Simpaticolitici

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

I simpaticolitici sono una classe farmacologica di farmaci che inibiscono la funzionalità postgangliare del sistema nervoso simpatico antagonizzano, a diversi livelli, la trasmissione adrenergica. Possono essere usati in diversi ambiti, ad esempio come antipertensivi, o come tranquillanti nel trattamento del disturbo d'ansia generalizzato e nel disturbo post traumatico da stress.

Antiadrenergici[modifica | modifica wikitesto]

Gli agenti antiadrenergici inibiscono la trasmissione del segnale da parte di adrenalina e noradrenalina. Principalmente si tratta di antagonisti recettoriali (alfa e beta), ma ci sono eccezioni come la clonidina che è un agonista adrenergico degli autorecettori α2. Gli autorecettori presinaptici α2, infatti, hanno un'azione inibitoria sulla trasmissione adrenergica (nell'ambito di un meccanismo a feedback negativo) e pertanto agonisti di questa sottoclasse recettoriale hanno un'azione antiadrenergica.

Altri livelli d'azione per l'inibizione della trasmissione adrenergica sono costituiti dalla biosintesi delle catecolammine, dove ad esempio agiscono carbidopa e metiltirosina, e dall'accumulo e dal rilascio di neurotrasmettitore, dove agisce la reserpina.

Antipertensivi[modifica | modifica wikitesto]

Tra gli antiadrenergici usati come antipertensivi si hanno: