Propranololo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Propranololo
Propranolol-2D-skeletal.png
Propranolol-3D-balls.png
Nome IUPAC
1-naftalen-1-ilossi-3-(propan-2-ilammino)propan-2-olo
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolare C16H21NO2
Massa molecolare (u) 259,34
Numero CAS [525-66-6]
Codice ATC C07AA05
PubChem 4946
DrugBank DB00571
SMILES CC(C)NCC(COC1=C C=CC2=CC=CC=C21)O
Proprietà chimico-fisiche
Solubilità in acqua 0,070
Temperatura di fusione 163-164
Dati farmacologici
Categoria farmacoterapeutica betabloccanti, antiaritmici di classe II, antiipertensivi, vasodilatatori
Teratogenicità ADEC: Classe C
Modalità di
somministrazione
orale, endovenosa
Dati farmacocinetici
Biodisponibilità 30
Legame proteico 90
Metabolismo epatico
Emivita 3-5 ore
Escrezione urine
Indicazioni di sicurezza
Simboli di rischio chimico
irritante

attenzione

Frasi H 302
Consigli P ---[1]

Il propranololo è un principio attivo betabloccante non selettivo, di indicazione specifica contro l’ipertensione e le forme di angina. Fu il primo prodotto efficace betabloccante. La forma generica con cui è commercializzato è propranololo cloridrato.

Storia e sviluppo[modifica | modifica sorgente]

Lo scienziato scozzese James W. Black sviluppò con successo il propranololo nei tardi anni cinquanta. Nel 1988 ottenne il Premio Nobel per la Medicina per questa scoperta.

Il propranololo fu ottenuto dai precursori degli antagonisti dei recettori β-adrenergici dicloroisoprenalina e pronetalolo. La modifica strutturale fondamentale, alla base praticamente di tutti i betabloccanti successivi, fu l'inserzione di un legame etereo tra il naftene e il resto della molecola rispetto alla struttura ariletanolamminica del pronetalolo. Ciò aumentò la potenza del composto e sembrò aver eliminato la carcinogenesi riscontrata nei modelli animali per quanto riguardava il pronetalolo.[2][3]

Attualmente per il trattamento dell'ipertensione sono utilizzati nuovi betabloccanti, più selettivi, quali ad esempio il nebivololo.

Farmacocinetica[modifica | modifica sorgente]

Il propranololo è assorbito rapidamente e quasi completamente (~90%). Il picco dei livelli plasmatici è raggiunto circa dopo 1-3 ore dall'assunzione per via orale. Nonostante l'assorbimento completo, la biodisponibilità del propranololo è molto variabile (~25%) in quanto il fegato metabolizza gran parte del principio attivo (effetto first-pass). La somministrazione durante o subito dopo i pasti sembra aumentare il livello di biodisponibilità. In caso di insufficienza epatica, di flusso ematico diminuito o in seguito all'assunzione di farmaci inibitori degli enzimi epatici, la presenza di propranololo nella circolazione sistemica può risultare accresciuta.

Anche il suo principale metabolita, ossia il 4-idrossipropranololo, con un'emivita maggiore (5,2-7,5 ore rispetto alle 3-4 ore del propranololo), è farmacologicamente attivo.

Il propranololo è una sostanza altamente lipofila, che pertanto riesce a raggiungere alte concentrazioni nel cervello. L'effetto di una singola dose orale è quindi più lungo dell'emivita del principio attivo, e può raggiungere anche le 12 ore, se la dose è sufficientemente elevata (ad esempio 80mg). La concentrazione plasmatica effettiva si aggira tra i 10 e i 100 ng]ml.

Il principio attivo ha effetti tossici in una concentrazione plasmatica superiore ai 2000 ng/ml.

Farmacodinamica[modifica | modifica sorgente]

Il propranololo è un betabloccante non selettivo. Ossia, blocca l'azione dell'adrenalina sui recettori adrenergici sia β1 sia β2 del cuore. Così facendo riduce la gittata cardiaca e la pressione arteriosa, in pratica il lavoro del muscolo cardiaco. A differenza di altri betabloccanti, il propranololo non è in grado di attivare parzialmente i recettori β qualora i livelli di catecolamine siano insufficienti (ossia non ha attività simpaticomimetica). Il propranololo non interagisce con i recettori α adrenergici.

Per quanto riguarda le forme di angina, migliorando la tolleranza agli sforzi, ne limita la sintomatologia.
Agendo nel sistema nervoso simpatico fino a bloccarlo e sulla capacità di conduzione del cuore risulta utile anche contro le aritmie cardiache e nello scompenso cardiaco.

L'enantiomero S-(-) ha caratteristiche parzialmente agoniste per i recettori adrenergici. Probabilmente a causa della sua azione sul recettore adrenergico α1, il racemato e i singoli enantiomeri del propranololo hanno mostrato un'azione simile alla cocaina nei topi, in particolare il più potente si è rivelato l'S-(-)propranololo. Si è anche osservato che il propranololo ha un effetto inibitorio sul trasportatore della noradrenalina, stimola il rilascio di quest'ultima e ha attività parzialmente antagonista per i recettori della serotonina. I primi due sono effetti indiretti, mentre l'ultimo è un effetto diretto.[4]

Entrambi gli enantiomeri del principio attivo hanno effetto anestetico locale (topico).

Indicazioni[modifica | modifica sorgente]

Una capsula da 80 mg di propranololo

Il propranololo è utilizzato in diversi casi quali:

Usi sperimentali e off-label[modifica | modifica sorgente]

Il propranololo presenta numerosi usi off-label ed ultimamente sta venendo sperimentato per il trattamento di vari altri disturbi.

Spesso viene utilizzato per il controllo dell'ansia (ad esempio per combattere la paura da palcoscenico). Altri usi off-label sono il trattamento della cefalea di tipo tensivo, dell'acatisia causata da antipsicotici[20][21] e dei tremori dovuti alla malattia di Parkinson (composizione a rilascio prolungato).[22][23].

Studi risalenti al giugno 2008 sembrano indicare il propranololo come terapia migliore ai corticosteroidi in caso di gravi emangiomi,[24] in quanto presenta minori effetti collaterali.

Il farmaco è stato ed è sperimentato anche in campo psichiatrico[25] per trattare:

Per quanto riguarda quest'ultimo, il propranololo inibisce gli effetti della noradrenalina, un neurotrasmettitore che rafforza il consolidamento della memoria. Alcuni studi hanno dimostrato che i pazienti a cui è somministrato propranololo subito dopo un'esperienza traumatizzante mostrano sintomi meno seri di disturbo post traumatico da stress rispetto a coloro i quali non han ricevuto il farmaco.[32] Tuttavia, i risultati di questi studi non si possono considerare conclusivi.[33] Inoltre, è in corso un notevole dibattito sul fatto se sia etico o meno l'utilizzo di farmaci per influenzare la memoria umana.[34]

Il propranololo è stato studiato anche, insieme a numerosi altri farmaci membrana-attivi, per possibili effetti sul Plasmodium falciparum e quindi per il trattamento della malaria. Tuttavia, effetti positivi in vitro non sono stati accompagnati da un'utile azione antiparassitaria in vivo contro Plasmodium vinckei[35] e Plasmodium yoelii nigeriensis.[36] Tuttavia uno studio singolo del 2006 ha mostrato che il propranololo può ridurre il dosaggio necessario dei farmaci esistenti, affinché siano efficaci contro P. falciparum, di 5-10 volte, suggerendo un uso combinato nelle terapie.[37]

Controindicazioni e precauzioni d'uso[modifica | modifica sorgente]

Il propranololo dovrebbe essere somministrato con cautela in pazienti che soffrono di:

Il farmaco dev'essere inoltre somministrato con cautela congiuntamente ad altri farmaci con effetti bradicardici e deve essere evitata l'interruzione brusca della sua somministrazione in quanto il paziente potrebbe andare incontro ad ischemia miocardica. Il farmaco riduce inoltre la risposta sistemica alla somministrazione di adrenalina.

Il propranololo è controindicato per i pazienti che soffrono di:

Effetti indesiderati[modifica | modifica sorgente]

Agendo indistintamente su tutti i recettori β-adrenergici, il propranololo presenta effetti indesiderati principalmente a livello cardiocircolatorio e respiratorio.
Diminuendo sostanzialmente il lavoro del miocardio può indurre bradicardia, ipotensione e portare all'insufficienza cardiaca. Tra gli altri effetti collaterali cardiocircolatori si hanno alterazioni del sistema di conduzione cardiaco, vasocostrizione periferica e trombocitopenia.
A livello respiratorio il propranololo può provocare broncospasmo e dispnea.

Numerosi sono anche gli effetti collaterali minori, quali cefalea, disturbi del sonno, affaticamento parestesia, vertigini, stordimento, psicosi, nausea, porpora, disfunzioni sessuali e disturbi della vista.

La somministrazione di propranololo può portare al peggioramento di psoriasi e alopecia preesistenti, e raramente alla comparsa di rash e di secchezza oculare.

Dosaggi[modifica | modifica sorgente]

La posologia specifica viene rimandata al medico cardiologo, di seguito vengono indicate le dosi medie e massime.

Per via orale:

  • Ipertensione, 80 mg due volte al giorno a seconda delle tipologia (max 320 mg/die). Nel trattamento dell'ipertensione portale le dosi sono dimezzate
  • Angina, 40 mg 2-3 volte al giorno (max 240 mg/die)
  • Tachiaritmie, tireotossicosi, cardiomiopatia ipertrofica 10-40 mg 3-4 volte al giorno (max 240 mg/die)
  • Prevenzione post-infarto miocardico acuto, 40 mg quattro volte al giorno per 2-3 giorni, in seguito 80 mg due volte al giorno.
  • Feocromocitoma (terapia da associarsi sempre ad un α-bloccante) 60 mg per 3 giorni in caso di operazione, altrimenti metà dose di mantenimento
  • Gestione dell'ansia, singola dose 40 mg/die (max 120 mg/die in tre dosi)
  • Prevenzione dell'emicrania, controllo del tremore 40 mg due-tre volte al giorno (max 160 mg/die)
  • Trattamento del QT lungo 40 mg tre volte al giorno (adulti)

Altri dosaggi:

La somministrazione per via endovenosa dovrebbe limitarsi ai casi di aritmie pericolose per la vita e nei pazienti sotto anestesia. I parametri vitali del paziente devono essere strettamente monitorati.

Nei pazienti che soffrono di insufficienza epatica o renale, così come nelle donne incinte e durante l'allattamento, i dosaggi orali dovrebbero essere ridotti.

Trattamento di emergenza[modifica | modifica sorgente]

In caso di emergenze dovute agli effetti collaterali del propranololo, solitamente viene somministrata atropina per via endovenosa. Altri trattamenti prevedono la somministrazione di glucagone o di isoprenalina.

Interazioni[modifica | modifica sorgente]

I betabloccanti, incluso il propranololo, hanno un effetto potenziante su altri farmaci che diminuiscono la pressione sanguigna, o che diminuiscono la conduttività o la contrattività cardiache. In particolare, interazioni rilevanti dal punto di vista clinico si sono verificate con:

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Sigma Aldrich; rev. del 05.10.2012, riferita al racemo cloridrato
  2. ^ Si era riscontrato che nei topi la somministrazione di pronetalolo era connessa con un'alta insorgenza di neoplasie maligne, specialmente linfosarcomi al timo. Si veda:
    G.E. Paget, Carcinogenic action of pronethalol in British Medical Journal, vol. 2, nº 5367, 16 novembre 1963, pp. 1266-7, PMID 14056902.
  3. ^ Per un confronto tra alcune delle proprietà del pronetalolo e del propranololo si veda:
    J.W. Black, W A Duncan e R G Shanks, Comparison of some properties of pronethalol and propranolol in British Journal of Pharmacology and Chemotherapy, vol. 25, nº 3, dicembre 1965, pp. 577-91, PMID 9142411.
  4. ^ Young R, Glennon RA, S(−)Propranolol as a discriminative stimulus and its comparison to the stimulus effects of cocaine in rats in Psychopharmacology, vol. 203, nº 2, aprile 2009, pp. 369-82, DOI:10.1007/s00213-008-1317-2, PMID 18795268.
  5. ^ Frank MJ, Abdulla AM, Watkins LO, Prisant L, Stefadouros MA, Long-term medical management of hypertrophic cardiomyopathy: usefulness of propranolol in European heart journal, vol. 4, suppl. F, novembre 1983, pp. 155-64, DOI:10.1093/eurheartj/4.suppl_F.155, PMID 6686531.
  6. ^ Saenz de la Calzada C, Ziady GM, Hardarson T, Curiel R, Goodwin JF, Effect of acute administration of propranolol on ventricular function in hypertrophic obstructive cardiomyopathy measured by non-invasive techniques in British heart journal, vol. 38, nº 8, agosto 1976, pp. 798-803, PMID 987791.
  7. ^ Chew SL, Recent developments in the therapy of phaeochromocytoma in Expert Opin Investig Drugs, vol. 13, nº 12, dicembre 2004, pp. 1579-83, DOI:10.1517/13543784.13.12.1579, PMID 15566315.
  8. ^ Prichard BN, Ross EJ, Use of propranolol in conjunction with alpha receptor blocking drugs in pheochromocytoma in American Journal of Cardiology, vol. 18, nº 3, settembre 1966, pp. 394-8, PMID 5925096.
  9. ^ McLarty DG, Brownlie BE, Alexander WD, Papapetrou PD, Horton P, Remission of thyrotoxicosis during treatment with propranolol in British Medical Journal, vol. 2, nº 5862, 12 maggio 1973, pp. 332-4, PMID 4122248.
  10. ^ Haddad JF, Tibblin S, Preoperative treatment of thyrotoxicosis in developing countries: a comparative study of carbimazole and propranolol in Ann R Coll Surg Engl, vol. 70, nº 6, novembre 1988, pp. 357-60, PMID 3207325.
  11. ^ Lee TC, Coffey RJ, Currier BM, Ma XP, Canary JJ, Propranolol and thyroidectomy in the treatment of thyrotoxicosis in Annals of surgery, vol. 195, nº 6, giugno 1982, pp. 766-73, PMID 7082068.
  12. ^ Murray TJ, Treatment of essential tremor with propranolol in Can Med Assoc J., vol. 107, nº 10, 18 novembre 1972, pp. 984-6, PMID 5082025.
  13. ^ (NO) Dietrichs E, Kvikstad V, [Essential tremor] in Tidsskr Nor Laegeforen, vol. 128, nº 19, 9 ottobre 2008, pp. 2210-3, PMID 18846147.
  14. ^ Gorman WP, Cooper R, Pocock P, Campbell MJ, A comparison of primidone, propranolol, and placebo in essential tremor, using quantitative analysis in J Neurol Neurosurg Psychiatry, vol. 49, nº 1, gennaio 1986, pp. 64-8, PMID 3514797.
  15. ^ Cleeves L, Findley LJ, Beta-adrenoreceptor mechanisms in essential tremor: a comparative single dose study of the effect of a non-selective and a beta-2 selective adrenoreceptor antagonist in J Neurol Neurosurg Psychiatry, vol. 47, nº 9, settembre 1984, pp. 976-82, PMID 6148382.
  16. ^ Graham EM, Bandisode VM, Bradley SM, Crawford FA Jr, Simsic JM, Atz AM, Effect of preoperative use of propranolol on postoperative outcome in patients with tetralogy of Fallot in The American Journal of Cardiology, vol. 101, nº 5, 1º marzo 2008, pp. 693-5, DOI:10.1016/j.amjcard.2007.10.033, PMID 18308023.
  17. ^ Mahmoud AB, Tantawy AE, Kouatli AA, Baslaim GM, Propranolol: a new indication for an old drug in preventing postoperative junctional ectopic tachycardia after surgical repair of tetralogy of Fallot in Interact Cardiovasc Thorac Surg, vol. 7, nº 2, aprile 2008, pp. 184-7, DOI:10.1510/icvts.2007.160945, PMID 18089616.
  18. ^ Ohrström A, Pandolfi M, Long-term treatment of glaucoma with systemic propranolol in Am J Ophthalmol, vol. 86, nº 3, settembre 1978, pp. 340-4, PMID 717497.
  19. ^ Borthne A, The treatment of glaucoma with propranolol (Inderal). A clinical trial. in Acta Ophthalmologica, vol. 54, nº 3, luglio 1976, pp. 291-300, PMID 782144.
  20. ^ Sharma A, Madaan V, Petty F, Propranolol treatment for neuroleptic-induced akathisia in Prim Care Companion J Clin Psychiatry, vol. 7, nº 4, 2005, pp. 202-3, PMID 16163405.
  21. ^ Kramer MS, Gorkin R, DiJohnson C, Treatment of neuroleptic-induced akathisia with propranolol: a controlled replication study in The Hillside Journal of Clinical Psychiatry, vol. 11, nº 2, 1989, pp. 107-19, PMID 2577308.
  22. ^ Koller WC, Herbster G, Adjuvant therapy of parkinsonian tremor in Archives of neurology, vol. 44, nº 9, settembre 1987, pp. 921-3, PMID 3619710.
  23. ^ Strang RR, Clinical trial with a beta-receptor antagonist (propranolol) in parkinsonism in J Neurol Neurosurg Psychiatry, vol. 28, nº 5, ottobre 1965, pp. 404-6, PMID 5839555.
  24. ^ Léauté-Labrèze C et al., Propranolol for Severe Hemangiomas of Infancy in New England Journal of Medicine, vol. 358, 24 pagine=2649–2651, giugno 2008, DOI:10.1056/NEJMc0708819, PMID 18550886.
  25. ^ (DE) Kornischka J, Cordes J, Agelink MW, [40 years beta-adrenoceptor blockers in psychiatry] in Fortschr Neurol Psychiatr., vol. 75, nº 4, aprile 2007, pp. 199-210, DOI:10.1055/s-2006-944295, PMID 17200914.
  26. ^ Vieweg V, Pandurangi A, Levenson J, Silverman J, The consulting psychiatrist and the polydipsia-hyponatremia syndrome in schizophrenia in Int J Psychiatry Med, vol. 24, nº 4, 1994, pp. 275–303, PMID 7737786.
  27. ^ Kishi Y, Kurosawa H, Endo S, Is propranolol effective in primary polydipsia? in Int J Psychiatry Med, vol. 28, nº 3, 1998, pp. 315–25, PMID 9844835.
  28. ^ Goldstein MB, Folsom T, The successful treatment of psychogenic polydipsia and water intoxication with propranolol. A case report in Minnesota medicine, vol. 74, nº 4, aprile 1991, pp. 29-32, PMID 1875874.
  29. ^ (FR) Thibaut F, Colonna L, [Anti-aggressive effect of beta-blockers] in Encephale, vol. 19, nº 3, 1993, pp. 263–7, PMID 7903928.
  30. ^ Fleminger S, Greenwood RJ, Oliver DL, Pharmacological management for agitation and aggression in people with acquired brain injury in Cochrane Database Syst Rev, nº 4, 18 ottobre 2006, DOI:10.1002/14651858.CD003299.pub2, PMID 17054165.
  31. ^ Brunet A, Orr SP, Tremblay J, Robertson K, Nader K, Pitman RK, Effect of post-retrieval propranolol on psychophysiologic responding during subsequent script-driven traumatic imagery in post-traumatic stress disorder in Journal of Psychiatric Research, vol. 42, nº 6, maggio 2008, pp. 503-6, DOI:10.1016/j.jpsychires.2007.05.006, PMID 17588604.
  32. ^ Vaiva G, Ducrocq F, Jezequel K, Averland B, Lestavel P, Brunet A, Marmar CR, Immediate treatment with propranolol decreases posttraumatic stress disorder two months after trauma in Biological psychiatry, vol. 54, nº 9, 1º novembre 2003, pp. 947-9, DOI:10.1016/S0006-3223(03)00412-8, PMID 14573324.
  33. ^ McGhee LL, Maani CV, Garza TH, Desocio PA, Gaylord KM, Black IH, The effect of propranolol on posttraumatic stress disorder in burned service members in J Burn Care Res, vol. 30, nº 1, gennaio-febbraio 2009, pp. 92-7, PMID 19060728.
  34. ^ Glannon W, Psychopharmacology and memory in Journal of Medical Ethics, vol. 32, nº 2, pp. 74-8, DOI:10.1136/jme.2005.012575, PMID 16446410.
  35. ^ Ohnishi S, Sadanaga K, Katsuoka M, Weidanz W, Effects of membrane acting-drugs on plasmodium species and sickle cell erythrocytes in Mol Cell Biochem, vol. 91, 1-2, 1990, pp. 159–65, DOI:10.1007/BF00228091, PMID 2695829.
  36. ^ Singh N, Puri S, Interaction between chloroquine and diverse pharmacological agents in chloroquine resistant Plasmodium yoelii nigeriensis in Acta Trop, vol. 77, nº 2, 2000, pp. 185–93, DOI:10.1016/S0001-706X(00)00133-9, PMID 11080509.
  37. ^ Murphy S, Harrison T, Hamm H, Lomasney J, Mohandas N, Haldar K, Erythrocyte G protein as a novel target for malarial chemotherapy in PLoS Med, vol. 3, nº 12, dicembre 2006, pp. e528, DOI:10.1371/journal.pmed.0030528, PMID 17194200.
  38. ^ La fluvoxamina rallenta il metabolismo del propranololo, portando quindi a livelli ematici di propranololo superiori alla norma. van Harten J, Overview of the pharmacokinetics of fluvoxamine in Clin Pharmacokinet, 29 Suppl 1, 1995, pp. 1–9, PMID 8846617.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]