Bietola

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Swiss Chard.jpg
Bietola rossa e gialla

La bietola (Beta vulgaris var. cicla) è una varietà di barbabietola (Beta vulgaris), pianta appartenente alla famiglia delle Chenopodiaceae (Amaranthaceae secondo la classificazione APG[1]).

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

È una varietà biologica di Beta vulgaris, una pianta erbacea sia biennale sia annuale, con foglie grandi di colore verde brillante. I gambi sono bianchi, rossi o gialli secondo la varietà.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

È nativa dell'Europa meridionale, dove cresce spontanea nella regione del Mediterraneo. Ne esistono numerose varietà dato che si coltiva in tutte le zone temperate del mondo.

Informazioni nutrizionali[modifica | modifica sorgente]

È una verdura molto apprezzata dato che contiene vitamine, fibre, acido folico e sali minerali. Le foglie esteriori, che sono le più verdi, contengono la maggior quantità di vitamine e carotene.

Si può consumare tutta la pianta incluso le foglie e il gambo. Le foglie vengono raccolte quando sono ancora piccole (meno di 20 cm).

Le informazioni nutrizionali corrispondono a 175 grammi [2]

nutriente quantità RDA %
vitamina K 572.80 mcg 716
vitamina A 5493.25 IU 109.9
vitamina C 31.50 mg 52.5
magnesio 150.50 mg 37.6
manganese 0.58 mg 29.0
potassio 960.75 mg 27.4
ferro 3.96 mg 22.0
vitamina E 3.31 mg 16.6
Fibra alimentare 3.68 g 14.7
rame 0.29 mg 14.5
calcio 101.50 mg 10.2
Triptofano 0.03 g 9.4
vitamina B2 0.15 mg 8.8
vitamina B6 0.15 mg 7.5
proteine 3.29 g 6.6
fosforo 57.75 mg 5.8
vitamina B1 0.06 mg 4.0
zinco 0.58 mg 3.9
acido folico 15.05 mcg 3.8
biotina 10.50 mcg 3.5
vitamina B3 0.63 mg 3.1
vitamina B5 0.29 mg 2.9

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Angiosperm Phylogeny Group, An update of the Angiosperm Phylogeny Group classification for the orders and families of flowering plants: APG III in Botanical Journal of the Linnean Society 161(2 ): 105–121, 2009, DOI:10.1111/j.1095-8339.2009.00996.x. URL consultato il 30 aprile 2011.
  2. ^ WHFoods: Swiss chard

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]