Acacia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando la robinia, pianta impropriamente ma frequentemente nota come acacia, vedi Robinia pseudoacacia.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Acacia
Acacia confusa
Acacia confusa
Classificazione Cronquist
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Sottoregno Tracheobionta
Superdivisione Spermatophyta
Divisione Magnoliophyta
Classe Magnoliopsida
Sottoclasse Rosidae
Ordine Fabales
Famiglia Mimosaceae
Genere Acacia
Mill., 1754
Classificazione APG
Ordine Fabales
Famiglia Fabaceae
Sottofamiglia Mimosoideae
Specie
Acacia constricta
frutto di Acacia dealbata
Acacia karroo
Acacia melanoxylon
Acacia drepanolobium
Acacia sp.

Acacia Mill., 1754 è un genere di piante della famiglia delle Mimosaceae (o Fabaceae secondo la classificazione APG[1]).

In lingua italiana le piante più note comprese in questo genere sono definite mimose, mentre il termine acacia in lingua corrente si riferisce alla specie Robinia pseudoacacia.

Ci sono approssimativamente 1300 specie di Acacia al mondo, di cui circa 960 originarie dell'Australia e le rimanenti diffuse nelle regioni calde e a clima tropicale di entrambi gli emisferi, in Africa, nel sud-est asiatico e nelle Americhe.

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Specie di Acacia.
  • L'Acacia baileyana F. Muell. originaria dell'Australia, è una pianta rustica, albero o arbusto di 2–4 m di altezza, con ramificazioni più o meno pendule, ha foglie bipennate, con 4-8 divisioni ciascuna con 10-20 paia di foglioline lineari, di un colore verde-glauco argentato, in primavera portano racemi di 20-30 capolini globosi, con fiori di colore giallo-oro.
  • L'Acacia cultriformis A. Cunn. ex Benth originaria dell'Australia, arbusto sempreverde con fiori ermafroditi, raggiunge un'altezza di 4 m.
  • L'Acacia dealbata originaria dell'Australia, albero sempreverde con fiori profumati, ermafroditi, può arrivare a un'altezza di oltre 25 m. È la comune mimosa dei fiorai e della Giornata Internazionale della Donna.
  • L'Acacia farnesiana (L.) Willd. volgarmente chiamata Gaggia originaria delle zone calde del globo, si presenta come un arbusto o alberello, sempreverde nei climi miti, con tronco e rami spinosi, foglie bipennate. infiorescenze primaverili profumatissime e globose, di colore giallo-arancio, solitarie o in piccoli gruppi.
  • L'Acacia greggii A. Gray specie poco rustica, originaria degli U.S.A. (New Mexico, Texas e Arizona) arbusto, o a volte piccolo albero alto 5–7 m, con foglie bipinnate, fiori di colore giallo-chiaro, riuniti in infiorescenze, frutti lunghi una decina di centimetri.
  • L'Acacia iteaphylla F. Muell. ex Benth. specie poco rustica originaria dell'Australia, arbusto alto 3–4 m con rami penduli o ascendenti, di colore verde-grigiastro, i giovani rami presentano apici di colore rosso-porpora, piccioli fogliari appiattiti e simili a foglie (fillodi) lanceolati, di colore verde-bluastro argentato, in primavera porta racemi ascellari con 8-12 gruppi di 6-12 capolini globosi di colore giallo-citrinoe, frutti lunghi 6–12 cm, di colore verde-bluastro
  • L'Acacia karroo Hayne (= Acacia horrida) specie abbastanza rustica originaria del Sud Africa, grande arbusto o albero di 10–15 m dalla chioma tondeggiante, le foglie bipennate, sono composte da 2-6 paia di pinne, ciascuna con 5-20 paia di foglioline oblunghe, stipole spinose, infiorescenze estive, globose e profumate di colore giallo-intenso, riunite in gruppi di 5-8.
  • L'Acacia nilotica (L.) Delile subsp. leiocarpa Brenan specie poco rustica originaria dell'Africa tropicale, albero di 10 m d'altezza, con chioma tondeggiante e allargata, foglie bipennate, con stipole lunghe e spinose di colore rosso-brunastro, infiorescenze primaverili, ascellari e globose, solitarie o in gruppi di 2-6, di colore giallo-intenso.
  • L'Acacia podalyriifolia A. Cunningham ex G. Don originaria dell'Australia, albero sempreverde, con fiori profumati, ermafroditi, non supera l'altezza di 3 m.
  • L'Acacia retinoides Schldl. specie di buona rusticità originaria dell'Australia e della Tasmania, arbusto o alberello, con piccioli fogliari appiattiti e simili a foglie (fillodi) allungati e stretti, racemi primaverili e autunnali, di 6-12 fiori profumati e di colore giallo-pallido.
  • L'Acacia rubida Cunn. specie di buona rusticità originaria dell'Australia, arbusto o alberello di 2–10 m d'altezza, con rami appiattiti, di forma angolosa, glabri, con i giovani rami di colore rosso-brunastro, piccioli fogliari appiattiti e simili a foglie (fillodi) lanceolati, di colore verde-bluastro o rossastro, a volte presenti anche foglie giovanili bipennate, infiorescenze primaverili lunghe 10–15 cm, formate da 10-15 fiori globosi portati da peduncoli di colore rossastro.
  • L'Acacia terminalis (Salisb.) Macbr. (= Acacia botrycephala) specie poco rustica originaria dell'Australia, arbusto o piccolo albero con foglie bipennate formate da 10-15 paia, di colore verde scuro, infiorescenze primaverili globose, di colore giallo-scuro riunite in racemi terminali.
Una Acacia heterophylla sull'isola di Réunion

Coltivazione[modifica | modifica wikitesto]

Le Acacia preferiscono terreno asciutto e ben drenato non calcareo, posizione in pieno sole riparata dai venti freddi, nelle località a clima freddo si possono coltivare in vaso per poterle riparare in locali idonei nei mesi invernali.

Dopo la fioritura è da prevedere sempre un'energica potatura. Le specie più comuni fioriscono durante l'inverno o all'inizio della primavera.

La moltiplicazione avviene per semina per talea o per innesto sopra un soggetto ottenuto da seme di A. retinodes.

Usi[modifica | modifica wikitesto]

È indicata nelle diete dato che diminuisce il senso di fame e produce un effetto lassativo ed attenua l'assorbimento dei grassi e degli zuccheri.[2]

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • La Massoneria ha scelto come simbolo floreale l'acacia, pianta con grande valore simbolico collegata alla leggenda del Maestro Hiram[3], in quanto ritenuta vigorosa e gentile simbolo di immortalità e purezza, che non appassisce mai durante il corso delle stagioni eppure si rinnova sempre.
  • Ha il significato di innocenza; l'acacia bianca è simbolo di amore platonico.
  • L'acacia è l'albero che forniva il sacro legno Shittim degli Ebrei.
  • Delle circa 960 specie originarie dell'Australia, una in particolare è molto famosa a livello internazionale: Acacia pycnantha (in inglese: golden wattle), i cui colori giallo e verde (molto simili, a vista, a quelli della mimosa) sono utilizzati dalle squadre sportive delle federazioni australiane. Questo è il motivo per il quale le divise di tutte le squadre sportive nazionali del Paese del canguro (ivi inclusi calcio, basket, atletica, ciclismo, pallavolo e rugby ) utilizzano la combinazione giallo-verde in luogo di quella blu-rosso-bianco, che invece rimanderebbe direttamente ai colori della bandiera nazionale.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Angiosperm Phylogeny Group, An update of the Angiosperm Phylogeny Group classification for the orders and families of flowering plants: APG III in Botanical Journal of the Linnean Society, vol. 161, nº 2, 2009, pp. 105–121, DOI:10.1111/j.1095-8339.2009.00996.x. URL consultato il 26 febbraio 2014.
  2. ^ "Farmacia al naturale", di Luca Fioretti, pubbl. su "Sapere & Salute", anno 3, giugno 1998, num.15, pag.44
  3. ^ Domenico V. Ripa Montesano, Vademecum di Loggia, Roma, Edizione Gran Loggia Phoenix, 2009, ISBN 978-88-905059-0-4.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

botanica Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di botanica