Miristicina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Miristicina
Miristicina
Myristicin 3d structure.png
Nome IUPAC
4-Metossi-6-prop-2-enil-benzo[1,3]diossolo
Nomi alternativi
miristicina
3-metossi,4,5-metilendiossi-allilbenzene
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolare C11H12O3
Massa molecolare (u) 192,21
Aspetto olio incolore
Numero CAS [607-91-0]
Numero EINECS 210-146-9
PubChem 4276
Proprietà chimico-fisiche
Densità (g/cm3, in c.s.) 1,1437
Solubilità in acqua 46,4 mg/L
Temperatura di fusione −20 °C (253 K)
Temperatura di ebollizione 276,5 °C (549,5 K)
Indicazioni di sicurezza
Simboli di rischio chimico
tossico a lungo termine

attenzione

Frasi H 361f - 412
Consigli P 273 - 281 [1]

La miristicina è una sostanza presente negli olii essenziali di alcuni vegetali.

Le sue caratteristiche neurotossiche la rendono pertanto una sostanza antinutrizionale. È presente negli olii essenziali di alcune piante edibili, come il prezzemolo, noce moscata, aneto e carote; comunque la concentrazione non è tale da sortire effetti tossici per le normali dosi usate in cucina.

Un alto contenuto relativo è stato rinvenuto nei semi della rarissima Portenschlagiella ramosissima.[2]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Sigma Aldrich; rev. del 04.10.2012
  2. ^ Maerean B. Bohannon, Robert Kleiman, Myristicin. The Major Volatile Component in Mature Seed of Portenschlagia ramosissima, Lipids, Vol. 12, No. 3, (1977), p. 321

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

chimica Portale Chimica: Il portale della scienza della composizione, delle proprietà e delle trasformazioni della materia