Myrmecophila (botanica)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Myrmecophila
Schomburgkia tibicinis1.jpg
Fiore di Myrmecophila tibicinis
Classificazione Cronquist
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Superdivisione Spermatophyta
Divisione Magnoliophyta
Classe Liliopsida
Sottoclasse Liliidae
Ordine Orchidales
Famiglia Orchidaceae
Sottofamiglia Epidendroideae
Tribù Epidendreae
Sottotribù Laeliinae
Genere Myrmecophila
Rolfe, 1917
Classificazione APG
Regno Plantae
(clade) Angiosperme
(clade) Monocotiledoni
Ordine Asparagales
Famiglia Orchidaceae
Specie

vedi testo

Myrmecophila Rolfe, 1917 è un genere di piante della famiglia Orchidaceae, diffuso in America centrale.[1]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Foglie e pseudobulbi di Myrmecophila sp.

Il genere comprende specie sia epifite che litofite, dotate di grandi pseudobulbi cavi, solcati, conico-cilindrici, lunghi sino a 45 cm.
Le foglie, ellittico-ovate, sono coriacee e resistenti, disposte all'apice degli pseudobulbi.
I fiori, di colore dal bianco al giallo, dal rosa al porpora, fragranti, sono raggruppati in infiorescenze apicali erette, lunghe anche più di 4 m.

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

Il nome del genere è un chiaro riferimento al rapporto mutualistico che queste piante contraggono con comunità di formiche (mirmecofilia), usualmente ospitate all'interno di cavità ricavate all'interno degli pseudobulbi. Le formiche si nutrono del nettare della pianta e in cambio forniscono alla pianta sostanze nutritive, sotto forma di formiche e altri insetti morti, semi, residui vegetali e inorganici, che vengono stipati all'interno degli pseudobulbi.
Tra le specie di formiche associate con le Myrmecophila vi sono Camponotus spp. (C. planatus, C. abdominalis, C. rectangularis), Brachymyrmex ssp., Crematogaster spp., Monomorium ebenium, Paratrechina longicornis, Zacryptocerus maculatus e Ectatomma tuberculatum.[2]

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

Il genere comprende le seguenti specie:[1]

Alcune di esse in passato erano attribuite al genere Schomburgkia e furono segregate in Myrmecophila da Robert Allen Rolfe nel 1917.

Ibridi[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Myrmecophila in World Checklist of Orchidaceae, Board of Trustees of the Royal Botanic Gardens, Kew. URL consultato il 17 dicembre 2012.
  2. ^ Rico-Gray V, Barber JT, Thien LB, Ellgaard EG and Toney JJ, An Unusual Animal-Plant Interaction: Feeding of Schomburgkia tibicinis (Orchidaceae) by Ants in American Journal of Botany 1989; 76(4): 603-608.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

botanica Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di botanica