Paella

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Paella
ValencianPaella.jpg
Origini
IPA /paˈeʎa/
Luogo d'origine Spagna Spagna
Diffusione Penisola Iberica, Mar Mediterraneo, America Meridionale
Zona di produzione Valencia
Dettagli
Categoria primo piatto
Ingredienti principali Riso, Zafferano, Carne o Frutti di mare
Varianti Biryani, Risotto, Arroz con pollo, Arroz con costra
 

La paella è un piatto tradizionale della cucina valenciana in Spagna, diffusosi in tutto il Mar Mediterraneo e nell'America Latina. Il piatto, a base di riso, zafferano e carne, è simile al risotto italiano, al pilaf turco o al biryani indo-pakistano e viene preparato nella tipica padella da cui prende il nome, la paella o paellera.

Etimologia del nome[modifica | modifica sorgente]

Una paella o paellera

Etimologicamente la parola valenciana[1][2][3] paella deriva dal latino patella, dal quale sono derivati anche il francese poêle, lo spagnolo medievale padilla e l'italiano padella. In origine il termine indicava una padella larga e poco profonda in ferro, munita di due impugnature opposte[4], che veniva utilizzata nella Comunità Valenciana per cucinare vari piatti a base di riso o di fedelini (una pasta simile a spaghetti).

Con la progressiva estensione del termine paella nell'indicare il piatto preparato tramite lo strumento, quest'ultimo ha preso il nome di padellera[4], che tuttavia nella comunità valenciana indica invece la persona incaricata di preparare il piatto[4].

La paella è di forma circolare, e si differenzia da altre padelle, oltre che per le due impugnature laterali, per le sue dimensioni. La profondità è di circa cinque-sei centimetri, mentre il diametro varia in base al numero di commensali: indicativamente, per 4 persone si usa una paella da 45 cm, per 10 persone quella da 1 metro. In occasioni particolari, per esempio per sagre paesane o feste di beneficenza, si possono vedere all'opera paelles di dimensioni gigantesche, che superano i 2 metri di diametro[senza fonte].

Il piatto[modifica | modifica sorgente]

La ricetta della Paella alla Valenciana, resa standard in quanto considerato un piatto tradizionale della cultura valenciana[5], prevede riso, e la rosolatura di carne marinata, verdure verdi, aglio, pomodori e fagioli, ai quali si aggiungono lumache, brodo e spezie, come paprica, zafferano e rosmarino.

La ricetta originale prevede due tipi di riso : bomba o senia fatta con pollo e coniglio con l'opzione anche del tacchino, carciofi, fagiolini lunghi e piatti (in italia non si trovano) fagioli grandi bianchi, dovrebbe riportare lumache che non a molti piacciono quindi quasi mai vengono aggiunte, salsa di pomodoro e peperoni in polvere e colorante alimentare, inoltre verso la fine della cottura si aggiunge il rosmarino per alcuni minuti per acquisire sapore ,poi si toglie via.[senza fonte]

Paella de Marisco

La variante più comune della paella è la Paella de Marisco ((ES) marisco: molluschi), ovvero ai frutti di mare, diffusasi dalle coste mediterranee, che sostituisce la carne con crostacei o molluschi, come cozze, scampi e seppie[6].

Altre varianti, pur mantenendo gli ingredienti base come riso e zafferano, mescolano frutti di mare e carne assieme[7].

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (ES) Definizione ed etimologia della parola Paella, Diccionario de la Real Academia Española's (DRAE). URL consultato il 20 febbraio 2014.
  2. ^ (EN) Definizione ed etimologia della parola Paella, Merriam Webster. URL consultato il 20 febbraio 2014.
  3. ^ (EN) Definizione ed etimologia della parola Paella, The American Heritage Dictionary. URL consultato il 20 febbraio 2014.
  4. ^ a b c (ES) El recipiente, La Padella.net. URL consultato il 20 febbraio 2014.
  5. ^ Vincent Marquès, Els millors arrossos valencians, Alfaní, 2004, ISBN 978-84-933386-0-2.
  6. ^ (ES) Juanry Segui, Paella de Marisco, La Cocina de Juanry.es. URL consultato il 20 febbraio 2014.
  7. ^ (EN) Mixed Paella, Spain Recipes.com. URL consultato il 20 febbraio 2014.