Sivasspor Kulübü

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Sivasspor
Calcio Football pictogram.svg
Yiğidolar (Persone coraggiose)
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Trasferta
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Terza divisa
Colori sociali Rosso e Bianco con stelle.svg Rosso, bianco
Dati societari
Città Sivas
Nazione Turchia Turchia
Confederazione UEFA
Federazione Flag of Turkey.svg TFF
Campionato Süper Lig
Fondazione 1967
Presidente Turchia Mecnun Otyakmaz
Allenatore Turchia Riza Çalimbay
Stadio Stadio 4 settembre
(27 532 posti)
Sito web www.sivasspor.org.tr
Palmarès
Si invita a seguire il modello di voce

Il Sivasspor Kulübü, chiamato comunemente solo Sivasspor, è una società calcistica con sede a Sivas, in Turchia. Milita attualmente nella Süper Lig, la massima serie del campionato turco di calcio, e disputa le partite interne allo stadio 4 settembre di Sivas.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Fondato il 14 maggio 1932 a Sivas con il nome di Sivas Gençlik, adottò divisa biancorossa e calzoncini bianchi. Iniziò a livello dilettantistico, prima di essere ammesso al professionismo. A metà degli anni '60 il Sivas Gençlik si fuse con lo Yolspor e il Kızılırmak nella speranza che per il nuovo sodalizio si aprissero le porte dei campionati professionistici, ma così non fu[1].

Dopo vari boicottaggi, il 1º luglio 1967 al Sivasspor fu concesso di praticare il calcio a livello professionistico[1]. Il Sivasspor iniziò dalla seconda serie, "gruppo bianco"[2]. A causa dell'elevato numero di club costituitisi in quel periodo, la federcalcio turca decise di istituire una terza serie. Il Sivasspor fu ammesso alla seconda serie insieme a Afyonspor, Balıkesirspor, Giresunspor, Kastamonuspor, Malatyaspor, Orduspor, Uşakspor e Taksim GK[2]. All'esordio nel professionismo il Sivasspor si piazzò 16° nel suo gruppo, salvandosi dalla retrocessione per quattro punti, e sempre nella parte bassa della classifica l'anno dopo[2][3]. Sfiorò la promozione in prima serie nel 1971-1972 e nel 1972-1973, piazzandosi secondo, rispettivamente dietro a Şekerspor prima e Adana Demirspor poi.

Il 17 settembre 1967, in un match di terza serie tra Sivasspor e Kayseri Erciyesspor (all'epoca Kayserispor) giocato allo stadio Atatürk di Kayseri, si verificò la più grande tragedia del calcio turco. Incidenti tra tifosi causarono 43 morti e 300 feriti, per lo più sostenitori del Sivasspor, periti nella calca originatasi dopo gli scontri con i sostenitori del Kayserispor[4]. Il match fu dichiarato terminato con il punteggio di 1-0 in favore del Kayserispor. Dopo la tragedia il Kayseri Erciyesspor e il Sivasspor hanno giocato in due gruppi diversi di seconda serie sino al 1990-1991, stagione in cui le due squadre si riconciliarono e militarono nel quarto gruppo della terza serie, oggi TFF 2. Lig.

Il Sivasspor militò nei campionati inferiori fino al 2004-2005, stagione in cui vinse il campionato di seconda serie, accedendo così in massima divisione[2]. All'esordio in Süper Lig si piazzò ottavo con 43 punti (frutto di 10 vittorie, 13 pareggi, 11 sconfitte), sotto la guida del tecnico Werner Lorant, che conseguì alcune vittorie di prestigio contro Beşiktaş e Gençlerbirliği. Dopo la salvezza dell'anno seguente, nel 2007-2008 il club si piazzò quarto, sfavorito rispetto alla seconda e alla terza in graduatoria (che erano a pari punti) solo dalla differenza reti[2]. Il Sivasspor ebbe in mano la vittoria del titolo fino alla penultima giornata, quando fu sconfitto per 5-3 dai futuri campioni del Galatasaray. Il 2008-2009 vide la squadra piazzarsi seconda dopo aver condotto la classifica per molte giornate. Con la sconfitta all'ultima giornata contro il Beşiktaş il Sivasspor chiuse a cinque punti dalla squadra di Istanbul, che si laureò campione. La stagione 2019-2020 si conclude con il 4º posto finale in classifica che vale l'accesso diretto alla fase a gironi della UEFA Europa League 2020-2021 per la prima volta nella storia del club.

Organico[modifica | modifica wikitesto]

Rosa 2020-2021[modifica | modifica wikitesto]

Aggiornata al 1º marzo 2021[5][6].

N. Ruolo Giocatore
2 Costa d'Avorio A Arouna Koné
3 Turchia D Uğur Çiftçi
4 Gabon D Aaron Appindangoyé
5 Ghana C Isaac Cofie
6 Brasile C Claudemir
7 Costa d'Avorio C Max Gradel
8 Germania C Robin Yalçın
9 Mali A Mustapha Yatabaré
11 Spagna A Jorge Félix
14 Francia D Samba Camara
15 Turchia D Alaaddin Okumuş
17 Turchia C Erdoğan Yeşilyurt
20 Turchia C Kerem Atakan Kesgin
N. Ruolo Giocatore
23 Ucraina C Serhij Rybalka
25 Turchia P Muammer Yıldırım
29 Ciad A Casimir Ninga
30 Mali P Mamadou Samassa
35 Turchia P Ali Şaşal Vural
37 Turchia C Hakan Arslan
58 Turchia D Ziya Erdal (capitano)
76 Marocco C Fayçal Fajr
77 Turchia D Ahmet Oğuz
80 Nigeria A Olarenwaju Kayode
88 Turchia D Caner Osmanpaşa
99 Stati Uniti A Tyler Boyd

Stagioni passate[modifica | modifica wikitesto]

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

2005-2006, 2016-2017
1998-1999

Altri piazzamenti[modifica | modifica wikitesto]

Secondo posto: 2008-2009
Semifinalista: 2008-2009, 2012-2013, 2014-2015
Finalista: 2008

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche nelle competizioni UEFA[modifica | modifica wikitesto]

Tabella aggiornata alla fine della stagione 2017-2018.

Competizione Partecipazioni G V N P RF RS
UEFA Champions League 1 2 1 0 1 3 6
Coppa UEFA/UEFA Europa League 1 2 0 0 2 0 5
Coppa Intertoto 1 4 1 1 2 3 7

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • (TR) Sito ufficiale, su sivasspor.org.tr. URL consultato il 27 giugno 2007 (archiviato dall'url originale il 29 ottobre 2013).
  • (TR) Sivasspor Fun Sito ufficiale, su istder.com. URL consultato l'8 maggio 2010 (archiviato dall'url originale il 5 marzo 2016).
Calcio Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio