Robinho

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Robson de Souza)
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il connazione di calcio a cinque naturalizzato russo, vedi Edelson Robson Dos Santos.
Robinho
Robinho061115-2.jpg
Robinho con la Nazionale brasiliana nel 2006
Nome Robson de Souza Santos
Nazionalità Brasile Brasile
Altezza 172 cm
Peso 71 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Attaccante
Squadra Atlético Mineiro
Carriera
Giovanili
1996-2001 Santos
Squadre di club1
2002-2005 Santos 110[1] (47)[2]
2005-2008 Real Madrid 101 (25)
2008-2010 Manchester City 41 (14)
2010 Santos 2 (0)[3]
2010-2014 Milan 108 (25)
2014-2015 Santos 20 (6)[4]
2015-2016 Guangzhou Ever. 9 (3)
2016- Atlético Mineiro 20 (11)[5]
Nazionale
2003-2004 Brasile Brasile olimpica 15[6] (5)[7]
2003- Brasile Brasile 99 (29)[8]
Palmarès
Coppa America calcio.svg Copa América
Oro Venezuela 2007
Transparent.png Confederations Cup
Oro Germania 2005
Oro Sudafrica 2009
CONCACAF - Gold Cup.svg Gold Cup
Argento USA-Messico 2003
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 13 settembre 2016

Robson de Souza Santos, meglio noto come Robinho (São Vicente, 25 gennaio 1984), è un calciatore brasiliano, attaccante dell'Atlético Mineiro e della Nazionale brasiliana.

Robinho è un soprannome che gli è stato dato dai suoi stessi amici coi quali giocava a calcio per strada nella periferia di Sao Vicente, poiché era troppo magro e basso di statura.[9] A inizio carriera, era stato subito designato come l'"erede di Pelé" da Pelé stesso.[10][11][12] Soprannominato anche come Pelezinho, il "piccolo Pelé".[10]

Robinho è personalmente scoperto da Pelé, che lo porta poi al Santos all'età di 15 anni.[13] Alla sua prima stagione da professionista riesce ad aggiudicarsi il campionato nazionale.[14] Resta al Santos fino al 2005 quando, dopo aver vinto due campionati brasiliani in quattro anni, si trasferisce al Real Madrid per $ 30 milioni: la sua esperienza in Spagna si rivela al di sotto delle aspettative,[15] nonostante abbia vinto due volte la Liga e una Supercoppa spagnola. Nel 2008 passa al Manchester City in cambio di € 42 milioni, ma anche in Inghilterra le sue prestazioni sono altalenanti. Dopo un primo ritorno al Santos in prestito, nel 2010 si accasa al Milan per € 18 milioni: resta in Italia quattro anni, vincendo alla prima stagione uno scudetto da protagonista[12] per poi andare in fase calante negli anni successivi. Nel 2014 fa un secondo ritorno al Santos, prima di tentare l'avventura cinese e tornare nuovamente in patria, questa volta per giocare con la maglia dell'Atlético Mineiro.

Entra a far parte della Nazionale brasiliana nel 2003, vincendo con la Seleção una Coppa America (2007) e due Confederations Cup (2005 e 2009) e partecipando anche a due edizioni dei Mondiali (2006 e 2010).

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nasce a Parque Bitaru, nella periferia di Sao Vicente, nei pressi di Santos, stato di San Paolo,[9][16] figlio dei genitori Marina Silva, una casalinga e Gilvan de Souza, che lavora come idraulico.[9][16]

Il 6 novembre 2004, la madre di Robinho è rapita e tenuta in osteggio dal suo rapitore fino al 12 dicembre successivo, in seguito al pagamento del riscatto[17][16] di 200.000 reais (€ 80.000 circa).[18]

Il 28 gennaio 2009 è arrestato con l'accusa di violenza sessuale; successivamente è rilasciato su cauzione[16][19] ed è completamente scagionato dalle accuse nel mese di aprile.[16]

Il 9 luglio 2009 sposa Vivian Guglielmetti Junits, sua fidanzata storica.[20] Dalla relazione sono nati due figli: Robson Junior, nato a Madrid[16] prima del matrimonio, nel dicembre 2007,[16][21] e Gianluca, nato nel 2011.[22]

Nel giugno 2015 la sua famiglia è tenuta in ostaggio da un ladro che si era introdotto in casa sua con l'intenzione di compiere una rapina.[17]

È in possesso di passaporto spagnolo, dunque cittadino comunitario.[23][24]

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

« La prima volta che ha toccato la palla sotto i miei occhi, mi è venuta la pelle d'oca. E quasi da piangere. Il suo dribbling è devastante, pari solo alla sua semplicità. Mi sono rivisto in lui. »
(Pelé su Robinho.[9])

Esterno d'attacco[25] sinistro,[26] è un giocatore di movimento[27][28] che può svariare su tutto il fronte offensivo, ricoprendo i ruoli di seconda punta,[29][30] fantasista[31][32][33] e trequartista.[34]

Dotato di un grande bagaglio tecnico,[9][27] Robinho era conosciuto soprattutto per la velocità di scatto,[9][35][36][37][38] l'eccellente dribbling[35][36][37] spesso imprevedibile[16] e per il suo esteso repertorio di finte, che culminava nel doppio passo, per il buon tiro[37] e per la grande agilità,[9][39] tanto che in Brasile veniva soprannominato Rei do drible[29] o Rei de la pedalada,[40] per le sue rovesciate. Ottimo contropiedista,[35] durante la prima parte di carriera era un buon finalizzatore e assist-man,[41][42][43] oltre ad essere in possesso anche di una buona resistenza. In virtù di queste qualità, da giovane è da subito paragonato a Pelé.[44][45][46][47]

Robinho compensa queste caratteristiche con diversi punti deboli, dalla scarsa propensione al lavoro, al disordine tattico[42] fino al fisico troppo gracile[9][44][48] e, col passare degli anni, soprattutto ai tempi del Milan, alla finalizzazione.[12][49] Nonostante il talento espresso in gioventù, durante la sua carriera calcistica Robinho si è dimostrato incostante,[50] attirandosi le critiche di molti che considerano non abbia espresso pienamente il suo potenziale.[11][45][42][51]

Descritto anche come «stella del calcio mondiale»,[52] nel 2005 è ritenuto tra le più grandi promesse mondiali, al pari di Lionel Messi e Zlatan Ibrahimović[53] e fino al 2008 era considerato uno degli attaccanti più forti del mondo.[36][54]

Da quando ha 13 anni, Neymar è paragonato a Robinho.[48]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Santos[modifica | modifica wikitesto]

Robinho in campo con il Santos

Si avvicina al calcio da bambino, giocando con delle palline da tennis.[16] Mentre gioca a calcio in strada, a soli 6 anni è notato da un osservatore del Beira-Mar, una "escolinhas", ovvero una scuola calcio di futsal.[9][16][13] A 9 anni passa al Portuários, squadra di calcio a 5,[27] quindi è notato dal Santos, che prima lo inserisce nella propria formazione e 5, poi decide di farlo passare alle giovanili della società di calcio a 11 nel 1996.[9][16] In questo periodo Pelé è tra i responsabili del settore giovanile del Santos.[9] Nel 1999, O' Rey nota Robinho durante un allenamento, riconoscendo in lui se stesso da giovane:[9] Pelé comincia a seguire costantemente il ragazzo, decidendo di farlo trasferire a vivere in una specie di foresteria divisa in camerate all'interno dello stadio del Santos.[9] Nel 2001, in quella che sarà la sua ultima stagione tra le giovanili del Santos, Robinho vince il campionato Paulista Under-17.[9]

Il 18 agosto 2002 esordisce in prima squadra contro il Botafogo (vinta 2-1)[55] e il 5 settembre seguente sigla il suo primo gol in campionato contro il Vitória (3-0):[56] a fine stagione si aggiudica il suo primo campionato nazionale, all'età di 18 anni,[16] realizzando 10 gol in 30 presenze nell'annata del debutto da professionista. Nel 2003, divenuto titolare inamovibile, gioca 53 partite segnando 8 volte in campionato e 7 in Copa Libertadores. Il 2004 è l'anno del crack:[16] Robinho segna 32 gol in 55 incontri complessivi, 21 nel solo campionato brasiliano, dove si piazza terzo nella classifica marcatori alle spalle di Alex Dias, del compagno di squadra Deivid e di Washington, contribuendo in modo fondamentale al successo del club nel campionato 2004, il suo secondo titolo in tre anni. L'annata risulta la più prolifica nella sua intera carriera e a fine stagione è il miglior marcatore del Santos tra tutte le competizioni.

Nel 2004 Robinho giunge terzo dietro agli argentini Carlos Tévez e Javier Mascherano nella classifica del Balón de Oro[57] e ha vinto la Bola de Ouro come miglior giocatore del campionato brasiliano 2004.[58][59] Con il Santos ha totalizzato 110 presenze[1] e 47 reti in 4 stagioni nel Campeonato Brasileiro Série A[60] e 31 partite e 14 gol nella Coppa Libertadores.

Real Madrid[modifica | modifica wikitesto]

Robinho (a destra) premiato assieme ai suoi compagni di squadra del Real Madrid dopo aver vinto il campionato 2008.

All'età di 21 anni,[39] dopo una lunga trattativa tra Santos, che chiedeva il pagamento dell'intera clausola rescissoria fissata a $ 50 milioni,[39] e Real Madrid, il giocatore brasiliano è acquistato dal club spagnolo nell'estate del 2005 per $ 30 milioni[16][29][39] (circa € 27,7 milioni),[39] Firma per cinque anni[39] a € 1,8 milioni netti a stagione[61] e gli è assegnata la maglia numero 10, indossata in precedenza dal fuoriclasse portoghese Luís Figo. L'acquisto di Robinho è paragonabile a quello di un galacticos,[39] venendo subito ritenuto tra i giocatori più importanti dell'intera Liga spagnola.[39]

Durante la sua prima stagione si dimostra all'altezza delle aspettative che aveva suscitato, affiancando campioni come Zidane, Roberto Carlos e Casillas con continuità, fino a risultare uno tra i giocatori più impiegati della stagione 2005-2006. La sua prima annata con le Merengues si è conclusa con un bottino di 51 partite e 12 gol.

Durante la 2006-2007 il tecnico Fabio Capello gli ha preferito spesso giocatori come Beckham, Ronaldo o Cassano, non consentendogli una continuità di gioco,[16] a causa di alcuni ritardi del brasiliano agli allenamenti.[62] Solo verso la fine del campionato il tecnico italiano torna a schierarlo regolarmente da titolare.[16] La stagione si è conclusa nella conquista del titolo di Primera División, alla quale Robinho da comunque un prezioso contributo con 32 presenze e 6 gol.

Nella successiva stagione 2007-2008 Robinho torna titolare agli ordini del nuovo allenatore, Bernd Schuster, realizzando 11 gol e 14 assist in campionato, oltre a 6 gol nella Champions League 2007-2008. Verso la metà della stagione Robinho ha subito un infortunio, che lo ha tenuto fuori dai campi fino al 3 marzo 2008, giorno in cui il brasiliano rientra segnando due reti nella partita vinta dal Real Madrid contro il Recreativo.[63] Questa partita ha consentito alla squadra di raggiungere il primo posto nel campionato, che i Blancos sono riusciti alla fine a vincere,[16] conquistando il loro 31º titolo nazionale, il quarto personale per Robinho tra Brasile e Spagna.

Non riuscendo ad ambientarsi completamente[64] e a causa di qualche screzio con la dirigenza madridista, Robinho si allontana dai Blancos pretendendo di essere ceduto.

Manchester City[modifica | modifica wikitesto]

Robinho in azione con la maglia del Manchester City

Durante l'estate 2008 Robinho sembra in procinto di passare al Chelsea: il 31 agosto il sito ufficiale del club ha messo addirittura in vendita la maglia di Robinho senza numero prima di aver concluso le trattative;[65] il suo passaggio sembrava fatto ma il Real Madrid ha seccamente smentito la notizia;[66] il Chelsea ha prontamente risposto dicendo che pubblicizzare l'interesse per un giocatore non è la stessa cosa di averlo comprato.[67]

Inaspettatamente, il 1º settembre 2008 Robinho è invece ceduto dal Real Madrid al Manchester City[68] per una cifra intorno ai 32,5 milioni di sterline,[69][70] circa 42 milioni di euro.[16][52][71] Si accorda per un contratto da circa € 180.000 a settimana.[72] Ha fatto scalpore il lapsus di Robinho, che una volta presentato con la maglia dei Citizens esclamò: "Sono molto contento di essere un giocatore del Chelsea".[16][73]

Dopo un promettente avvio di campionato (11 gol realizzati), il rendimento nella seconda parte della stagione del brasiliano cala notevolmente,[72] anche a causa di qualche dissapore con l'allenatore Mark Hughes.[16][74] Durante un ritiro del Manchester City a Tenerife nel mese di gennaio, Robinho torna in Brasile senza il permesso del club per festeggiare i suoi 25 anni in patria, soffrendo di saudade:[16] al ritorno in Inghilterra è sanzionato con € 300.000 di multa.[74] Sul finire di stagione, però, Robinho ricomincia a giocare con continuità realizzando anche altri gol importanti e concludendo la stagione in quarta posizione nella classifica marcatori della Premier League 2008-2009 con 14 centri.

Nella seconda stagione al Manchester City Robinho è costretto a rimanere fermo per 3 mesi per infortunio, riuscendo a disputare fino a dicembre solo 12 partite nelle quali segna un solo gol contro lo Scunthorpe United in FA Cup. Durante quest'annata, Robinho ha dei dissidi con il nuovo tecnico arrivato alla guida dei Citizens, Roberto Mancini.[31]

Ritorno al Santos[modifica | modifica wikitesto]

Il 28 gennaio 2010 ritorna al Santos, in prestito fino al 4 luglio 2010.[75]

Durante i sei mesi in prestito gioca 23 partite e segna 11 gol, aiutando la squadra a vincere il campionato Paulista (12 presenze e 5 reti) e la Coppa del Brasile (9 partite e 6 gol). Alla fine del prestito il Santos non riscatta il cartellino e per questo Robinho è torna ai Citizens.

Milan[modifica | modifica wikitesto]

Robinho nel 2012

Il 31 agosto 2010 è acquistato, con la mediazione del procuratore Mino Raiola,[76][77] a titolo definitivo per 18 milioni di euro dal Milan,[52][78] con cui ha sottoscritto un contratto quadriennale[79][80] da € 4 milioni netti d'ingaggio a stagione.[81] È subito ben accolto trovando nell'ambiente rossonero diversi connazionali, Alexandre Pato, Ronaldinho e Thiago Silva.[31]

Ha esordito con la maglia rossonera l'11 settembre 2010 in occasione della seconda giornata di campionato nella gara persa per 2-0 in casa del Cesena, subentrando al 56º minuto di gioco a Ronaldinho.[82] Il 16 ottobre 2010 segna la prima rete con il Milan a San Siro contro il Chievo, realizzando il gol del definitivo 3-1 nei minuti di recupero del secondo tempo.[83][84] Ha messo a segno la sua prima doppietta con la maglia del Milan il 12 febbraio 2011, nella partita casalinga vinta 4-0 contro il Parma[85] durante la quale subentra a Clarence Seedorf al 58º minuto di gioco e segna al 61º e al 65º,[86] in entrambe le occasioni su assist di Antonio Cassano.[87] Il 7 maggio 2011 ha vinto il suo primo scudetto con i rossoneri a due giornate dal termine del campionato grazie allo 0-0 contro la Roma.[88] Nel corso della stagione risulta essere il giocatore più impiegato dal tecnico Allegri con 45 partite disputate e il miglior marcatore rossonero in campionato con 14 reti a pari merito con Ibrahimović e Pato,[89] risultando decisivo per la vittoria del campionato.[12]

Il 6 agosto 2011 ha vinto la Supercoppa italiana con il Milan battendo l'Inter a Pechino per 2-1.[90] Dopo essere stato costretto a saltare le prime partite della stagione 2011-2012 in campionato e Champions League a causa di un edema osseo nella regione inguinale,[91] torna a disposizione nella gara casalinga del 15 ottobre 2011 contro il Palermo, vinta per 3-0, nella quale è schierato come titolare e segna il secondo gol rossonero.[92] In totale, in questa stagione, ha collezionato 40 presenze coronate da 10 reti, di cui 7 in campionato e 3 in Champions League.

Per la stagione 2012-2013 cambia il suo numero di maglia, passando dal 70 al 7, appartenuto in passato ad Alexandre Pato e Andriy Shevchenko.[93] Il 26 agosto 2012 gli è stata diagnosticata una distrazione muscolare di primo grado alla coscia destra che lo costringerà a star fuori dai campi di gioco per circa 4 settimane.[94] Il 25 novembre seguente firma la sua prima rete stagionale, arrivata su calcio di rigore durante la partita casalinga di Serie A contro la Juventus (1-0).[95][96]

Il 18 luglio 2013 rinnova il suo contratto con il Milan fino al 30 giugno 2016.[97] Il 1º settembre seguente segna il suo primo gol nella stagione 2013-2014, timbrando il cartellino in occasione della 2ª giornata di campionato vinta a San Siro contro il Cagliari per 3-1.[98][99] Robinho ha concluso la sua stagione con 5 gol all'attivo, di cui 3 in campionato, 1 in Champions League (contro il Barcellona) e 1 in Coppa Italia.

Secondo ritorno al Santos, la parentesi cinese e Atlético Mineiro[modifica | modifica wikitesto]

Il 7 agosto 2014 si è trasferito al Santos con la formula del prestito,[100] scegliendo di indossare la maglia numero 7.[101] Il 13 maggio 2015 ha raggiunto l'accordo per la rescissione consensuale con il Milan con decorrenza 30 giugno 2015.[102] Il 12 maggio 2015 avviene la risoluzione del contratto tra Robinho e il Milan.[103]

Il 16 luglio 2015, dopo essere rimasto svincolato, viene acquistato dai cinesi del Guangzhou Evergrande a costo zero, scegliendo la divisa numero 60 e firmando un contratto semestrale[104] da € 12 milioni di stipendio a stagione.[105]

Gioca come trequartista sinistro nel 4-2-3-1 di Felipe Scolari nel Guangzhou Evergrande.[49] Il 21 agosto 2015 realizza una doppietta contro lo Shanghai Shenxin (4-2).[49] Al termine dell'annata vince il campionato cinese con 9 presenze e 3 centri, vincendo quattro campionati in quattro nazioni di tre continenti differenti (Brasile, Spagna, Italia e Cina).

Il 12 febbraio 2016 passa ufficialmente all'Atlético Mineiro firmando un contratto biennale.[106][107] Il 6 marzo seguente firma una tripletta alla sua seconda partita nel campionato Mineiro contro la Tombense (4-1).[108] Il 2 aprile mette a segno altre tre reti contro Vila Nova (2-7):[109] al termine della prima fase, Robinho realizza 9 gol in 6 giornate del campionato Mineiro, risultando essere il miglior marcatore della competizione e contribuendo a portare l'Atlético Mineiro alle fasi finali della competizione. Due settimane più tardi, sigla il suo primo gol internazionale con la nuova maglia, andando a segno nella partita di Coppa Libertadores 2016 contro il Melgar (4-0).[110]

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Robinho contro la Svizzera

Con la Nazionale olimpica Robinho ha preso parte alla CONCACAF Gold Cup 2003,[111] persa in finale contro il Messico, durante la quale disputa tutte le 5 partite dei verde-oro, e al Torneo Pre-Olimpico CONMEBOL (8 presenze e 3 gol).

Robinho ha esordito nella Nazionale maggiore il 5 settembre 2004 a San Paolo contro la Bolivia in una gara valida per le qualificazioni al Mondiale 2006 e nella successiva partita disputata contro Hong Kong realizza la prima rete con la maglia della Seleçao.

Robinho contro la Corea del Nord durante i Mondiali 2010

Nel 2005 ha vinto la Confederations Cup, dove mette a segno 2 gol in 5 partite disputate, emergendo tra i protagonisti dell'edizione assieme ad Adriano[16] e nel 2006 partecipa al Mondiale 2006 in Germania, dove disputa tutte le partite del girone eliminatorio, partendo titolare, però, solo contro il Giappone.

Vince da protagonista la Coppa America 2007, segnando prima una tripletta contro il Cile (3-0)[35] e il rigore che decide la sfida contro l'Ecuador (1-0) nella fase a gironi, poi mettendo a segno una doppietta nuovamente contro il Cile ai quarti di finale (6-1):[112] conclude il torneo con 6 gol, aggiudicandosi i premi di miglior marcatore e di miglior giocatore della competizione[113][114] acquisendo fama[115] e dimostrando di poter essere un leader per la Seleçao.[35] Il 22 agosto 2007, in un'amichevole vinta 2-0 contro l'Algeria, scende in campo per la prima volta come capitano del Brasile.

Nel 2008 è convocato dal CT Dunga per il torneo olimpico, ma a seguito di un'infiammazione al pube il Real Madrid lo ha costretto a rinunciare alla convocazione. La Federcalcio brasiliana critica il club madrileno,[116] definendo tardiva la scelta dei Blancos e in sostituzione di Robinho è chiamato Ramires, centrocampista del Cruzeiro.[117]

Partecipa alla Confederations Cup 2009, vinta in finale contro gli Stati Uniti, disputando tutte le 5 partite della Seleçao e segnando un gol nella fase a gironi.

È convocato da Dunga per il Mondiale 2010 in Sudafrica, in cui marca due gol: il definitivo 3-0 negli ottavi di finale contro il Cile e quello del momentaneo vantaggio nei quarti di finale contro i Paesi Bassi,[118] che poi con due gol di Sneijder ribalta il risultato ed elimina la Nazionale brasiliana.[119] Diviene anche uno dei giocatori simbolo della Nazionale brasiliana,[31] tornando ad indossare la fascia di capitano in diverse occasioni.[12]

Nel 2011 Mano Menezes lo convoca per la Coppa America in Argentina dove Robinho disputa 3 delle 4 partite dei verdeoro, eliminati nei quarti di finale dal Paraguay ai rigori (0-2).[120]

Dopo i Mondiali 2014 e il ritorno di Dunga sulla panchina verdeoro, Robinho ritorna tra i convocati e, nell'estate 2015, è convocato per la Coppa America in Cile. Va a segno nei quarti di finale contro il Paraguay, fissando il momentaneo 1-0 per i verdeoro. Nel finale, tuttavia, i paraguaiani pareggiano e vincono la sfida ai tiri di rigore, estromettendo il Brasile dalla competizione esattamente come quattro anni prima.[121]

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 13 settembre 2016.[122]

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
2002 Brasile Santos A 30 10 CB 0 0 - - - RSP 3 0 33 10
2003 SP/A1+A 6+32 0+9 - - - CL+CS 14+6 4+2 - - - 58 15
2004 SP/A1+A 10+37 7+21 - - - CL+CS 8+2 4+0 - - - 57 32
gen.-giu. 2005 SP/A1+A 14+11[1] 11+7 - - - CL 9 6 - - - 34 24
2005-2006 Spagna Real Madrid PD 37 8 CR 6 4 UCL 8 0 - - - 51 12
2006-2007 PD 32 6 CR 2 1 UCL 7 1 - - - 41 8
2007-2008 PD 32 11 CR 2 0 UCL 6 4 SS 2 0 42 15
ago.-set. 2008 PD 0 0 - - - - - - SS 1 0 1 0
Totale Real Madrid 101 25 10 5 21 5 3 0 135 35
set. 2008-2009 Inghilterra Manchester City PL 31 14 FACup+CdL 0 0 CU 10 1 - - - 41 15
2009-2010 PL 10 0 FACup+CdL 1+1 1+0 - - - - - - 12 1
Totale Manchester City 41 14 2 1 10 1 - - 53 16
gen.-ago. 2010 Brasile Santos SP/A1+A 12+2 5+0 CB 9 6 - - - - - - 23 11
2010-2011 Italia Milan A 34 14 CI 4 1 UCL 7 0 - - - 45 15
2011-2012 A 28 6 CI 3 1 UCL 8 3 SI 1 0 40 10
2012-2013 A 23 2 CI 1 0 UCL 3 0 - - - 27 2
2013-2014 A 23 3 CI 2 1 UCL 7[123] 1 - - - 32 5
Totale Milan 108 25 10 3 25 4 1 0 144 32
ago.-dic. 2014 Brasile Santos SP/A1+A 0+16 0+4 CB 5 5 - - - - - - 21 9
gen.-giu. 2015 SP/A1+A 13+4 5+2 CB 3 1 - - - - - - 20 8
Totale Santos 187 81 17 12 39 16 3 0 246 109
lug.-dic. 2015 Cina Guangzhou Evergrande CSL 9 3 CC 0 0 ACL 0 0 CMC 1 0 10 3
2016 Brasile Atlético Minero CM+A 10+20 9+11 CB 0 0 CL 4 1 - - - 34 21
Totale carriera 476 168 39 21 99 27 8 0 622 216

Cronologia presenze e reti in Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia completa delle presenze e delle reti in Nazionale - Brasile Brasile
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
13-7-2003 Città del Messico Messico Messico 1 – 0 Brasile Brasile Gold Cup 2003 - 1º turno - [124]
15-7-2003 Città del Messico Honduras Honduras 1 – 2 Brasile Brasile Gold Cup 2003 - 1º turno - [124]
19-7-2003 Miami Colombia Colombia 0 – 2 Brasile Brasile Gold Cup 2003 - 1º turno - [124]
23-7-2003 Miami Stati Uniti Stati Uniti 1 – 2 gg Brasile Brasile Gold Cup 2003 - Semifinale - [124]
27-7-2003 Città del Messico Brasile Brasile 0 – 1 gg Messico Messico Gold Cup 2003 - Finale - 2º posto[124]
5-9-2004 San Paolo Brasile Brasile 3 – 1 Bolivia Bolivia Qual. Mondiali 2006 -
9-2-2005 Hong Kong Hong Kong Hong Kong 1 – 7 Brasile Brasile Carlsberg Cup 1
27-3-2005 Goiânia Brasile Brasile 1 – 0 Perù Perù Qual. Mondiali 2006 -
30-3-2005 Montevideo Uruguay Uruguay 1 – 1 Brasile Brasile Qual. Mondiali 2006 -
27-4-2005 San Paolo Brasile Brasile 3 – 0 Guatemala Guatemala Amichevole -
5-6-2005 Porto Alegre Brasile Brasile 4 – 1 Paraguay Paraguay Qual. Mondiali 2006 1
8-6-2005 Buenos Aires Argentina Argentina 3 – 1 Brasile Brasile Qual. Mondiali 2006 -
16-6-2005 Lipsia Brasile Brasile 3 – 0 Grecia Grecia Conf. Cup 2005 - 1º turno 1
19-6-2005 Hannover Messico Messico 1 – 0 Brasile Brasile Conf. Cup 2005 - 1º turno -
22-6-2005 Colonia Giappone Giappone 2 – 2 Brasile Brasile Conf. Cup 2005 - 1º turno 1
25-6-2005 Norimberga Germania Germania 2 – 3 Brasile Brasile Conf. Cup 2005 - Semifinale -
29-6-2005 Francoforte Brasile Brasile 4 – 1 Argentina Argentina Conf. Cup 2005 - Finale - 2º titolo
17-8-2005 Spalato Croazia Croazia 1 – 1 Brasile Brasile Amichevole -
4-9-2005 Brasilia Brasile Brasile 5 – 0 Cile Cile Qual. Mondiali 2006 1
9-10-2005 La Paz Bolivia Bolivia 1 – 1 Brasile Brasile Qual. Mondiali 2006 -
12-10-2005 Belém Brasile Brasile 3 – 0 Venezuela Venezuela Qual. Mondiali 2006 -
12-11-2005 Abu Dhabi Emirati Arabi Uniti Emirati Arabi Uniti 0 – 8 Brasile Brasile Amichevole 1
4-6-2006 Ginevra Brasile Brasile 4 – 0 Nuova Zelanda Nuova Zelanda Amichevole -
13-6-2006 Berlino Brasile Brasile 1 – 0 Croazia Croazia Mondiali 2006 - 1º turno -
18-6-2006 Monaco Brasile Brasile 2 – 0 Australia Australia Mondiali 2006 - 1º turno -
22-6-2006 Dortmund Giappone Giappone 1 – 4 Brasile Brasile Mondiali 2006 - 1º turno -
1-7-2006 Francoforte Brasile Brasile 0 – 1 Francia Francia Mondiali 2006 - Quarti -
16-8-2006 Oslo Norvegia Norvegia 1 – 1 Brasile Brasile Amichevole -
3-9-2006 Londra Brasile Brasile 3 – 0 Argentina Argentina Amichevole -
5-9-2006 Londra Galles Galles 0 – 2 Brasile Brasile Amichevole -
10-10-2006 Stoccolma Brasile Brasile 2 – 1 Ecuador Ecuador Amichevole -
15-11-2006 Basilea Svizzera Svizzera 1 – 2 Brasile Brasile Amichevole -
24-3-2007 Göteborg Cile Cile 0 – 4 Brasile Brasile Amichevole -
27-3-2007 Stoccolma Ghana Ghana 0 – 1 Brasile Brasile Amichevole -
1-6-2007 Londra Inghilterra Inghilterra 1 – 1 Brasile Brasile Amichevole -
5-6-2007 Dortmund Turchia Turchia 0 – 0 Brasile Brasile Amichevole -
27-6-2007 Puerto Ordaz Brasile Brasile 0 – 2 Messico Messico Coppa America 2007 - 1º turno -
1-7-2007 Maturín Brasile Brasile 3 – 0 Cile Cile Coppa America 2007 - 1º turno 3
4-7-2007 Puerto La Cruz Brasile Brasile 1 – 0 Ecuador Ecuador Coppa America 2007 - 1º turno 1
7-7-2007 Puerto La Cruz Cile Cile 1 – 6 Brasile Brasile Coppa America 2007 - Quarti 2
10-07-2007 Maracaibo Uruguay Uruguay 2 – 2 dts
(4-5 dcr)
Brasile Brasile Coppa America 2007 - Semifinale -
15-7-2007 Maracaibo Brasile Brasile 3 – 0 Argentina Argentina Coppa America 2007 - Finale - 8º titolo
22-8-2007 Montpellier Brasile Brasile 2 – 0 Algeria Algeria Amichevole - cap.
9-9-2007 Chicago Stati Uniti Stati Uniti 2 – 4 Brasile Brasile Amichevole -
12-9-2007 Foxborough Messico Messico 1 – 3 Brasile Brasile Amichevole -
14-10-2007 Bogotá Colombia Colombia 0 – 0 Brasile Brasile Qual. Mondiali 2010 -
17-10-2007 Rio de Janeiro Brasile Brasile 5 – 0 Ecuador Ecuador Qual. Mondiali 2010 -
18-11-2007 Perù Perù Perù 1 – 1 Brasile Brasile Qual. Mondiali 2010 -
21-11-2007 San Paolo Brasile Brasile 2 – 1 Uruguay Uruguay Qual. Mondiali 2010 -
6-2-2008 Dublino Irlanda Irlanda 0 – 1 Brasile Brasile Amichevole 1
26-3-2008 Londra Svezia Svezia 0 – 1 Brasile Brasile Amichevole -
31-5-2008 Seattle Brasile Brasile 3 – 2 Canada Canada Amichevole 1
6-6-2008 Boston Brasile Brasile 0 – 2 Venezuela Venezuela Amichevole -
15-6-2008 Asunción Paraguay Paraguay 2 – 0 Brasile Brasile Qual. Mondiali 2010 -
18-6-2008 Belo Horizonte Brasile Brasile 0 – 0 Argentina Argentina Qual. Mondiali 2010 -
7-9-2008 Santiago del Cile Cile Cile 0 – 3 Brasile Brasile Qual. Mondiali 2010 1
10-9-2008 Rio de Janeiro Brasile Brasile 0 – 0 Bolivia Bolivia Qual. Mondiali 2010 -
12-10-2008 San Cristóbal Venezuela Venezuela 0 – 4 Brasile Brasile Qual. Mondiali 2010 2
15-10-2008 Rio de Janeiro Brasile Brasile 0 – 0 Colombia Colombia Qual. Mondiali 2010 -
19-11-2008 Gama Brasile Brasile 6 – 2 Portogallo Portogallo Amichevole -
10-2-2009 Londra Brasile Brasile 2 – 0 Italia Italia Amichevole 1
29-3-2009 Quito Ecuador Ecuador 1 – 1 Brasile Brasile Amichevole -
1-4-2009 Porto Alegre Brasile Brasile 3 – 0 Perù Perù Qual. Mondiali 2010 -
6-6-2009 Montevideo Uruguay Uruguay 0 – 4 Brasile Brasile Qual. Mondiali 2010 -
10-6-2009 Recife Brasile Brasile 2 – 1 Paraguay Paraguay Qual. Mondiali 2010 1
15-6-2009 Bloemfontein Brasile Brasile 4 – 3 Egitto Egitto Conf. Cup 2009 - 1º turno -
18-6-2009 Pretoria Stati Uniti Stati Uniti 0 – 3 Brasile Brasile Conf. Cup 2009 - 1º turno 1
21-6-2009 Pretoria Italia Italia 0 – 3 Brasile Brasile Conf. Cup 2009 - 1º turno -
25-6-2009 Johannesburg Brasile Brasile 1 – 0 Sudafrica Sudafrica Conf. Cup 2009 - Semifinale -
28-6-2009 Johannesburg Stati Uniti Stati Uniti 2 – 3 Brasile Brasile Conf. Cup 2009 - Finale - 3º titolo
12-8-2009 Tallinn Estonia Estonia 0 – 1 Brasile Brasile Amichevole -
5-9-2009 Rosario Argentina Argentina 1 – 3 Brasile Brasile Qual. Mondiali 2010 -
2-3-2010 Londra Irlanda Irlanda 0 – 2 Brasile Brasile Amichevole 1
2-6-2010 Harare Zimbabwe Zimbabwe 0 – 3 Brasile Brasile Amichevole 1
7-6-2010 Dar es Salaam Tanzania Tanzania 1 – 5 Brasile Brasile Amichevole 2
15-6-2010 Johannesburg Brasile Brasile 2 – 1 Corea del Nord Corea del Nord Mondiali 2010 - 1º turno -
20-6-2010 Johannesburg Brasile Brasile 3 – 1 Costa d'Avorio Costa d'Avorio Mondiali 2010 - 1º turno -
28-6-2010 Johannesburg Brasile Brasile 3 – 0 Cile Cile Mondiali 2010 - Ottavi 1
2-7-2010 Port Elizabeth Paesi Bassi Paesi Bassi 2 – 1 Brasile Brasile Mondiali 2010 - Quarti 1
10-8-2010 East Rutherford Stati Uniti Stati Uniti 0 – 2 Brasile Brasile Amichevole - cap.
7-10-2010 Abu Dhabi Brasile Brasile 3 – 0 Iran Iran Amichevole - cap.
11-10-2010 Derby Brasile Brasile 2 – 0 Ucraina Ucraina Amichevole - cap.
17-11-2010 Doha Argentina Argentina 1 – 0 Brasile Brasile Amichevole - cap.
9-2-2011 Saint-Denis Francia Francia 1 – 0 Brasile Brasile Amichevole - cap.
4-6-2011 Goiânia Brasile Brasile 0 – 0 Paesi Bassi Paesi Bassi Amichevole -
7-6-2011 San Paolo Brasile Brasile 1 – 0 Romania Romania Amichevole -
3-7-2011 La Plata Brasile Brasile 0 – 0 Venezuela Venezuela Coppa America 2011 - 1º turno -
13-7-2011 Córdoba Brasile Brasile 4 – 2 Ecuador Ecuador Coppa America 2011 - 1º turno -
17-7-2011 La Plata Brasile Brasile 0 – 0 dts
(0-2 dcr)
Paraguay Paraguay Coppa America 2011 - Quarti -
10-8-2011 Stoccarda Germania Germania 3 – 2 Brasile Brasile Amichevole 1
16-11-2013 Miami Honduras Honduras 0 – 5 Brasile Brasile Amichevole -
19-11-2013 Toronto Brasile Brasile 2 – 1 Cile Cile Amichevole 1
05-09-2014 Miami Brasile Brasile 1 – 0 Colombia Colombia Amichevole -
11-10-2014 Pechino Brasile Brasile 2 – 0 Argentina Argentina Amichevole -
14-10-2014 Singapore Giappone Giappone 0 – 4 Brasile Brasile Amichevole -
29-03-2015 Londra Brasile Brasile 1 – 0 Cile Cile Amichevole -
10-06-2015 Porto Alegre Brasile Brasile 1 – 0 Honduras Honduras Amichevole -
21-06-2015 Santiago del Cile Brasile Brasile 2 – 1 Venezuela Venezuela Coppa America 2015 - 1º turno -
27-06-2015 Concepción Brasile Brasile 1 – 1
(3–4 dcr)
Paraguay Paraguay Coppa America 2015 - Quarti 1 Uscita al 87’ 87’
Totale Presenze (5º posto) 99 Reti (13º posto) 29

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Individuale[modifica | modifica wikitesto]

2002, 2004
2004
2007 (6 gol)
2007
2016 (9 gol)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Esclusa la partita Santos-Corinthians del 31 luglio 2005, annullata e successivamente rigiocata per il caso di risultati pilotati dall'arbitro Edílson Pereira de Carvalho. (PT) Veja a cronologia do escândalo da arbitragem, terra.com.br, 25 settembre 2010. URL consultato il 17 ottobre 2010.
  2. ^ 140 (65) se si comprendono anche le partite disputate nel campionato Paulista.
  3. ^ 14 (5) se si comprendono anche le partite disputate nel campionato Paulista.
  4. ^ 33 (11) se si comprendono anche le partite disputate nel campionato Paulista.
  5. ^ 30 (20) se si comprendono le partite disputate nel campionato Mineiro.
  6. ^ Sono escluse 5 partite nella CONCACAF Gold Cup 2003. La CBF, invece, conteggia queste partite, incluse tra quelle della Nazionale maggiore, tra quelle della propria Nazionale olimpica.
  7. ^ 11 (5) se si comprendono anche le amichevoli non ufficiali disputate con la Nazionale olimpica brasiliana.
  8. ^ 97 (31) se, come la CBF, si comprendono anche le amichevoli non ufficiali disputate con la Nazionale maggiore brasiliana e si esclude la CONCACAF Gold Cup 2003.
  9. ^ a b c d e f g h i j k l m n Michael Angelici, Robinho, il menino che ha fatto piangere Pelè, in Tuttomercatoweb.com, 6 luglio 2005. URL consultato il 22 novembre 2015.
  10. ^ a b Brazil unearth heir to Pele's number 10
  11. ^ a b Gli eredi... diseredati: quelli che volevano essere Pelé
  12. ^ a b c d e LA PROFEZIA DI PELÉ, in la Repubblica, 21 febbraio 2012. URL consultato il 17 marzo 2016.
  13. ^ a b (PT) A história de Robinho - O início, robinhooficial.com.br. URL consultato il 9 marzo 2012.
  14. ^ (PT) Pelé pede validação de títulos nacionais do Santos nos anos 60, esporte.uol.com.br, 5 novembre 2008. URL consultato il 30 agosto 2010.
  15. ^ Mattia Chiusano, Affare fatto per Cassano al Real la Roma avrà 5 milioni e mezzo, in la Repubblica, 30 dicembre 2005. URL consultato il 17 marzo 2016.
  16. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v Giancarlo Galavotti, Vai Robinho Gol, samba scioperi e... preservativi, in La Gazzetta dello Sport, 1° settembre 2010. URL consultato il 17 marzo 2016.
  17. ^ a b Brasile, presi in ostaggio cinque parenti di Robinho: liberati, stanno bene, in La Gazzetta dello Sport, 17 giugno 2015. URL consultato il 22 novembre 2015.
  18. ^ Altri 10 rapimenti dello sport, in La Gazzetta dello Sport, 4 ottobre 2006. URL consultato il 17 marzo 2016.
  19. ^ L'attaccante del ManCity Robinho arrestato per violenza sessuale, la Repubblica, 28 gennaio 2009. URL consultato il 1º settembre 2010.
  20. ^ Brasile, dopo Pato si sposa anche Robinho, Tuttosport, 10 luglio 2009. URL consultato il 1º dicembre 2011.
  21. ^ Maurizio Ferrari, Altra gioia per Robinho, la moglie è incinta, milannews.it, 11 settembre 2010. URL consultato il 1º dicembre 2011.
  22. ^ Pietro Mazzara, È nato Gianluca! Auguri a papà Robinho, milannews.it, 24 aprile 2011. URL consultato il 1º dicembre 2011.
  23. ^ Alessandra Bocci, Carlo Laudisa, Via Dinho? C' è Robinho Milan, entro Ferragosto si decide, La Gazzetta dello Sport, 6 agosto 2010. URL consultato il 1º settembre 2010.
  24. ^ Gianni Lovato, Balotelli-Robinho, che intrigo tra Inter e City, Tuttosport, 31 luglio 2010. URL consultato il 1º settembre 2010.
  25. ^ (EN) Matt Barlow, Chelsea make their move for Brazil winger Robinho with a £19.7m offer to Real Madrid, The Daily Mail, 7 agosto 2008. URL consultato il 17 novembre 2015.
  26. ^ Simona Marchetti, L'affare Kakà esalta il Sun "Cambia il volto del calcio", 16 gennaio 2009. URL consultato il 17 marzo 2016.
  27. ^ a b c Fabrizio Bocca, Robinho ed Elano, la fantasia al potere, la Repubblica, 11 febbraio 2009. URL consultato l'11 febbraio 2009.
  28. ^ Andrea Schianchi, Pato è fuori dal gioco Con Robinho più azioni, in La Gazzetta dello Sport, 9 gennaio 2012. URL consultato il 17 marzo 2016.
  29. ^ a b c Monica Colombo, Nella lista del Milan entra anche Robinho, Corriere della Sera, 17 luglio 2007. URL consultato l'11 febbraio 2009 (archiviato dall'url originale il pre 1/1/2016).
  30. ^ (EN) Steve Wilson, Manchester City’s Robinho surprised by Premier League quality, in The Telegraph, 4 ottobre 2008. URL consultato il 17 novembre 2015.
  31. ^ a b c d Luca Calamai, Robinho: "Dinho? Resta Sono pronto a legarlo", in La Gazzetta dello Sport, 14 ottobre 2010. URL consultato il 17 marzo 2016.
  32. ^ Robinho vuole più soldi anzi no, meglio il Chelsea, in La Gazzetta dello Sport, 15 luglio 2008. URL consultato il 16 marzo 2016.
  33. ^ Pelé: Robinho, Adriano e Ronaldo tristezze per il calcio e per il Brasile, Il Messaggero, 29 gennaio 2009. URL consultato l'11 febbraio 2009.
  34. ^ (EN) Aritz Gabilondo, Dunga hopes to recover the 2007 version of Robinho, AS, 23 giugno 2015. URL consultato il 17 novembre 2015.
  35. ^ a b c d e Robinho rianima il Brasile, in La Gazzetta dello Sport, 1° luglio 2007. URL consultato il 17 marzo 2016.
  36. ^ a b c Tancredi Palmeri, Coppa: Robinho salta Roma La macumba aiuta le italiane, in La Gazzetta dello Sport, 12 febbraio 2008. URL consultato il 17 marzo 2016.
  37. ^ a b c Stefano Cantalupi, I dieci super attaccanti che fanno sognare l'Europa, in La Gazzetta dello Sport, 12 luglio 2008. URL consultato il 17 marzo 2016.
  38. ^ Mauricio Cannone, Romario-Robinho: i gol, La Gazzetta dello Sport, 03 dicembre 2002. URL consultato l'11 febbraio 2009.
  39. ^ a b c d e f g h Robinho-Real, oggi sposi, in La Gazzetta dello Sport, 30 luglio 2005. URL consultato il 17 marzo 2016.
  40. ^ Luca Calamai, Sono Robinho, so anche far gol, La Gazzetta dello Sport, 03 luglio 2009. URL consultato l'11 febbraio 2009.
  41. ^ (EN) Tim Vickery, Robinho in urgent need of fresh start, BBC, 16 agosto 2010. URL consultato il 17 novembre 2015.
  42. ^ a b c (EN) Paul Fletcher, Released Robinho vital for Brazil, BBC, 29 giugno 2010. URL consultato il 17 novembre 2015.
  43. ^ LEGA SERIE A: CLASSIFICA ASSIST, ROBINHO SUL PODIO, A.C. Milan, 23 ottobre 2013. URL consultato il 17 novembre 2015.
  44. ^ a b (EN) Andrew Downie, Europe awaits the new Pele, The Telegraph, 16 febbraio 2005. URL consultato il 17 novembre 2015.
  45. ^ a b (EN) Sid Lowe, Suddenly Robinho looks like the New Pele ... again, The Guardian, 12 novembre 2015. URL consultato il 17 novembre 2015.
  46. ^ (EN) Jason Burt, Robinho is reminded of his Manchester City nightmare as Tottenham beat AC Milan in Champions League last-16, The Telegraph, 15 febbraio 2011. URL consultato il 17 novembre 2015.
  47. ^ (EN) Mark Meadows, Allegri's tactics and Ibrahimovic magic make Milan fly, Reuters, 12 dicembre 2010. URL consultato il 17 novembre 2015.
  48. ^ a b Next Generation: Neymar. Il bimbo prodigio è cresciuto, La Gazzetta dello Sport, 5 agosto 2009. URL consultato il 17 marzo 2016.
  49. ^ a b c Robinho è già star in Cina. Dimentica il Milan con 2 gol, in La Gazzetta dello Sport, 21 agosto 2015. URL consultato il 22 novembre 2015.
  50. ^ (EN) Ian Chadband, World Cup 2010: Brazil manager Carlos Dunga puts faith in rejuvenated Robinho, The Telegraph, 18 giugno 2010. URL consultato il 17 novembre 2015.
  51. ^ (EN) Robinho - Player profile, BBC. URL consultato il 17 novembre 2015.
  52. ^ a b c Mario Pagliara, Robinho: "Qui farò la storia" Galliani: "E' costato 18 milioni", in La Gazzetta dello Sport, 31 agosto 2010. URL consultato il 16 marzo 2016.
  53. ^ Alessandro de Calò, Ronaldinho, il sorriso d'oro, in La Gazzetta dello Sport, 25 novembre 2005. URL consultato il 17 marzo 2016.
  54. ^ Stefano Cantalupi, E' già la Premier di Robinho Messi e Iniesta, che show, in La Gazzetta dello Sport, 22 settembre 2008. URL consultato il 14 ottobre 2015.
  55. ^ (PT) Nova geração do Santos vence o Botafogo na estréia no Brasileiro, Folha.uol.com.br.
  56. ^ (PT) Santos bate o Vitória, mantém 100% na Vila e chega à 5ª colocação, Folha.uol.com.br
  57. ^ (EN) José Luis Pierrend, South American Player of the Year 2004, rsssf.com. URL consultato il 1º settembre 2010.
  58. ^ (PT) Bola de Ouro Placar - 2004, zerozero.pt. URL consultato il 16 dicembre 2010.
  59. ^ (EN) Bola de Ouro (Placar Magazine), rsssfbrasil.com. URL consultato il 16 dicembre 2010.
  60. ^ (PT) Hugo Genaro, Contra o Cruzeiro, Santos FC alcançará a marca de mil jogos em Brasileiros, santosfc.com.br, 31 novembre 2009. URL consultato il 17 ottobre 2010.
  61. ^ Filippo Maria Ricci, Niente Chelsea per Robinho E ora deve chiedere scusa, in La Gazzetta dello Sport, 29 agosto 2008. URL consultato il 17 marzo 2016.
  62. ^ Filippo Maria Ricci, Notte brava per Robinho, in La Gazzetta dello Sport, 19 ottobre 2007. URL consultato il 17 marzo 2016.
  63. ^ (EN) Nick Aldam, La Liga Week 26: Robinho saves Real Madrid, Agüero destroys Barcelona, soccerlens.com, 3 marzo 2008. URL consultato il 1º settembre 2010.
  64. ^ Mattia Chiusano, "Cassano al Real fino al 2010" Gli spagnoli: annuncio dopo Natale, in La Repubblica, 24 dicembre 2005. URL consultato il 17 marzo 2016.
  65. ^ Filippo Maria Ricci, Robinho attacca Schuster "Basta, voglio il Chelsea", in La Gazzetta dello Sport, 31 agosto 2008. URL consultato il 17 marzo 2016.
  66. ^ (EN) Official Announcement, realmadrid.com, 31 agosto 2008. URL consultato il 1º settembre 2010.
  67. ^ (EN) Statement responding to Real Madrid, chelseafc.com, 31 agosto 2008. URL consultato il 01-092010.
  68. ^ (EN) Real Madrid and Manchester City agree to terms on Robinho transfer, realmadrid.com, 2 settembre 2008. URL consultato il 1º settembre 2010.
  69. ^ (EN) Man City beat Chelsea to Robinho, BBC, 1º settembre 2008. URL consultato il 1º settembre 2010.
  70. ^ Simona Marchetti, Robinho-City, il flop brucia. Gli inglesi contano i danni, La Gazzetta dello Sport, 1º settembre 2010. URL consultato il 1º settembre 2010.
  71. ^ Mourinho si consola con Quaresma. Robinho al City per 42 milioni di euro, Corriere della Sera, 1° settembre 2008. URL consultato l'11 febbraio 2009.
  72. ^ a b Simona Marchetti, Robinho, che flop al City E rispunta il Chelsea, in La Gazzetta dello Sport, 14 aprile 2009. URL consultato il 17 marzo 2016.
  73. ^ Robinho, l'avventura al City comincia con una gaffe, Sky Sport, 4 settembre 2008. URL consultato il 1º settembre 2010.
  74. ^ a b Simona Marchetti, Al City hanno Kakà sulla pelle E dicono lui volesse Mou, in La Gazzetta dello Sport, 25 gennaio 2009. URL consultato il 17 marzo 2016.
  75. ^ (EN) Robinho in loan deal to Santos, mcfc.co.uk, 28 gennaio 2010.
  76. ^ Milan - Robinho, Raiola vola a Manchester, milannews.it, 30 agosto 2010. URL consultato il 15 gennaio 2011.
  77. ^ Raiola, il procuratore che guadagna quanto un fuoriclasse, Sky Sport, 5 settembre 2010. URL consultato il 15 gennaio 2011.
  78. ^ Mario Pagliara, Robinho: "Qui farò la storia". Galliani: "E' costato 18 milioni", La Gazzetta dello Sport, 31 agosto 2010. URL consultato il 1º settembre 2010.
  79. ^ Milan, preso Robinho a titolo definitivo, Corriere dello Sport, 31 agosto 2010. URL consultato il 16 dicembre 2010.
  80. ^ Ufficiale: Robinho è del Milan, Sport Mediaset, 31 agosto 2010. URL consultato il 16 dicembre 2010.
  81. ^ Marco Pasotto, Galliani taglia «Altri ingaggi da spalmare», in La Gazzetta dello Sport, 5 giugno 2014. URL consultato il 17 marzo 2016.
  82. ^ Serata negativa, acmilan.com, 11 settembre 2010. URL consultato il 13 settembre 2010.
  83. ^ E ora concentrazione Real!, acmilan.com, 16 ottobre 2010. URL consultato il 16 ottobre 2010.
  84. ^ Gaetano De Stefano, Samba-Milan con il Chievo. Ma c'è ansia per Thiago Silva, La Gazzetta dello Sport, 16 ottobre 2010. URL consultato il 16 ottobre 2010.
  85. ^ La capolista riprende la sua corsa, legaseriea.it, 12 febbraio 2011. URL consultato il 13 febbraio 2011.
  86. ^ Milan-Parma 4-0, legaseriea.it, 12 febbraio 2011. URL consultato il 13 febbraio 2011.
  87. ^ Gaetano De Stefano, Cassano segna e illumina. Ciclone Milan sul Parma, La Gazzetta dello Sport, 12 febbraio 2011. URL consultato il 13 febbraio 2011.
  88. ^ Gaetano De Stefano, Milan campione d'Italia. A Roma basta lo 0-0, La Gazzetta dello Sport, 7 maggio 2011. URL consultato il 7 maggio 2011.
  89. ^ Presenze calciatori AC Milan 2010-2011 (PDF), acmilan.com, 24 maggio 2011. URL consultato il 9 marzo 2012.
  90. ^ Gaetano De Stefano, Ibra-Boateng: Inter a terra. Festa Milan in Supercoppa, La Gazzetta dello Sport, 6 agosto 2011. URL consultato il 6 agosto 2011.
  91. ^ Milan, Robinho è pronto: "Non vedo l'ora di giocare", Sportitalia, 12 ottobre 2011. URL consultato il 16 ottobre 2011.
  92. ^ Travolgente Milan, acmilan.com, 15 ottobre 2011. URL consultato il 16 ottobre 2011.
  93. ^ Robinho: nuovo numero di maglia, acmilan.com, 18 agosto 2012. URL consultato il 20 agosto 2012.
  94. ^ A.C. Milan comunicato ufficiale, acmilan.com, 28 agosto 2012. URL consultato il 28 agosto 2012.
  95. ^ Gaetano De Stefano, Il Milan stende la Juve. Basta il rigore di Robinho, La Gazzetta dello Sport, 25 novembre 2012. URL consultato il 25 novembre 2012.
  96. ^ Milan 1 - 0 Juventus, legaseriea.it, 25 novembre 2012. URL consultato il 25 novembre 2012.
  97. ^ Avanti insieme, acmilan.com, 19 luglio 2013. URL consultato il 19 luglio 2013.
  98. ^ Fabiana Della Valle, Milan-Cagliari 3-1, aspettando Kakà, ci pensano Robinho, Mexes e Balotelli, La Gazzetta dello Sport, 1º settembre 2013. URL consultato il 1º settembre 2013.
  99. ^ Max Cristina, Milan, Robinho e Balotelli in gol: 3-1 al Cagliari, Sport Mediaset, 1º settembre 2013. URL consultato il 1º settembre 2013.
  100. ^ AC Milan comunicato ufficiale, acmilan.com, 7 agosto 2014. URL consultato il 7 agosto 2014.
  101. ^ (PT) Rei das Pedaladas volta para casa, santosfc.com.br, 7 agosto 2014. URL consultato il 7 agosto 2014.
  102. ^ AC Milan: Robinho, risolto consensualmente il contratto, acmilan.com, 13 maggio 2015. URL consultato il 6 agosto 2015.
  103. ^ Adriano Seu, Robinho-Milan, addio definitivo: c'è l'accordo per la risoluzione, in La Gazzetta dello Sport, 12 maggio 2015. URL consultato il 22 novembre 2015.
  104. ^ Guangzhou, dopo Paulinho ecco un altro colpo: Robinho ha firmato per sei mesi, in La Gazzetta dello Sport, 16 luglio 2015. URL consultato il 22 novembre 2015.
  105. ^ Robinho, niente rinnovo: addio Santos, lo aspetta il Guangzhou Evergrande, in La Gazzetta dello Sport, 1° luglio 2015. URL consultato il 22 novembre 2015.
  106. ^ (PT) Já na Cidade do Galo, Robinho será apresentado após o treino, su Atletico.com.br, 12 febbraio 2016. URL consultato il 13 febbraio 2016.
  107. ^ Robinho torna in Brasile: ha firmato con l'Atletico Mineiro, in La Gazzetta dello Sport, 11 febbraio 2016. URL consultato il 17 marzo 2016.
  108. ^ Atletico Mineiro 4-1 Tombense, Soccerway.com.
  109. ^ Vila Nova 2-7 Atletico Mineiro, Soccerway.com.
  110. ^ Atletico Mineiro 4-0 Melgar, Soccerway.com.
  111. ^ Il Brasile scelse di partecipare alla manifestazione (per Nazionali maggiori) con la selezione Under-23.
  112. ^ Goleade di Brasile e Uruguay, in La Gazzetta dello Sport, 8 luglio 2007. URL consultato il 17 marzo 2016.
  113. ^ (ES) Robinho, mejor jugador y máximo goleador, AS, 16 luglio 2007. URL consultato il 9 marzo 2012.
  114. ^ (ES) Robinho goleador y mejor jugador de Copa América, guia.com.ve, 16 luglio 2007. URL consultato il 1º settembre 2010.
  115. ^ Alessandra Bocci e Carlo Laudisa, Il Milan blocca Pato, in La Gazzetta dello Sport, 13 luglio 2007. URL consultato il 17 marzo 2016.
  116. ^ Il Real blocca Robinho, niente Olimpiadi per lui, puntosport.net, 22 luglio 2008. URL consultato il 1º settembre 2010.
  117. ^ Robinho è out, Messi è in dubbio, Quotidiano Nazionale, 22 luglio 2008. URL consultato il 1º settembre 2010.
  118. ^ (EN) 11 Robinho - Statistics - Main statistics, fifa.com. URL consultato il 1º settembre 2010.
  119. ^ (EN) Dutch fightback buries Brazil, fifa.com, 2 luglio 2010. URL consultato il 1º settembre 2010.
  120. ^ Adriano Seu, Brasile eliminato, non segna mai! Paraguay: catenaccio e rigori, La Gazzetta dello Sport, 17 luglio 2011. URL consultato il 18 luglio 2011.
  121. ^ Giulio Di Feo, Copa America, Brasile eliminato dal Paraguay ai rigori, La Gazzetta dello Sport, 28 giugno 2015. URL consultato il 20 giugno 2015.
  122. ^ (EN) About Robinho - Career statistics, robinhoofficial.com, 24 maggio 2009. URL consultato il 9 marzo 2012 (archiviato dall'url originale il 7 gennaio 2011).
  123. ^ 1 presenza nei play-off.
  124. ^ a b c d e La CBF ha scelto di schierare una Nazionale Under-23 e pertanto, al contrario della FIFA, non considera questa partita come disputata dalla propria Nazionale maggiore ma da quella olimpica.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN121251156 · LCCN: (ENno2010083170