Santos

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Santos (disambigua).
Santos
comune
Santos – Stemma Santos – Bandiera
Santos – Veduta
Localizzazione
StatoBrasile Brasile
Stato federatoBandeira do estado de São Paulo.svg San Paolo
MesoregioneSan Paolo
MicroregioneSantos
Amministrazione
PrefettoPaulo Alexandre Oereira Barbosa
Territorio
Coordinate23°57′39″S 46°20′02″W / 23.960833°S 46.333889°W-23.960833; -46.333889 (Santos)Coordinate: 23°57′39″S 46°20′02″W / 23.960833°S 46.333889°W-23.960833; -46.333889 (Santos)
Altitudinem s.l.m.
Superficie280,674 km²
Abitanti419 400[1] (2010)
Densità1 494,26 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale11100-000
Prefisso13
Fuso orarioUTC-3
Codice IBGE3548500
Nome abitantisantista
Area metropolitanaRegione Metropolitana di Baixada Santista
Cartografia
Mappa di localizzazione: Brasile
Santos
Santos
Santos – Mappa
Sito istituzionale

Santos è un comune del Brasile nello Stato di San Paolo, parte della mesoregione Metropolitana de São Paulo e della microregione di Santos. È la maggiore città della Baixada Santista.

E' il principale porto del Brasile e dell'America Latina.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

La città di Santos si estende sia sulla parte orientale dell'isola di São Vicente, sia sul continente, dove quasi tutta l'area è di Mata Atlântica (foresta pluviale atlantica). Si trova a 79 chilometri dalla città di San Paolo del Brasile.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'isola di São Vicente fu scoperta da Amerigo Vespucci nel 1502 durante la perlustrazione delle coste brasiliane così ribattezzata in onore dell'onomastico. L'area rimase fuori dai progetti di colonizzazione a causa dello scarso interesse dimostrato dalla corona portoghese per questa parte del Brasile fino a quando, a causa del declino dei commerci con il subcontinente indiano, il re Giovanni II del Portogallo decise di potenziare lo sfruttamento delle colonie sudamericane. Così, nel 1531, il navigatore Martim Afonso de Sousa raggiunse nuovamente l'area dell'odierna città di Santos e v'incontrò un piccolo insediamento fondato dall'esiliato (degredado) Cosme Fernandes, che sarà prontamente espulso e che l'anno seguente ritornerà e saccheggerà il porto. Nel 1543 il fidalgo Brás Cubas, che aveva trasferito l'abitato dall'odierna area di Ponta da Praia a quella più sicura di Enguaguaçu, costruì un ospedale chiamato Santa Casa de Misericórdia de Todos os Santos. Di conseguenza l'abitato di Enguaguaçu prese il nome di Todos os Santos (Ognissanti) e, nel 1546, fu ufficialmente fondata da Cubas. Nel 1550 fu aperta la locale dogana. Nel 1591 Santos fu saccheggiata dal pirata inglese Thomas Cavendish.

Con l'apertura nel 1867 della ferrovia di San Paolo, che univa il porto di Santos con Jundiaí e l'area delle piantagioni di caffè, l'economia e l'importanza stessa della cittadina costiera crebbero drasticamente. Santos divenne la principale porta d'accesso non solo per lo stato paulista, ma per tutta la nazione brasiliana, con migliaia d'immigrati, principalmente italiani e giapponesi, che si riversavano in città per poi raggiungere le cittadine dell'interno e le piantagioni. L'aumento improvviso della popolazione causò anche gravi problemi in materia di sanità ed igiene pubblica, ne è un chiaro esempio l'epidemia di febbre gialla che funestò la città nel 1889.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

  • Borsa del Caffè, inaugurata nel 1922 in occasione del centenario dell'indipendenza del Brasile, fu costruita in stile eclettico e ospitava al suo interno i locali dove veniva negoziato il prezzo del caffè. Abbandonato negli anni '70, dal 1998 ospita al suo interno il Museo del Caffè.

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Calcio[modifica | modifica wikitesto]

È la città di una delle squadre di calcio più famose del paese, il Santos Futebol Clube, conosciuta come la squadra dove ha giocato Pelé per quasi tutta la sua carriera calcistica e in cui è cresciuto Neymar fin dalle giovanili.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Gemellaggi[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (PT) Scheda del comune dall'IBGE - Censimento 2010, su cod.ibge.gov.br. URL consultato il 12 settembre 2015.
  2. ^ città gemellate dal sito di Costanza, su primaria-constanta.ro. URL consultato il 25 luglio 2010 (archiviato dall'url originale il 25 luglio 2010).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN138378920 · GND (DE4498339-6
Brasile Portale Brasile: accedi alle voci di Wikipedia che parlano del Brasile