Myristica fragrans

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Myristica fragrans
Myristica fragrans - Köhler–s Medizinal-Pflanzen-097.jpg
Myristica fragrans
Stato di conservazione
Status none DD.svg
Dati insufficienti[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Divisione Magnoliophyta
Classe Magnoliopsida
Ordine Magnoliales
Famiglia Myristicaceae
Genere Myristica
Specie M. fragrans
Nomenclatura binomiale
Myristica fragrans
Houtt., 1774

Myristica fragrans è un albero originario delle isole Molucche (Indonesia) ed oggi coltivato nelle zone intertropicali. Parti del suo frutto vengono commercializzate come spezie: il seme decorticato è la noce moscata, mentre la parte esterna che lo ricopre fornisce il macis.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Myristica fragrans è un albero sempreverde, dioico, che può raggiungere l'altezza di 20 metri.

Seme[modifica | modifica wikitesto]

La noce moscata (da "noce di Mascate" che non è il luogo di origine ma è il posto dal quale cominciò ad essere commercializzata) è una spezia usata in cucina. Il seme della pianta, di forma ovale arrotondata, ha sapore e odore particolari, dovuti alla presenza di un olio aromatico.

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

Studi condotti su piante coltivate in India hanno individuato nel coleottero mirmecofilo Formicomus braminus (Anthicidae) l'insetto impollinatore di M. fragrans. Non è escluso che in natura altri insetti possano svolgere il medesimo ruolo.[2]

Coltivazione[modifica | modifica wikitesto]

È una coltivazione assolutamente tropicale. Il primo raccolto si ottiene dopo 7-9 anni dall'impianto e la piena produzione dopo 20 anni. La pianta può essere riprodotta per seme, ma frequentemente è propagata per via vegetativa (talee), tale ultima pratica è preferita in quanto è possibile propagare in maniera controllata gli esemplari femminili alternati ai maschili, i femminili sono ovviamente quelli che producono le noci (la pianta è dioica, quindi i due sessi sono su piante diverse).

Usi[modifica | modifica wikitesto]

Avvertenza
Alcuni dei contenuti riportati potrebbero generare situazioni di pericolo o danni. Le informazioni hanno solo fine illustrativo, non esortativo né didattico. L'uso di Wikipedia è a proprio rischio: leggi le avvertenze.

Farmaceutico[modifica | modifica wikitesto]

Agli inizi del Settecento, per le sue caratteristiche di antisettico fu considerato come rimedio per oltre cento malattie. Attenua nausea, vomito e diarrea, mentre il burro è efficace per uso esterno contro i dolori reumatici e nevralgici. Migliora la digestione, incrementa i movimenti peristaltici intestinali, favorisce il flusso biliare.[3]

Ad elevati dosaggi ha un effetto simil-stupefacente, che provoca allucinazioni e convulsioni.[senza fonte]

I principali costituenti attivi sono: la miristicina, l'elemicina e il safrolo.

Tossicità durante la gravidanza[modifica | modifica wikitesto]

Sebbene in ambito culinario sia ragionevole l'assunzione solo in piccoli quantitativi, in passato fu usato in alte dosi, in tali ultime condizioni fu utilizzato come abortivo: se è consumato in alte dosi, inibisce la produzione di prostaglandine che possono influenzare lo sviluppo del feto.

Il blocco nella sintesi di prostaglandine con applicazioni ad uso topico nel cuoio capelluto, svolge un ruolo anticalvizie.

Culinario[modifica | modifica wikitesto]

Oggi questa spezia è molto usata in cucina come ingrediente di dolci, budini e creme, ma anche della salsa besciamella[4], di purè e verdure lesse. Spesso, nella cucina italiana, viene aggiunta nei ripieni, tradizionalmente per tortellini, ravioli e cannelloni fatti a base di carne, formaggio o spinaci. Il suo aroma, in quantità moderate, è gradevole, caldo, piccante, esotico.

Galleria[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Myristica fragrans in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.3, IUCN, 2014.
  2. ^ Armstrong JE and Drummond BA, Floral Biology of Myristica fragrans Houtt. (Myristicaceae), the Nutmeg of Commerce in Biotropica 1986; 18(1): 32-38.
  3. ^ "Spezie", di Chiara Verlato, pubbl. su "Sapere & Salute", anno 10, dic.2005, num.56, pag.X-XI
  4. ^ Besciamella. Giallo Zafferano.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Myristica fragrans Botanic Pharm database: Sito dedicato alle più note specie botaniche di interesse farmaceutico con illustrazioni e descrizioni dettagliate e schematiche.