DAHP viene quindi trasformato in 3-deidrochinato (DHQ), in una reazione catalizzata da DHQ sintasi. La reazione richiede come cofattore NAD, il quale però, contrariamente a quanto mostrato nello schema sottostante, sarà successivamente rigenerato.

Shikimate pathway 1.png

Il 3-deidrochinato viene disidratato a 3-deidroshikimato dall'enzima deidrochinasi, successivamente il deidroshikimato viene ridotto ad acido shikimico dall'enzima shikimato deidrogenasi, che utilizza NADPH quale cofattore.

Shikimate pathway 2.png

L'acido shikimico è un precursore biosintetico delle seguenti classi di composti:

Industria farmaceutica[modifica | modifica wikitesto]

Nell'industria farmaceutica, l'acido shikimico ottenuto dall'anice stellato cinese viene utilizzato per la produzione dell'antivirale Tamiflu (oseltamivir). Sebbene l'acido shikimico sia presente in molti organismi autotrofi, rappresenta pur sempre un intermedio biosintetico e generalmente viene riscontrato in concentrazioni molto basse. L'acido shikimico può essere estratto anche dai semi dei frutti di liquidambar, pianta abbondantemente presente in Nord America, con resa del 1,5%. A livello comparativo, l'anice stellato ha una resa produttiva in acido shikimico del 3-7%. Recentemente la produzione di acido shikimico da colture di Escherichia coli è stata sensibilmente migliorata[2][3][4].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Sigma Aldrich; rev. del 02.02.2011
  2. ^ David Bradley, Star role for bacteria in controlling flu pandemic? in Nature Reviews Drug Discovery, vol. 4, nº 12, dicembre 2005, pp. 945–946, DOI:10.1038/nrd1917, PMID 16370070. URL consultato il 7 marzo 2007.
  3. ^ Marco Krämer, Johannes Bongaertsa, Roel Bovenberga, Susanne Kremera, Ulrike Müllera, Sonja Orfa, Marcel Wubboltsa, Leon Raevena., Metabolic engineering for microbial production of shikimic acid in Metabolic Engineering, vol. 5, nº 4, ottobre 2003, pp. 277–283, DOI:10.1016/j.ymben.2003.09.001, PMID 14642355.
  4. ^ Johansson Louise, Lindskog Anna, Silfversparre Gustav, Cimander Christian, Nielsen Kristian Fog, Liden Gunnar, Shikimic acid production by a modified strain of E. coli (W3110.shik1) under phosphate-limited and carbon-limited conditions in Biotechnology and Bioengineering, vol. 92, nº 5, ottobre 2005, pp. 541–552, DOI:10.1002/bit.20546, PMID 16240440.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

chimica Portale Chimica: il portale della scienza della composizione, delle proprietà e delle trasformazioni della materia