Mauro Silva

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando l'omonimo saltatore in lungo brasiliano, vedi Mauro Vinícius da Silva.
Mauro Silva
Maurosilva.png
Nazionalità Brasile Brasile
Altezza 178[1] cm
Peso 78[1] kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Centrocampista
Termine carriera 2005
Carriera
Squadre di club1
1988-1990Guarani1 (0)
1990-1992Bragantino61 (0)
1992-2005Deportivo La Coruña369 (1)
Nazionale
1991-2001Brasile Brasile58 (0)
Palmarès
Coppa mondiale.svg Mondiali di calcio
Oro Stati Uniti 1994
Transparent.png Copa América
Argento Cile 1991
Oro Bolivia 1997
CONCACAF - Gold Cup.svg Gold Cup
Bronzo USA 1998
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Mauro da Silva Gomes (conosciuto come Mauro Silva; São Bernardo do Campo, 12 gennaio 1968) è un ex calciatore brasiliano, di ruolo centrocampista, campione del Mondo con la Nazionale brasiliana nel 1994.

Considerato uno dei migliori mediani degli anni 90[2][3][4][5][6], ha legato la sua carriera al Deportivo la Coruna, club nel quale ha disputato 13 stagioni e del quale è il secondo giocatore di tutti i tempi per presenze complessive; a livello di club ha conquistato principalmente un Campeonato Paulista con la maglia del Bragantino, e la Liga del 1999/2000 con la maglia del Deportivo. A livello internazionale si è aggiudicato il Mondiale del 1994 e la Copa America del 1997.

In una votazione organizzata dalla società nel 2016 per eleggere la miglior squadra della propria storia, è stato eletto dai tifosi del Deportivo come Miglior Giocatore della storia del club entrando così di diritto nella Hall of Fame ufficiale della squadra[7][8].

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Centrocampista difensivo[4] dalla grandissima resistenza fisica[9][2], è dotato di notevole intelligenza tattica[9] e grande tempismo negli interventi[3]; ha svolto per tutta la carriera il ruolo di mediano in un centrocampo a due[10] (le "dighe" di centrocampo che ha formato con i connazionali Flavio Conceicao[11][12] negli anni di maggior successo al Deportivo e Dunga in Nazionale[13][14] sono entrate nell'immaginario popolare grazie alla loro grande efficacia[9][3]). Sebbene dotato di ottima tecnica individuale e di una buona proprietà di palleggio nel breve[3], la scarsa visione di gioco ed una scarsa propensione all'inserimento[3] ne hanno limitato l'impiego principalmente al ruolo di equilibratore della squadra[2], sia in nazionale che nei club.

Grazie alla sua professionalità nel lavoro quotidiano ed al grande temperamento mostrato in campo[3][9], risulta spesso un leader per il resto della squadra[4].

Ha dichiarato di rivedersi nel centrocampista del Real Madrid Casemiro[15].

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Esordi in patria[modifica | modifica wikitesto]

Dopo una lunga trafila nel settore giovanile del Guarani, entra a far parte della prima squadra senza tuttavia riuscire ad imporsi; nel 1990 viene acquistato dal Bragantino, allenato da Wanderlei Luxemburgo[16]. L'allenatore brasiliano intuisce le qualità di Silva nonostante la giovane età e la poca esperienza e in poco tempo ne fa uno dei perni della squadra[16]. A seguito di due stagioni disputate su ottimi livelli, condite dalla vittoria di un Campionato Paulista, Silva conquista la nazionale maggiore e desta l'interesse di numerose squadre spagnole[16], all'epoca molto vigili sul mercato brasiliano.

Affermazione al Deportivo[modifica | modifica wikitesto]

Nell'estate del 1992 viene acquistato dal Deportivo la Coruna e presentato assieme ai connazionali Donato e Bebeto, anch'essi future leggende del club galiziano; Silva si impone subito come uomo chiave della formazione del mister Arsenio Iglesias[16][17], che, guidata dai goal di Bebeto, capocannoniere del torneo, centra la terza posizione in campionato dopo un lungo testa a testa per il primato in classifica col Barcellona di Cruijff, alla terza affermazione consecutiva[17].

La seconda stagione in Spagna di Silva conferma il suo ruolo di leader della squadra, che conquista la vetta della classifica alla quattordicesima giornata[17] per mantenerla fino all'ultima, dove il Deportivo, primo a pari punti con il Barcellona (ma avente il vantaggio negli scontri diretti), pareggia clamorosamente per 0-0 sul campo del Valencia[17], a causa dell'errore dal dischetto nei secondi finali di Miroslav Djukic, presentatosi alla battuta in seguito all'assenza di Donato ed al rifiuto di Bebeto[17][18]. Il titolo finisce cosi nuovamente al Barcellona, che sconfigge agevolmente il Siviglia per 5-2[17].

Il primo trofeo con la formazione biancoblu giunge alla terza stagione, nel 94/95: il Deportivo sconfigge per 2-1 il Valencia nella finale di Copa del Rey, conquistando anche la Supercoppa pochi mesi più tardi, sconfiggendo il Real Madrid[17]. Silva prende parte esclusivamente al doppio match di Supercoppa, saltando la finale di Copa del Rey per un problema fisico[16].

L'addio di Iglesias e gli anni intermedi[modifica | modifica wikitesto]

In seguito alla vittoria in Coppa nazionale, Arsenio Iglesias lascia la guida tecnica della squadra al gallese John Toshack; nelle successive stagioni i risultati del club sono piuttosto deludenti, con piazzamenti che vanno dal nono posto del 95-96 al terzo posto del 96-97. Silva si afferma come vice-capitano della squadra, indossando la fascia quando capitan Donato risulta indisponibile.

La nascita del Superdeportivo e la conquista della liga[modifica | modifica wikitesto]

L'inizio della stagione 98/99 vede il basco Javier Irureta assumere la guida tecnica della squadra[17][16]; il nuovo allenatore inaugura un nuovo corso per il club galiziano, schierando una squadra spregiudicata e molto offensiva proprio grazie alla presenza di Silva a centrocampo[17][16]: dopo una prima stagione di assestamento, conclusa al quinto posto in campionato, il Deportivo riesce nell'impresa di vincere il campionato, il primo e fin'ora unico successo del club nel campionato spagnolo[17][16][18], al quale si aggiunge la Supercoppa dello stesso anno; Silva è ancora una volta uno dei giocatori chiave della squadra, assieme al capocannoniere Maakay ed al fantasista brasiliano Djalminha[18].

La storica impresa appena compiuta convince il presidente Augusto Cesar Lendoiro ad investire ancora di più[18]: nei successivi 5 anni il Deportivo conquista due secondi posti e due terzi posti[18][17], partecipando stabilmente alla Champions League e raggiungendo le semifinali dell'edizione 2003/2004, dopo aver eliminato agli ottavi di finale i vicecampioni della Juventus (vincendo entrambi i match per 1-0)[19] e ai quarti i campioni in carica del Milan, clamorosamente rimontati al Riazor per 4-0 dopo aver vinto agevolmente per 4-1 la partita d'andata a Milano[18][17]; Silva, nonostante i 36 anni, gioca una delle migliori partite della sua carriera[16], riuscendo ad annullare il connazionale Kakà.

Ultimi titoli e ritiro[modifica | modifica wikitesto]

Sebbene il Deportivo non riesca più ad affermarsi in campionato dopo la vittoria del 2000, la squadra riesce comunque a vincere altre due Coppe del Re, nel 2002 e nel 2005, centrando ambedue le volte anche la vittoria in Supercoppa[17]; particolarmente avvincente fu la finale di Coppa del 2002[17], in cui il Deportivo sconfisse allo stadio Santiago Bernabeu il cosiddetto "Real Madrid dei galacticos" per 2-1; la finale era stata organizzata a Madrid per omaggiare il centenario del club madrileno[17].

A partire dalla stagione 2003-2004, a seguito del ritiro di Donato, Silva viene nominato capitano della squadra.

Annuncia il ritiro al termine della stagione 2004-2005, a 37 anni, dopo 428 partite ufficiali con la maglia del club di La Coruna (369 in campionato) e 5 titoli vinti, tra cui un campionato, due coppe nazionali, e le tre relative Supercoppe.

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Entra a far parte stabilmente della selezione brasiliana nel 91, grazie all'intuizione dell'allenatore ed ex bandiera della Roma Paulo Roberto Falcao[16]. Silva conquista, sin dalla Copa America del 91(persa in finale con i rivali dell'Argentina), il posto da titolare accanto al capitano Dunga[16].

Ai mondiali del 94 il Brasile si presenta con una squadra molto criticata dalla stampa locale, lontana dai concetti classici del calcio verdeoro[16]: si tratta di una squadra tecnicamente povera, con molti "faticatori" ( titolari a centrocampo erano tre mediani come Silva, Dunga e Mazinho)[16] ed in cui l'intero peso offensivo della manovra era sulle spalle del duo d'attacco composto da Romario e Bebeto. La "Selecao" , nonostante le basse aspettative, si dimostra una squadra estremamente cinica ed organizzata, laureandosi vincitrice sconfiggendo ai rigori l'Italia in finale[16].

Silva è nuovamente titolare nella vittoriosa Copa America del 97[16], col compito di dare equilibrio ad una squadra dotata di un debordante talento offensivo (spesso la squadra schierava contemporaneamente giocatori come Djalminha, Denilson, Romario, Ronaldo, Rivaldo, Cafù, Roberto Carlos)[16].

Salta per infortunio il mondiale del 98, venendo sostituito dal centrocampista dell'Arsenal Gilberto Silva[16].

Nonostante venga incluso in rosa per le partite di qualificazione al mondiale del 2002, il CT Scolari non lo inserisce nei convocati per la rassegna iridata, esclusione che lo porta all'abbandono della nazionale[16]; termina la sua carriera internazionale con all'attivo 58 partite in maglia verdeoro, con un Mondiale ed una Copa America conquistati.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni statali[modifica | modifica wikitesto]

Bragantino: 1990

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Deportivo La Coruña: 1999-2000
Deportivo La Coruña: 1994-1995, 2001-2002
Deportivo La Coruña: 1995, 2000, 2002

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Stati Uniti 1994
Bolivia 1997

Individuale[modifica | modifica wikitesto]

1991
1992

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (PT) Mauro Silva (Mauro da Silva Gomes) - Futpédia, su futpedia.globo.com. URL consultato il 5 ottobre 2009 (archiviato dall'url originale il 28 gennaio 2010).
  2. ^ a b c (EN) Christopher Atkins, Best XI Best Brazilians Ever to Play Club Football in Europe, su Bleacher Report. URL consultato il 1º giugno 2021.
  3. ^ a b c d e f Mauro Silva, il fortissimo mediano del Brasile anni 90 e bandiera del Depor!, su footballstory.mondocalcionews.it, 5 aprile 2021. URL consultato il 1º giugno 2021.
  4. ^ a b c Mauro Silva: Leader Superdepor, su Appeso per Futbol, 19 maggio 2021. URL consultato il 1º giugno 2021.
  5. ^ La posta de l'Ultimo Uomo, v. 2, su L'Ultimo Uomo, 19 maggio 2015. URL consultato il 1º giugno 2021.
  6. ^ (EN) Sid Lowe, Sid Lowe: La Liga's Team of the Decade, 2000-2010, su Sports Illustrated. URL consultato il 27 agosto 2021.
  7. ^ (EN) Bebeto and Mauro Silva voted Deportivo's greatest, su AS.com, 16 novembre 2016. URL consultato il 1º giugno 2021.
  8. ^ (EN) Legendary players | Página Oficial del R.C. Deportivo de La Coruña, su Legendary players | Página Oficial del R.C. Deportivo de La Coruña. URL consultato il 1º giugno 2021.
  9. ^ a b c d (EN) Mauro Silva: The mop-up man, su Times of India Blog, 25 giugno 2010. URL consultato il 1º giugno 2021.
  10. ^ La battaglia fra i giganti, su L'Ultimo Uomo, 26 marzo 2018. URL consultato il 1º giugno 2021.
  11. ^ Dalla Galizia all'Europa. La favola del Super-Depor, su Operazione Nostalgia, 30 marzo 2021. URL consultato il 1º giugno 2021.
  12. ^ Makaay, Djalminha, Naybet e... Vent'anni fa il Deportivo La Coruna vinceva la Liga, su La Gazzetta dello Sport. URL consultato il 1º giugno 2021.
  13. ^ USA, 1994: VII. Brasile: bellezza è efficienza, su Memorie Mondiali, 1º dicembre 2019. URL consultato il 1º giugno 2021.
  14. ^ Sky Sport, Tattica che vince si cambia. Al Mondiale funziona così, su sport.sky.it. URL consultato il 1º giugno 2021.
  15. ^ (EN) Mauro Silva: Casemiro is the best in the world in his position, su MARCA in English, 12 novembre 2017. URL consultato il 1º giugno 2021.
  16. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r Mauro Silva, il fortissimo mediano del Brasile anni 90 e bandiera del Depor!, su footballstory.mondocalcionews.it, 5 aprile 2021. URL consultato il 25 agosto 2021.
  17. ^ a b c d e f g h i j k l m n o Dalla Galizia all'Europa. La favola del Super-Depor, su Operazione Nostalgia, 30 marzo 2021. URL consultato il 25 agosto 2021.
  18. ^ a b c d e f Makaay, Djalminha, Naybet e... Vent'anni fa il Deportivo La Coruna vinceva la Liga, su La Gazzetta dello Sport. URL consultato il 25 agosto 2021.
  19. ^ operazionenostalgia.com, https://www.operazionenostalgia.com/dalla-galizia-alleuropa-la-favola-del-super-depor/.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]