Bombacaceae

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Bombacaceae
Baobob tree.jpg
Adansonia digitata in Africa
Classificazione Cronquist
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Divisione Magnoliophyta
Classe Magnoliopsida
Ordine Malvales
Famiglia Bombacaceae
Kunth, 1822
Classificazione APG
Ordine Malvales
Famiglia Malvaceae
Sottofamiglia Bombacoideae
Generi
  • vedi testo

Le Bombacacee (Bombacaceae Kunth, 1822) sono una famiglia di alberi tropicali dell'ordine Malvales, diffusa in America del Sud e America centrale, Africa, Asia e Oceania.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Comprende diverse specie di alberi, tra i quali i baobab africani e gli alberi bottiglia sudamericani, dotati di tronchi rigonfi, caratterizzati da tessuti specializzati per l'immagazzinamento di acqua.
Hanno generalmente foglie caduche, lobate, semplici o composte, con un corto picciolo.
I fiori, in genere appariscenti e molto profumati, hanno 5 petali, con colorazioni e pattern vivaci, e possono essere solitari o riuniti in infiorescenze. In molte specie si aprono al crepuscolo e si richiudono all'alba.
I frutti sono per lo più capsule e contengono numerosi semi, avvolti spesso in una morbida peluria.

Distribuzione[modifica | modifica sorgente]

Bombacaceae range.jpg

L'areale delle Bombacaceae comprende la zona tropicale e subtropicale di America, Africa, Asia e Oceania.

Il maggior numero delle specie è concentrato in America centrale, America del Sud e Africa subsahariana.

Tassonomia[modifica | modifica sorgente]

La famiglia Bombacaceae comprende 180 specie ripartite in 29 generi:

In passato figurava in questa famiglia il genere Chorisia, recentemente assorbito dal genere Ceiba [1][2].

La moderna classificazione APG raggruppa le Bombacaceae, assieme alle Tiliaceae e alle Sterculiaceae, in seno alla famiglia Malvaceae, attribuendogli il rango di sottofamiglia (Bombacoideae) [3].

Alcune specie[modifica | modifica sorgente]

Riproduzione[modifica | modifica sorgente]

La quasi totalità delle specie si riproduce per impollinazione zoocora, mediata da alcuni mammiferi (lemuri e altri primati, piccoli marsupiali, pipistrelli), da alcune specie di uccelli (Trochilidae) e da insetti (soprattutto farfalle della famiglia Sphingidae) [4] [5] [6].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Gibbs P., Semir J, Revisión taxonomica del genero Ceiba Mill. (Bombacaceae) in Anales del Jardín Botánico de Madrid, 2002; 60(2): 259-300.
  2. ^ Kubitzki, K. & Bayer, C., The Families and Genera of Vascular Plants Vol. 5: Malvales, Capparales and Non-betalain Caryophyllales, 2003.
  3. ^ The Angiosperm Phylogeny Group, An update of the Angiosperm Phylogeny Group classification for the orders and families of flowering plants: APG II in Botanical Journal of the Linnean Society 2003; 141: 399–436.
  4. ^ David A. Baum, The Comparative Pollination and Floral Biology of Baobabs (Adansonia, Bombacaceae) in Annals of the Missouri Botanical Garden, Vol. 82, No. 2 (1995), pp. 322-348.
  5. ^ Gribel R., Gibbs P.E. and Queiróz A.L., Flowering phenology and pollination biology of Ceiba pentandra (Bombacaceae) in Central Amazonia in Journal of Tropical Ecology 1999; 15: 247-263.
  6. ^ Gribel R., Visits of Caluromys lanatus (Didelphidae) to Flowers of Pseudobombax tomentosum (Bombacaceae): A Probable Case of Pollination by Marsupials in Central Brazil in Biotropica, 1988; 20(4): 344-347.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

botanica Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di botanica