Camponotus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Camponotus
Camponotus sideview 2.jpg
Camponotus ligniperda
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Ramo Bilateria
Phylum Arthropoda
Subphylum Tracheata
Superclasse Hexapoda
Classe Insecta
Sottoclasse Pterygota
Coorte Endopterygota
Superordine Oligoneoptera
Sezione Hymenopteroidea
Ordine Hymenoptera
Sottordine Apocrita
Sezione Aculeata
Superfamiglia Vespoidea
Famiglia Formicidae
Sottofamiglia Formicinae
Genere Camponotus
Mayr, 1861
Specie

Camponotus Mayr, 1861 è un genere di formiche appartenente alla sottofamiglia Formicinae.[1]

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Camponotus.sericeiventris.lateral.svg


Il genere comprende formiche di notevoli dimensioni (sino a quasi 3 cm di lunghezza in Camponotus gigas), che si caratterizzano per:

  • clipeo generalmente sviluppato, con l'inserzione delle antenne lontana dal margine anteriore del clipeo;
  • torace che forma un arco convesso;
  • presenza di un singolo peziolo conico fra il torace e l'addome.


Biologia[modifica | modifica sorgente]

Sono generalmente dette "formiche carpentiere" per l'abitudine di gran parte delle specie di nidificare all'interno di gallerie scavate nei tronchi d'albero o nel legno morto, ma esistono specie, come p.es. C. sericeus che costruiscono i loro nidi nel terreno[2], altre come C. mirabilis, che colonizzano le cavità dei fusti dei bambù[3], o altre come C. senex che costruiscono nidi setosi tra le fronde degli alberi[4]; alcune specie infine come C. gigas, possono costruire i loro nidi tanto nel legno quanto nel terreno [5].

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

Il genere ha una distribuzione cosmopolita essendo diffuso in tutti i continenti tranne l'Antartide.

Tassonomia[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Specie di Camponotus.

Comprende oltre 1000 specie, suddivise in vari sottogeneri.[6].

In Italia sono presenti le seguenti specie:[7]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Camponotus in The AntWeb.
  2. ^ Mody K, Linsenmair KE, Finding its place in a competitive ant community: leaf fidelity of Camponotus sericeus in Insectes Soc 2003; 50: 191–198.
  3. ^ Davidson DW, Castro-Delgado SR, Arias JA, Mann J, Unveiling a ghost of Amazonian rain forests: Camponotus mirabilis, engineer of Guadua bamboo in Biotropica 2006; 38: 653–660.
  4. ^ Santos JC, Yamamoto M, Rodrigues F, Del-Claro K, Behavioral repertory of the weaver ant Camponotus (Myrmobrachys) senex (Hymenoptera: Formicidae) in Sociobiology 2005; 46: 27–37.
  5. ^ Pfeiffer M, Linsenmair KE, Contributions to the life history of the Malaysian giant ant Camponotus gigas (Hymenoptera, Formicidae) in Insectes Soc 2000; 47: 123–132.
  6. ^ Camponotus in Encyclopedia Of Life. URL consultato il 30 dicembre 2009.
  7. ^ Fabio Stoch, Family Formicidae in Checklist of the Italian fauna online version 2.0, 2003. URL consultato il {{{2}}}.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

artropodi Portale Artropodi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di artropodi