Mirmecofilia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Mirmecofilia è un termine che indica un rapporto di simbiosi, di commensalismo o di parassitismo con una comunità di formiche.
Il termine può riferirsi a una varietà di forme di vita quali piante, artropodi e altri organismi.

Numerose evidenze suggeriscono che l'evoluzione delle interazioni mirmecofile abbia contribuito al successo ecologico delle formiche, offrendo loro un vantaggio competitivo rispetto agli altri predatori invertebrati.[1]

Piante mirmecofile[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Piante mirmecofile.

Sono stati descritti oltre un centinaio di generi di piante mirmecofile (o mirmecofite).
Tra i più noti ci sono Acacia (Fabaceae), Cecropia (Urticaceae), Macaranga (Euphorbiaceae), Myristica (Myristicaceae), Myrmecodia (Rubiaceae), Myrmecophila (Orchidaceae), Nepenthes (Nepenthaceae), Ochroma (Bombacaceae), Platycerium (Polypodiaceae). [2][3][4][5][6][7][8]

Stipole spinose di Acacia cornigera. Sull'apice delle foglie sono visibili i corpi nutritivi del Belt.

Le piante mirmecofile posseggono diversi adattamenti strutturali che forniscono riparo e nutrimento alle formiche.
Alcune di esse hanno delle particolari strutture cave, le domazie, nelle quali ospitano le colonie di insetti. In alcune specie, per esempio Acacia cornigera, queste cavità si trovano all'interno di grandi stipole spinose, in altre, p.es. Cecropia pachystachya, all'interno degli internodi del fusto; esistono poi piante come le epifite Myrmecodia e Hydnophytum (Rubiaceae), che posseggono voluminose strutture tuberose, solcate da complessi sistemi di gallerie, dei veri e propri formicai.[3][4]
Le foglie di alcune mirmecofite producono dei corpuscoli nutritivi, ricchi di materiale lipo-proteico che fungono da nutrimento per le formiche[9]; altre hanno delle strutture ghiandolari specializzate, i nettàri extrafiorali, posti sulle foglie, i fusti o i giovani ramoscelli, in grado di produrre nettare per il nutrimento degli insetti.[10][11]
Le formiche ricambiano questi servizi garantendo protezione dagli insetti fitofagi, concimando la pianta con i loro escrementi, e in taluni casi contribuendo alla impollinazione e alla dispersione dei semi.

Artropodi mirmecofili[modifica | modifica wikitesto]

Interazione tra una formica e un bruco di Lycaenidae.
Formiche che si nutrono di melata prodotta dagli afidi

La maggior parte delle associazioni tra artropodi e formiche sono opportunistiche, non specifiche e facoltative, il che significa che entrambe le specie possono sopravvivere anche senza l'interazione; esistono comunque anche casi di mutualismo o parassitismo obbligato, in cui gli artropodi, almeno in una fase del loro ciclo vitale, dipendono dalle formiche per la loro sopravvivenza. Le associazioni obbligate mostrano una elevata specificità, coinvolgendo una singola specie o più specie di uno stesso genere di formiche.[12]

Esapodi[modifica | modifica wikitesto]

Una associazione mirmecofila ben nota è quella dei Lepidotteri della famiglia Lycaenidae. La maggior parte dei lepidotteri di questa famiglia contraggono associazioni, di tipo mutualistico o parassitario, obbligate o facoltative, con varie specie di formiche. Sia i bruchi che le pupe di questi lepidotteri utilizzano complessi segnali chimici o acustici per condizionare il comportamento delle formiche, ricevendone protezione contro i parassiti e i predatori.[13][14] Le larve posseggono delle strutture ghiandolari che secernono sostanze simili ai feromoni delle larve di formiche, in grado di condizionare il comportamento delle formiche limitandone l'aggressività e quindi inducendole alla tolleranza nei confronti dell'ospite. Alcune specie sono inoltre dotate di particolari strutture in grado di emettere segnali chimici che richiamano le formiche; ciò avviene in genere quando la larva è molestata da parassiti o predatori. In quasi tutte le Lycaeninae esiste infine una struttura ghiandolare specializzata, il cosiddetto nettario dorsale, che produce sostanze nutritive gradite alle formiche, contribuendo in maniera decisiva alla relazione mutualistica.[13]

Associazioni mutualistiche, nelle quali le specie mirmecofile forniscono ricompense alle formiche in cambio di protezione da parassiti e predatori, sono state descritte anche nei Rincoti Omotteri, in particolare tra le specie delle famiglie Aphididae[15], Membracidae[16], Micrococcidae[17], Pseudococcidae[18]. Tutte queste specie producono una secrezione zuccherina, la melata, molto apprezzata dalle formiche per le quali rappresenta una fonte di cibo altamente energetico[19]; queste ricambiano favorendo la diffusione degli omotteri da una pianta all'altra e proteggendoli dai loro predatori. Comportamenti mirmecofili sono stati osservati anche in alcune famiglie di Rincoti Eterotteri (Miridae[20], Schizopteridae[21]), ma le esatte modalità di queste relazioni sono ancora poco conosciute.

I coleotteri mirmecofili della famiglia Anthicidae mimano in maniera sorprendente l'aspetto delle formiche (mirmecomorfismo).

Tra i Coleotteri sono presenti numerosi organismi mirmecofili, che rappresentano l'intera gamma delle possibili interazioni.[1][22][23][24][25][26][27]
Per esempio tra le coccinelle è noto il caso di Thalassa saginata, le cui larve hanno una relazione obbligata specie-specifica con le colonie di Dolichoderus bidens (Dolichoderinae). Le larve di questi coccinellidi possiedono delle ghiandole che secernono sostanze attrattive per le formiche ed inoltre i composti della loro cuticola assomigliano a quelli delle larve delle formiche; ciò facilita la loro integrazione nella colonia e induce le formiche a proteggerle da parassiti e predatori[24]. Interazioni mirmecofile meno complesse sono note anche per gli adulti di altre specie di coccinellidi, che condividono con le formiche abitudini afidofaghe[25].
Interazioni mirmecofile basate su semplice commensalismo o predazione di larve e uova si osservano invece in numerose altre famiglie di coleotteri quali Anthicidae, che si distinguono per un aspetto sorprendentemente simile a quello delle formiche stesse (mirmecomorfismo), Brentidae, che si sviluppano spesso in alberi attaccati da formiche del genere Camponotus, Scarabaeidae (p. es. Cremastocheilus spp.), Histeridae (Haeterius spp.), Carabidae, Lucanidae, Cholevidae, Hydrophilidae, Scydmaenidae, Passalidae, Ochodaeidae, Ceratocanthidae, Elateridae, Lycidae, Dermestidae, Anobiidae, Nitidulidae, Monotomidae, Phalacridae, Cerylonidae, Endomychidae, Colydiidae, Tenebrionidae, Cerambycidae, Curculionidae, Chrysomelidae, Ptiliidae, Pselaphidae e Staphylinidae[22][23][26][27].

Esempi di mirmecofilia si hanno anche tra i Ditteri delle famiglie Stratiomyidae, Syrphidae, Scatopsidae, Mythicomyiidae, Phoridae, Milichiidae[28][29], tra gli Ortotteri della famiglia Myrmecophilidae[26] e tra i Tisanuri delle famiglie Ateluridae (p.es. Atelura formicaria, Proatelurina pseudolepisma) e Lepismatidae (p.es. Tricholepisma aurea)[30].

Associazioni mirmecofile sono state osservate inoltre anche tra i Collemboli (Cyphoderidae)[31].

Aracnidi[modifica | modifica wikitesto]

Nei ragni della famiglia Salticidae la mirmecofilia si associa spesso al mirmecomorfismo.

Esistono numerosi esempi di mirmecofilia anche tra gli Aracnidi, anche se la esatta natura delle interazioni è stata studiata solo in poche specie. La presenza di alcune specie all'interno dei formicai sembra essere occasionale, mentre in altre specie si hanno più chiari rapporti di commensalismo; il ciclo vitale di alcune specie infine si svolge interamente all'interno dei formicai.[32]
In alcune specie la mirmecofilia si associa al mirmecomorfismo, una forma di mimetismo caratterizzata da adattamenti morfologici che portano ad una marcata somiglianza con le formiche. Va precisato che non tutte le specie mirmecomorfe sono necessariamente mirmecofile.

Specie mirmecofile si trovano in almeno 12 differenti famiglie di ragni:[32][33]

Le interazioni tra ragni e formiche possono essere di varia natura.[34] Per esempio, il ragno mirmecofilo Masoncus pogonophilus vive come commensale all'interno delle colonie di Pogonomyrmex badius (Myrmicinae), predando piccoli collemboli ed altri microinvertebrati simbionti; l'impatto di tale interazione sull'equilibrio ecologico del formicaio è trascurabile[35]. Un'altra specie mirmecofila, Gamasomorpha maschwitzi, ospite delle colonie di formiche migratrici Leptogenys distinguenda (Ponerinae), si comporta da cleptoparassita nutrendosi di insetti catturati dagli ospiti.[36] Il corrinide Attacobius attarum parassita le colonie di Atta sexdens (Myrmicinae) nutrendosi delle larve dell'ospite.[37]
I ragni mirmecofili sfruttano meccanismi di integrazione nelle colonie di formiche analoghi a quelli osservati in alcune specie di insetti, riuscendo ad acquisire il loro stesso odore grazie ad adattamenti della composizione degli idrocarburi della loro cuticola.[38] Oltre al mimetismo chimico vengono messe in atto anche altri adattamenti comportamentali, che simulando i comportamenti delle formiche, riducono la loro aggressività nei confronti dell'intruso.[39]

Oltreché nei ragni la mirmecofilia è presente anche in alcune specie di acari oribatidi.[40]

Crostacei[modifica | modifica wikitesto]

Associazioni mirmecofile sono state descritte anche tra i crostacei, in particolare tra gli isopodi oniscidi della famiglia Platyarthridae (p.es. Platyarthrus hoffmannseggii, P.schoblii), i cui membri sono stati trovati all'interno dei formicai di numerose specie appartenenti a differenti generi.[41][42][43] Questi oniscidi sono dei veri e propri spazzini dei formicai, nutrendosi dei residui organici delle formiche, ma non disdegnano occasionalmente di nutrirsi anche della melata degli afidi, in un rapporto di commensalismo con le formiche. Oltreché nel genere Platyarthrus specie mirmecofile sono state descritte anche in Alloschizidium (Armadillidiidae), Exalloniscus (Oniscidae), Porcellionides (Porcellionidae) e Nagurus (Trachelipodidae).[1]

Altri organismi mirmecofili[modifica | modifica wikitesto]

Un caso di mirmecofilia è stato descritto anche tra i Molluschi: il gasteropode Allopeas myrmekophilos (Subulinidae) compie il suo ciclo vitale all'interno delle colonie di Leptogenys distinguenda, una specie di formiche nomadi della sottofamiglia Ponerinae. La integrazione nella colonia, favorita dalla secrezione da parte del gasteropode di sostanze schiumose attrattive, è tale che durante la migrazione della colonia da un sito di riproduzione all'altro, le formiche operaie si fanno carico del trasporto di questo piccolo mollusco al pari di quanto avviene con le proprie larve.[44]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Holldobler B and Wilson EO, Symbioses with Other Arthropods in The Ants, Cambridge, Massachusetts, The Belknap Press of Harvard University Press, 1990, pp. 471-529, ISBN 0674040759.
  2. ^ Fiala B, Maschwitz U, Pong TY, The association between Macaranga trees and ants in South-east Asia in Huxley & Cutler 1991, op.cit, pp. 263–270.
  3. ^ a b Janzen DH, Coevolution of Mutualism Between Ants and Acacias in Central America in Evolution 1966; 20(3): 249-275.
  4. ^ a b Jebb M, Cavity structure and function in the tuberous Rubiaceae in Huxley & Cutler 1991, op.cit, pp.374–389.
  5. ^ Heil M, Baumann B, Kruger R, Linsenmair KE, Main nutrient compounds in food bodies of Mexican Acacia ant-plants in Chemoecology 2004; 14(1): 45–52.
  6. ^ O'Dowd DJ, Pearl Bodies of a Neotropical Tree, Ochroma pyramidale: Ecological Implications in American Journal of Botany 1980; 67(4): 543-549.
  7. ^ Heil M, Fiala B, Linsenmair KE, Zotz G, Menke P, Maschwitz U, Food body production in Macaranga triloba (Euphorbiaceae): A plant investment in anti-herbivore defense via symbiotic ant partners in Journal of Ecology 1997; 85: 847– 861.
  8. ^ Rico-Gray V, Barber JT, Thien LB, Ellgaard EG and Toney JJ, An Unusual Animal-Plant Interaction: Feeding of Schomburgkia tibicinis (Orchidaceae) by Ants in American Journal of Botany 1989; 76(4): 603-608.
  9. ^ Rico-Gray V, Oliveira PS, The Ecology and Evolution of Ant-Plant Interactions, Chicago, IL, University of Chicago Press, 2007, pp. 42–51, 101–109.
  10. ^ Koptur S, Extrafloral nectarines of herbs and trees: modeling the interaction with ants and parasitoids in Huxley & Cutler 1991, op.cit, pp.213–230.
  11. ^ Heil M, Rattke J, Boland W, Postsecretory Hydrolysis of Nectar Sucrose and Specialization in Ant/Plant Mutualism in Science 2005; 308(5721): 560–563.
  12. ^ B. Stadler and T. Dixon,, Mutualism: Ants and their insect partners, Cambridge, Cambridge University Press, 2008.
  13. ^ a b Pierce NE, Braby MF, Heath A, Lohman DJ, Mathew J, Rand DB, Travassos MA, The ecology and evolution of ant association in the Lycaenidae (Lepidoptera) in Annual Review of Entomology, vol. 47, 2002, pp. 733-771.
  14. ^ Baumgarten H.T. & Fiedler K, Parasitoids of lycaenid butterfly caterpillars: different patterns in resource use and their impact on the hosts' symbiosis with ants in Zoologischer Anzeiger 236:167–180, 1998.
  15. ^ Stadler B, Dixon A.F.G, Ant attendance in aphids: why different degrees of myrmecophily? in Ecol. Entomol. 1999; 24: 363–369.
  16. ^ Morales M.A, Mechanisms and density dependence of benefit in an ant–membracid mutualism in Ecology 2000; 81, 482–489.
  17. ^ Family: Micrococcidae in Scale Insects, Agricultural Service Research, US Department of Agriculture.
  18. ^ Ho CT, Khoo KC, Partners in biological control of cocoa pests: mutualism between Dolichoderus thoracicus (Hymenoptera: Formicidae) and Cataenococcus hispidus (Hemiptera: Pseudococcidae) in Bull Entomol Res 1997; 87: 461–470.
  19. ^ Bluthgen N, Stork NE and Fiedler K, Bottom-up control and co-occurrence in complex communities: honeydew and nectar determine a rainforest ant mosaic in Oikos 2004; 106: 344-358.
  20. ^ Servadei 1972, op. cit., p. 306
  21. ^ (EN) Family Schizopteridae in Australian Faunal Directory, Australian Government, Department of the Environment, Water, Heritage and the Arts.
  22. ^ a b Akre RD and Rettenmeyer CW, Behavior of Staphylinidae associated with army ants (Formicidae: Ecitonini) in J. Kansas Entomol. Soc. 1966; 39: 745-782.
  23. ^ a b Bakr RF, Fadl H, Badawy RM, Sharaf MR, Myrmecophile Insecta associated with some ant species (Hymenoptera-Formicidae) in Egypt in Proc. 2nd Inter. Conf. Ent. Soc. Egypt 2007; 1: 207-235.
  24. ^ a b Orivel J, Servigne P, Cerdan P, Dejean A, Corbara B, The ladybird Thalassa saginata, an obligatory myrmecophile of Dolichoderus bidens ant colonies in Naturwissenschaften. 2004; 91(2): 97-100.
  25. ^ a b Majerus MEN, Sloggett JJ, Godeau J-F, Hemptinne J-L, Interactions between ants and aphidophagous and coccidophagous ladybirds in Population Ecology 2007; 49(1): 15-27.
  26. ^ a b c Navarrete Heredia JL, Beetles associated with Atta and Acromyrmex ants (Hymenoptera: Formicidae: Attini) in Trans Am Entomol Soc 2001; 127: 381-429.
  27. ^ a b Akino T, Chemical camouflage by myrmecophilous beetles Zyras comes (Coleoptera: Staphylinidae) and Diaritiger fossulatus (Coleoptera: Pselaphidae) to be integrated into the nest of Lasius fuliginosus (Hymenoptera: Formicidae) in Chemoecology 2002; 12: 83–89.
  28. ^ M.G Gardner,K Schönrogge, G.W Elmes and J.A Thomas, Increased genetic diversity as a defence against parasites is undermined by social parasites: Microdon mutabilis hoverflies infesting Formica lemani ant colonies in Proc. R. Soc. B 7 January 2007 vol. 274 no. 1606 103-110.
  29. ^ Brake I, Prosaetomilichia de Meijere: a junior subjective synonym of Milichia Meigen, with a phylogenetic review of the myrmecophila species-group (Diptera, Milichiidae) in Tijdschrift voor Entomologie 1999; 142: 31–36.
  30. ^ Molero-Baltanás R., Gaju-Ricart M., Bach de Roca C, Myrmecophilic Zygentoma (Insecta: Apterygota) from the ibero-balearic fauna in Pedobiologia 2002; 46(3-4): 284-295.
  31. ^ Steve Hopkin, The Biology of the Collembola, London Natural History Museum.
  32. ^ a b Cushing PE, Myrmecomorphy and Myrmecophily in spiders: a review in Florida Entomologist 1997; 80(2): 165-193.
  33. ^ Cushing PE, Spider-Ant Associations: An Updated Review of Myrmecomorphy, Myrmecophily, and Myrmecophagy in Spiders in Psyche: A Journal of Entomology 2012: 165–193, 2012. Distributed under the Creative Commons Attribution License.
  34. ^ Witte, A. Leingärtner, L. Sabab, R. Hashim, and S. Foitzik, Symbiont microcosm in an ant society and the diversity of interspecific interactions in Animal Behaviour 2008; 76: 1477–1486.
  35. ^ Cushing PE, Description of the spider Masoncus pogonophilus (Araneae, Linyphiidae), a harvester ant myrmecophile in Journal of Arachnology 1995; (23): 55–59.
  36. ^ Witte, H. Hänel, A. Weissflog, H. Rosli, and U. Maschwitz, Social integration of the myrmecophilic spider Gamasomorpha maschwitzi (Araneae: Oonopidae) in colonies of the South East Asian army ant, Leptogenys distinguenda (Formicidae: Ponerinae) in Sociobiology 1999; 34: 145–159.
  37. ^ Erthal M Jr. and Tonhasca A. Jr, Attacobius attarum spiders (Corinnidae): myrmecophilous predators of immature forms of the leaf-cutting ant Atta sexdens (Formicidae) in Biotropica 2001; 33: 374–376.
  38. ^ Nelson XJ, Jackson RR, Edwards GB e Barrion AT, Living with the enemy: jumping spiders that mimic weaver ants in The Journal of Arachnology 2005; 33: 813–819.
  39. ^ von Beeren C, Hashim R, Witte v, The Social Integration of a Myrmecophilous Spider Does Not Depend Exclusively on Chemical Mimicry in Journal of Chemical Ecology 2012; 38(3): 262-271.
  40. ^ F. Ito & G. Takaku, Obligate myrmecophily in an oribatid mite. Novel symbiont of ants in the Oriental tropics in Naturwissenschaften, vol. 81, nº 4, 1994, pp. 180–182, DOI:10.1007/BF01134538.
  41. ^ Dekoninck W, Lock K and Janssens F, Acceptance of two native myrmecophilous species, Platyarthrus hoffmannseggii (Isopoda: Oniscidea) and Cyphoderus albinus (Collembola: Cyphoderidae) by the introduced invasive garden ant Lasius neglectus (Hymenoptera: Formicidae) in Belgium in Eur. J. Entomol. 2007; 104: 159–161.
  42. ^ Tartally A., Horning E. & Espadaler X, The joint introduction of Platyarthrus schoblii (Isopoda; Oniscidea) and Lasius neglectus (Hymenoptera: Formicidae) into Hungary in Myrmecol. Nachr. 2004: 6: 61–66.
  43. ^ Elisabeth Hornung E., Vilisics F., Tartally A, Occurrence of Platyarthrus schoblii (Isopoda, Oniscidea) and its ant hosts in Hungary in European Journal of Soil Biology 2005; 41: 129–133.
  44. ^ Witte V., Janssen R., Eppenstein A. & Maschwitz U., Allopeas myrmekophilos (Gastropoda, Pulmonata), the first myrmecophilous mollusc living in colonies of the ponerine army ant Leptogenys distinguenda (Formicidae, Ponerinae) in Insectes Sociaux 49(4): 301–305, 2002, DOI:10.1007/PL00012646.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Servadei A, Zangheri S, MasuttiL., Entomologia generale ed applicata, Padova, CEDAM, 1972.
  • Huxley C.R., Cutler D.F., Ant-Plant Interactions, New York, NY, Oxford University Press, 1991, ISBN 0198546394.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]