Meticcio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Distribuzione dei meticci nell'America Latina

Con il termine meticcio (dallo spagnolo mestizo e portoghese mestiço) si definivano in origine gli individui che nascevano dall'incrocio fra i conquistadores o coloni europei, tipicamente spagnoli e portoghesi, e le popolazioni amerindie indigene precolombiane.

Al giorno d'oggi i meticci costituiscono la varietà antropologica prevalente nella maggior parte dei Paesi latinoamericani.

Attualmente il termine viene usato anche in senso generico, anche riferendosi ad altre specie animali, indicando individui nati dall'incrocio di due razze diverse, oppure senza attestato che certifichi la razza (pedigree).

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

I meticci, che presentano carnagione bruno-rossastra con occhi scuri e capelli solitamente scuri e lisci, erano la tipologia primaria di interazione tra le genti europee e indios, con tutta una stratificazione gerarchica sociale derivante dal grado di mescolanza delle due etnìe, descritta e standardizzata a partire dal XVI secolo nelle Caste Coloniali del Nuovo Mondo.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]