Cuyo (Argentina)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Curly Brackets.svg
A questa voce o sezione va aggiunto il template sinottico {{Regione geografica}}
Per favore, aggiungi e riempi opportunamente il template e poi rimuovi questo avviso.
Per le altre pagine a cui aggiungere questo template, vedi la relativa categoria.

Cuyo è una regione geografica e storica dell'Argentina centro-occidentale, caratterizzata da un territorio montuoso e nota per la produzione vinicola. Storicamente comprendeva le province di San Juan, San Luis e Mendoza. Il termine Nuovo Cuyo è di origine moderna, e indica sia il Cuyo propriamente detto che la provincia di La Rioja. Il Nuovo Cuyo è una macroregione politica ed economica, ma culturalmente La Rioja fa parte del nord-ovest piuttosto che del Cuyo.

Cuyo possiede alcune delle più popolari attrazioni turistiche dell'Argentina e i più alti rilievi delle Ande, compreso lo stesso Aconcagua, il più alto picco al di fuori dell'Asia, nonché il Parco Provinciale Ischigualasto.

Il suolo è arido e rossiccio, attraversato da pochi fiumi, la maggior parte dei quali sono alimentati dallo scioglimento della neve sui picchi, e il loro volume d'acqua aumenta considerevolmente in primavera. Il fiume Desaguadero è il collettore principale, ricevendo le acque dai fiumi Bermejo, Vinchina e Salado prima di raggiungere il fiume Colorado.

La regione è fortemente vocata all'agricoltura, in particolare alla viticoltura: si tratta infatti della principale zona di produzione vinicola del Sudamerica, per volume di raccolta e superficie coltivata.[1] Con 16 milioni di ettolitri all'anno, la regione di Cuyo produce l'80% di tutto il vino argentino e si pone al quinto posto tra le regioni vinicole di tutto il mondo.[2][3] La provincia di Mendoza è infatti l'ottava capitale vitivinicola più importante del mondo.[4] Sono inoltre coltivati olio, patate, pomodori e altri frutti, e vi è un'importante produzione alimentare, soprattutto di dolci e alimenti conservati. Tra le altre industrie presenti, sono infine da citare quella mineraria e petrolifera.

Le città e le cittadine della regione sono caratterizzate da case e chiese basse di foggia coloniale e da strade strette, che nelle città principali contrastano con le parti moderne. L'Universidad Nacional de Cuyo, fondata nel 1939, è la più importante università di queste province: il campus si trova a Mendoza, ma ha facoltà fino a Río Negro.

Dati demografici della regione di Cuyo
Provincia Popolazione % di Cuyo Area (km²) % di Cuyo Densità (ab./km²)
Mendoza 1.741.610 61,03 148.827 47,21 11,7
San Juan 680.427 23,84 89.651 28,44 7,6
San Luis 431.588 15,12 76.748 24,34 5,6
Totale Cuyo 2.853.625 100 315.226 100 9,1
Totale Argentina 40.091.359 - 2.567.607 - 15,6
Fonte: Censimento 2010, INDEC.[5]

Turismo[modifica | modifica wikitesto]

Come in altre zone dell'Argentina, il turismo naturalistico è un'importante fonte di reddito, per le numerose attrazioni che offre. Tra i siti e gli eventi maggiormente visitati, i più famosi sono i seguenti:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (ES) OIV - Organización Internacional de la Viña y el Vino. URL consultato il 2 ottobre 2010.
    «Estadísticas».
  2. ^ (ES) La Argentina y sus Vinos (web), La Franco Argentine. URL consultato il 22-06-2008.
  3. ^ (ES) elmundovino.elmundo.es (web), Elmundo.es, 2006. URL consultato il 7 agosto 2008.
  4. ^ (ES) Mendoza, 8va capital vitivinícola del mundo, Vinos&Co. URL consultato il 10-08-2008.
  5. ^ Censo 2010 Argentina

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]