Sesamum indicum

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – "Sesamo" rimanda qui. Se stai cercando il test, vedi SESAMO.


Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Sesamum indicum
Sesamum indicum - Köhler–s Medizinal-Pflanzen-129.jpg
Classificazione Cronquist
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Divisione Magnoliophyta
Classe Magnoliopsida
Ordine Scrophulariales
Famiglia Pedaliaceae
Genere Sesamum
Specie S. indicum
Classificazione APG
Ordine Lamiales
Famiglia Pedaliaceae
Nomenclatura binomiale
Sesamum indicum
L.
Sinonimi

Sesamum orientale

Nomi comuni

Sesamo

Il sesamo (Sesamum indicum L.) è una pianta erbacea della famiglia delle Pedaliaceae, originaria dell'India e dell'Africa, i cui semi sono utilizzati nell'alimentazione umana.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

È una pianta annuale che raggiunge i 50 (massimo 100) cm di altezza con foglie lanceolate anche molto lunghe. I fiori sono bianchi e tubolari lunghi dai 3 ai 5 cm. I semi sono piccoli, bianchi o neri, a seconda delle varietà. La zona d'origine della pianta è sconosciuta, ma numerose specie selvatiche sono comuni in Africa e alcune altre in India.

Trattamento[modifica | modifica sorgente]

I semi di sesamo vengono conservati essiccati o tostati; a seconda del trattamento i semini appariranno di colore più chiaro o con tonalità più scura. Il sesamo non contiene glutine e quindi è perfetto per la preparazione di alimenti per celiaci.

I semi di sesamo sono ricchi di olio. L'olio di sesamo viene estratto ed usato a scopi industriali; in alcune nazioni dell'Asia (Giappone, Corea, Cina, India) è usato anche per l'alimentazione umana[1].

Sesamo bianco[modifica | modifica sorgente]

Consiste nei semi di alcune varietà chiare, semplicemente essiccati.

Semi di S. indicum


  • In Sicilia il sesamo (chiamato "giuggiulena") viene aggiunto al pane, e si usa per produrre una varietà di croccante.
  • Nella cucina coreana i semi servono per preparare piatti tipici come il bulgogi e il sannakji
  • Dai semi si ricava altresì la tahina, condimento tipico della cucina mediorientale
  • Ha un alto valore energetico, pari a 568 kcal per 100 g di prodotto[2]

Sesamo nero[modifica | modifica sorgente]

Il sesamo nero è il seme tipico di alcune varietà a seme scuro, il termine è usato per diverse varietà.

I semi, soprattutto del sesamo nero, possono o meno essere tostati, a seconda degli usi. Il sesamo scuro ha un sapore più intenso e oleoso del sesamo bianco. È usato quasi esclusivamente nelle cucine dell'estremo oriente, perciò è poco conosciuto in Europa fatta eccezione per la cucina greco-turca (è conosciuto come shamar o mavro, dal greco μαύρο che significa, appunto, nero), dove lo si può trovare mescolato al sesamo bianco per guarnire il pane.

Il sesamo nero è ingrediente importante di molte ricette cinesi e giapponesi:

  • Semi di sesamo nero, soli o mescolati con sesamo bianco, possono essere utilizzati per formare la crosta esterna del sushi uramaki.
  • La zuppa dolce di sesamo nero è un piatto cantonese molto popolare insieme ai rotolini di gelatina di sesamo nero.

Credenze religiose[modifica | modifica sorgente]

Anticamente in India era prevista un'offerta di quattro vasi di sesamo nero nelle cerimonie funebri; tale offerta avrebbe favorito il passaggio del defunto nell'aldilà. Ancora oggi i semi di sesamo (sia bianco sia nero) sono considerati un simbolo di immortalità e profondamente legati ai culti sacri.

Produzione[modifica | modifica sorgente]

Produzione in tonnellate di semi di sesamo. Dati 2004-2005
Dati FAO - dal database FAO consultato il 14 novembre 2006

Cina Cina 704 458,00 22 % 725 470,00 22 %
India India 680 000,00 21 % 680 000,00 21 %
Birmania Birmania 550 000,00 17 % 550 000,00 17 %
Sudan Sudan 300 000,00 9 % 300 000,00 9 %
Uganda Uganda 110 000,00 3 % 110 000,00 3 %
Niger Niger 75 000,00 2 % 75 000,00 2 %
Bangladesh Bangladesh 49 000,00 2 % 50 000,00 2 %
Rep. Centrafricana Rep. Centrafricana 42 800,00 1 % 42 800,00 1 %
Thailandia Thailandia 41 000,00 1 % 42 000,00 1 %
Tanzania Tanzania 41 000,00 1 % 41 000,00 1 %
Egitto Egitto 37 382,00 1 % 37 000,00 1 %
Guatemala Guatemala 35 049,00 1 % 35 049,00 1 %
Messico Messico 33 100,00 1 % 35 000,00 1 %
Ciad Ciad 35 000,00 1 % 35 000,00 1 %
Paraguay Paraguay 34 000,00 1 % 33 300,00 1 %
Altri paesi 478 390,00 15 % 434 760,00 13 %
Totale 3 246 179,00 100 % 3 226 379,00 100 %

Medicina[modifica | modifica sorgente]

Avvertenza
Le informazioni qui riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. Questa voce ha solo scopo illustrativo e non sostituisce il parere di un medico: leggi le avvertenze.

Il sesamo per la presenza di alcune proteine (Bet v1, Ses I1, Ses I2 e Ses I3) può essere causa di allergia alimentare[3].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Atlante delle coltivazioni erbacee-Sesamo
  2. ^ Calorie semi di sesamo.
  3. ^ Data base allergeni. URL consultato il 4 luglio 2010.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]