Cinema italiano di fantascienza

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il cinema italiano di fantascienza è, con alcune eccezioni, un filone cinematografico di intrattenimento popolare, caratterizzato da pellicole nate sulla scia di film statunitensi di successo ma con un budget notevolmente ridotto. Alcuni di questi film realizzati in Italia, pur essendo considerati dei B movie, sono stati apprezzati anche all'estero, grazie all'inventiva e all'ingegnosità di registi ed esperti di effetti speciali come Antonio Margheriti (Anthony M. Dawson) e Mario Bava, che si distinsero rispettivamente nei filoni dell'avventura spaziale e del fanta-horror.

La prima pellicola drammatica italiana di genere fantascientifico è del 1958, tuttavia si può fare risalire il filone già agli anni venti-trenta del Novecento con commedie fantastico-fantascientifiche.[1] La cinematografia fantastica/fantascientifica italiana è infatti caratterizzata dalla frequente commistione tra generi diversi, in particolare con l'horror.

Vi sono stati anche registi del cinema d'autore che, occasionalmente, si sono cimentati con il fantascientifico: tra questi Elio Petri (1965), Marco Ferreri (1966, 1969), Ugo Tognazzi (1979), Pupi Avati (1983) e Gabriele Salvatores (1997). Questi registi hanno trovato nei temi fantascientifici un'affinità con le questioni da loro trattate in altre opere, riproponendo la propria visione del mondo.[2]

Oltre ai registi, vi sono stati alcuni cineasti italiani che, fuori dei confini nazionali, hanno contribuito a realizzare numerose pellicole di genere fantascientifico di livello internazionale: tra questi il creatore di effetti speciali Carlo Rambaldi (premiato per tre volte con l'Oscar) e il produttore cinematografico Dino De Laurentiis[3] (due Oscar).

Origini[modifica | modifica sorgente]

Silvana Pampanini e Riccardo Billi ne La bisarca (1950), una commedia musicale fantastico-fantascientifica tratta da una trasmissione radiofonica di Pietro Garinei e Sandro Giovannini del 1949, che utilizza l'espediente del sogno per mettere in scena uno scenario futuro apocalittico.[4]

Dovendo stabilire una data precisa per la nascita della fantascienza italiana al cinema, molti indicano il 1958, anno in cui esce La morte viene dallo spazio, un film girato da Paolo Heusch che racconta la minaccia al pianeta Terra costituita da una pioggia di asteroidi, anticipando il filone dei film catastrofici.[5] Si tratta della prima pellicola italiana drammatica, non farsesca, ascrivibile al genere; in essa per la prima volta la trama fantascientifica viene portata in primo piano anziché fare da sfondo.[6] La seconda metà degli anni cinquanta è un periodo aureo per la science fiction cinematografica d'oltreoceano e Heusch si inserisce in un filone di chiara origine statunitense; fotografia ed effetti speciali sono di Mario Bava (il più creativo ideatore italiano di effetti assieme a Carlo Rambaldi).[7] Coproduzione italo-tedesca, La morte viene dallo spazio contiene già una chiara critica alla proliferazione delle armi nucleari da parte delle superpotenze. Grazie al successo ottenuto, il film viene distribuito anche negli Stati Uniti.[6] La pellicola secondo la critica "pur rimanendo confinata (...) nel catastrofismo prima maniera", si colloca "ben al di sopra della media nel confronto con analoghe produzioni contemporanee - anche americane - per la cura e la validità con cui sono realizzate ambientazioni, scenografie ed effetti."[8]

Non va tuttavia dimenticata l'esistenza di alcuni film fantastico-fantascientifici anche molto precedenti al 1958, non ascrivibili al genere drammatico ma più che altro alla commedia. Considerando anche le pellicole brillanti, l'esordio della cinematografia italiana nella fantascienza è dunque retrodatabile fino al 1910,[9] con il cortometraggio Un matrimonio interplanetario di Enrico Novelli (Yambo), una commedia che narra la storia di un amore tra un terrestre e una bella marziana, innescato da un'osservazione al telescopio e nutrito da segnali radiotelegrafici.[10]

Tra le prime espressione della fantascienza cinematografica - non solo italiana ma europea - viene talvolta citato[11] anche Le avventure straordinarissime di Saturnino Farandola del 1913, un film comico fantastico girato a Torino, interpretato e diretto da Marcel Fabre e tratto dal romanzo di Albert Robida, un'avventura sul modello dei "viaggi straordinari" di Verne ma senza alcuna pretesa scientifica. Anche un film perduto del 1920, Il mostro di Frankenstein per la regia di Eugenio Testa, primo film dell'orrore italiano,[12] si può considerare a sua volta una delle primissime pellicole di fantascienza in Italia,[13] dato che nella trama, secondo Mereghetti,[14] "uno scienziato riesce a fabbricare un uomo con una formula chimica di sua invenzione, ma la creatura si ribella al suo creatore e commette ogni sorta di disastri fino a quando sarà ridotto all’impotenza" (dunque il meccanismo narrativo è innescato da un elemento scientifico e/o tecnologico).[13]

Ancora in piena era del cinema muto, nel 1921 André Deed (noto in italiano per il suo personaggio comico Cretinetti) scrisse, diresse e interpretò L'uomo meccanico, tra i primissimi film della storia del cinema incentrati su un robot (in questo caso telecomandato) e il primo a mettere in scena uno scontro tra un robot buono e uno cattivo.[15] Sul tema dell'automa è inoltre La bambola vivente del 1924 di Luigi Maggi.[16]

Il primo film d'animazione è forse Un viaggio nella Luna del 1921 di Gino Zaccaria, "dove, in un gruppo di pupazzi, ne troviamo uno che con i suoi sogni arriva a viaggiare nello spazio e a giungere sulla Luna".[17]

Mille chilometri al minuto! di Mario Mattoli (1939), una delle prime incursioni italiane nel cinema di fantascienza e primo film sonoro del genere.

Nel 1939 il primo film sonoro di genere, Mille chilometri al minuto! - una farsesca escursione nel fantastico di Mario Mattoli - mette in scena uno dei primi voli verso il pianeta Marte, che però s'interrompe quasi sul nascere: invece di raggiungere il Pianeta rosso, a causa di un errore nel calcolo nella traiettoria del missile che li trasporta, la coppia di innamorati protagonisti precipita sulla Terra pochi giorni dopo il lancio.

Degli elementi fantascientifici sono presenti in una pellicola del 1943 (ridistribuita nelle sale nel 1945): La casa senza tempo diretta da Andrea Forzano (con lo pseudonimo di Andrea Della Sabbia) che ne curò anche soggetto e sceneggiatura, che è stata definita "uno stravagante esempio di fantaspionaggio "giallo-rosa" all'italiana realizzato in pieno conflitto mondiale".[18] Con protagonisti Rossano Brazzi e Vivi Gioi assieme a molti altri popolari attori del "cinema dei telefoni bianchi", nacque inizialmente come film di propaganda del regime: una storia di spionaggio di un gruppo di fascisti che cerca di scoprire dei progetti militari per la costruzione di un nuovo aereo da guerra da parte delle forze angloamericane che innesca una serie di misteriose sparizioni e omicidi, anche se alla fine i protagonisti riusciranno a trionfare sui nemici (in seguito, con la fine della guerra e il crollo del regime, il film venne ridoppiato e riadattato e così il gruppo di fascisti divenne un gruppo di partigiani e le forze nemiche da angloamericane divennero naziste). Un altro film di fantaspionaggio era stato diretto nel 1938 da Domenico Gambino: Lotte nell'ombra, con Antonio Centa e Paola Barbara.

È comunque negli anni cinquanta che la fantascienza inizia ad avere successo in Italia: la fantascienza letteraria italiana nacque nel 1952, con la pubblicazione delle prime riviste specializzate tra cui Urania e sempre nello stesso anno nacque il termine italiano "fantascienza".[19]

Un altro dei primi film italiani definiti "di fantascienza" è Baracca e burattini del 1954 per la regia di Sergio Corbucci, ispirato all'omonima rivista di Maccari e Amendola. Narra di un abitante della Luna che, precipitato sulla Terra a causa di un esperimento atomico, dà vita ad un burattino pregandolo di introdurlo nel mondo degli uomini.[20][21]

Totò nella luna è un film comico diretto da Steno nel 1958 con Totò e Ugo Tognazzi. Molto esile e ingenuo nella trama, è una parodia[22] dei film di fantascienza sulla conquista dello spazio popolari all'epoca, tra i quali Uomini sulla Luna del 1950; essendo uscito nello stesso anno de La morte viene dallo spazio, è stato visto come la "risposta in chiave comica" a questo film.[23]

Dopo La morte viene dallo spazio, il successivo film drammatico è Caltiki, il mostro immortale (1959) di Riccardo Freda (ma girato in buona parte da Mario Bava, autore degli effetti speciali), un fanta-horror che costituisce il primo esempio di monster movie nella cinematografia italiana; è evidente l'ispirazione sia con Blob - Fluido mortale sia con L'astronave atomica del dottor Quatermass.[24]

Il boom degli anni sessanta[modifica | modifica sorgente]

« Nessuna scena di questo film si svolge su quel pianeta del sistema solare conosciuto col nome Terra. »
(Space Men, didascalia iniziale[25])

Negli anni sessanta il cinema italiano vive un vero e proprio boom, con la produzione di numerosissimi film di genere - tra cui poliziottesco, commedia sexy, peplum e spaghetti western - ma il genere fantascientifico riguarda relativamente pochi titoli e non grandi produzioni. Gli effetti speciali rimangono assai poveri rispetto alle produzioni hollywoodiane, anche se talvolta ingegnosi, e i cast sono caratterizzati da attori sconosciuti o semi sconosciuti, alcuni dei quali troveranno la fama negli anni successivi in altri generi (tra questi Franco Nero, Ombretta Colli, Renzo Palmer).[5] Le sceneggiature sono spesso ingenue e traballanti, rinunciando a ogni tentativo di interpretazione del genere e limitandosi a ricalcare pedissequamente schemi e modelli d'importazione.[6] Il mercato è dominato dai film statunitensi e anche le produzioni italiane devono spacciarsi per film d'importazione: ecco dunque registi ed attori comparire nei titoli con pseudonimi anglosassoni. Il filone più diffuso nella prima metà del decennio rimane l'avventura spaziale (con un chiaro richiamo alla space opera statunitense), di cui Antonio Margheriti è stato il maestro in Italia,[5] assieme al fanta-horror.

Space Men del 1960, primo film di Margheriti (qui con lo pseudonimo di Anthony Daisies),[26] è incentrato sulla minaccia dallo spazio costituita da un'astronave fuori controllo che punta verso la Terra. Frutto anche della collaborazione di Ennio De Concini, uno degli sceneggiatori più esperti del panorama di quegli anni,[6] Space Men ebbe una produzione dal budget assai risicato (50 milioni di lire) e che dovette essere realizzata in soli venti giorni, compresi gli effetti speciali.[26] Ad ogni modo il buon successo commerciale del film, lanciato in grande stile anche nel mercato statunitense, diede la possibilità a Margheriti di girare altre pellicole dello stesso filone. Già da questa prima opera si nota la tendenza alla contaminazione tra più generi che sarà tipica del regista.[26]

Il mulino delle donne di pietra (1960) di Giorgio Ferroni è invece considerato uno dei migliori fanta-horror;[27][28] si basa sull'archetipo dello scienziato pazzo che compie folli esperimenti pur di salvare l'amata, utilizzato anche in altri film del periodo[28] come Occhi senza volto, una coproduzione franco-italiana del 1959 di Georges Franju, e Seddok, l'erede di Satana (1960) di Anton Giulio Majano interpretato da Alberto Lupo.

Il pianeta degli uomini spenti (1961) è la seconda space opera di Antonio Margheriti. Se nel film precedente un'astronave minacciava di schiantarsi sulla Terra, ora è un intero pianeta a farlo, pilotato da un computer dopo che la razza che lo abitava si è estinta. Ispirato a Flash Gordon di Alex Raymond nei personaggi e nelle situazioni della prima parte, il film sfruttava finanziamenti superiori rispetto al precedente Space Men, tanto da scritturare come protagonista un attore di fama internazionale, Claude Rains. I corpi degli extraterrestri (i primi del cinema italiano) erano realizzati sommariamente con grovigli di tubi di gomma lattiginosa illuminati con luci colorate. La qualità tecnica del film risultò comunque tale che nel 1978 ne fu distribuita nelle sale una riedizione intitolata Guerre planetarie per sfruttare la scia di Guerre stellari.[29]

Del 1963 è L'ultimo uomo della Terra, una coproduzione italo-statunitense[6] firmata da Ubaldo Ragona (ma da alcuni attribuita a Sidney Salkow).[30] Il film è tratto dal celebre romanzo Io sono leggenda di Richard Matheson e interpretato dalla celebrità internazionale Vincent Price.

Il 1965 è l'anno più prolifico per il cinema fantascientifico italiano. Di Margheriti escono quasi contemporaneamente quattro film, I diafanoidi vengono da Marte, I criminali della galassia e Il pianeta errante (un gruppo di astronauti impegnato ad evitare la collisione con un pianeta uscito dalla sua orbita), ovvero la serie della stazione spaziale Gamma Uno, completata da La morte viene dal pianeta Aytin. Agli effetti speciali Carlo Rambaldi.[31] Margheriti girò l'intera quadrilogia in sole 12 settimane, trovandosi ad affrontare pesanti problemi di budget, sfruttando stesse scenografie e cast, per il mercato televisivo statunitense,[32] con l'intenzione di creare un nuovo filone di film "made in Italy". Malgrado un cast che vedeva recitare Claude Rains e numerosi attori italiani in seguito famosi (Lisa Gastoni, Ombretta Colli, Franco Nero, Umberto Orsini, Giacomo Rossi Stuart, Enzo Fiermonte e Giuliano Gemma), queste pellicole non riscossero particolare successo, specialmente a causa dei limiti imposti da budget ridottissimi.[33]

Sempre nel 1965 Mario Bava realizza quello che è stato indicato da alcuni[5] come il miglior film fantascientifico italiano del periodo, Terrore nello spazio, tratto dal racconto Una notte di 21 ore[34] di Renato Pestriniero, in cui degli astronauti atterrati su un pianeta sconosciuto vengono attaccati da entità incorporee aliene. Bava inserisce nella pellicola la propria maestria con il genere horror. Il film è stato citato come fonte di ispirazione per la realizzazione di Alien (1979) di Ridley Scott.[35]

Infine La decima vittima di Elio Petri, sempre del '65, riprende il racconto La settima vittima[36] di Robert Sheckley. Il film, interpretato da Marcello Mastroianni e Ursula Andress, attori già celebri in quegli anni, è ambientato in una Roma di un imprecisato futuro, dove si svolge un gioco sanguinario in cui uomini e donne devono cercare di eliminarsi a vicenda spietatamente. Sceneggiato da Ennio Flaiano, La decima vittima "si distingue per un impegno produttivo superiore alla media e per un intelligente utilizzo dei temi propri della commedia di quegli anni"[37] e costituisce il migliore omaggio reso dal cinema italiano al filone sociologico che, inserendosi nel movimento della New Wave britannica, rinnova la fantascienza letteraria partendo dalla metà degli anni sessanta.[6]

Il fanta-mitologico[modifica | modifica sorgente]

Il cinema italiano negli anni sessanta, come detto, è segnato da un grande sviluppo dei film di genere, che a Cinecittà danno luogo a varie contaminazioni. Nel 1961, in particolare, vengono girati numerosi peplum, film in costume e d'avventura con combattimenti, in un'ambientazione fantastica liberamente ispirata alla mitologia classica; si sviluppa così il filone "fanta-mitologico", che in vari casi non rinuncia a presentare elementi fantascientifici.

Antinea, l'amante della città sepolta (1961) di Edgar G. Ulmer e Giuseppe Masini è la quarta trasposizione per il cinema del romanzo L'Atlantide di Pierre Benoît. In esso tre geologi, alla vigilia di un test atomico nel Sahara, scoprono una città sotterranea dove vivono i superstiti di Atlantide e la spietata regina Antinea. Nel cast di questa coproduzione italo-francese appaiono attori noti come Jean-Louis Trintignant, Amedeo Nazzari e Gian Maria Volonté.

Il tema atlantideo è ripreso lo stesso anno in un peplum, Ercole alla conquista di Atlantide (1961) di Vittorio Cottafavi con Reg Park, Enrico Maria Salerno, Gian Maria Volonté, dove un Ercole reduce dalle dodici fatiche approda ad Atlantide, contrastando i piani malvagi della regina Antinea, che ha creato una super-razza di guerrieri albini.

Il gigante di Metropolis (1961) di Umberto Scarpelli è invece ambientato nel 20.000 a.C. in una città-stato analoga ad Atlantide, dove il folle dittatore Yotar conduce esperimenti scientifici spericolati come il trapianto di cervello.[38]

Nel film del 1964 Maciste e la regina di Samar di Giacomo Gentilomo, l'eroe Maciste si trova a dover affrontare un intero esercito di invasori spaziali provenienti dalla Luna.[39]

Il fanta-spionaggio all'italiana[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Cinema italiano di spionaggio.

Il cinema italiano tra il 1965 e il 1967 viene sommerso da una marea di film a basso costo di fantaspionaggio (oltre una cinquantina),[40] che cercano di imitare anzitutto i film britannici di successo dedicati a James Bond, l'Agente 007 ideato da Ian Fleming. Si tratta di pellicole spesso prodotte in collaborazione con altri Paesi europei, ma di scarse pretese, girate in fretta e fortemente stereotipate sul modello di Bond: l'eroico agente segreto è affiancato da donne provocanti e ha invariabilmente come antagonista uno scienziato pazzo o una malvagia organizzazione segreta che nutre folli piani per il dominio del mondo tramite fantascientifiche e improbabili armi apocalittiche.

Lo stesso filone viene subito parodiato ne Le spie vengono dal semifreddo (1966) di Mario Bava, una coproduzione Italia-USA in cui recitano assieme Vincent Price e la coppia comica Franco e Ciccio. Tra le altre parodie in chiave comica Il vostro superagente Flit con Raimondo Vianello e i due film sull'agente segreto James Tont con Lando Buzzanca che all'epoca riscossero un imprevedibile successo di pubblico e che alcuni critici molti anni dopo hanno parzialmente rivalutato.[41]

Del 1967 è il thriller fantascientifico ...4..3..2..1...morte di Primo Zeglio, ispirato a un personaggio popolare nella Germania Federale, Perry Rhodan, una sorta di Flash Gordon della fantascienza tedesca. La trama mescola liberamente elementi di avventura spaziale alla spy story e gli effetti speciali sono attribuiti ad Antonio Margheriti.[42]

La fantascienza sociologica e il Sessantotto[modifica | modifica sorgente]

I protagonisti in una scena de Il seme dell'uomo (1969) di Marco Ferreri

La cultura in Italia tra la fine degli anni sessanta e i primi anni settanta è in grande fermento, con il movimento del Sessantotto. Anche nel cinema nasce l'interesse per la fantascienza sociologica e le storie fantastiche sono occasione per fare critica e satira a sfondo sociale.[43] Questo tipo di storie, oltretutto, non hanno bisogno di particolari effetti speciali o di scenografie elaborate, per cui sono alla portata degli scarsi mezzi delle produzioni italiane. La satira e la parodia sono - secondo alcuni critici tra cui Carlo Pagetti - forse l'unico vero ambito in cui la cinematografia italiana di fantascienza abbia saputo offrire contributi originali.[44]

In qualche modo anticipatore del filone sociologico - oltre a La decima vittima del 1965 - è il film Omicron del 1963, scritto e diretto da Ugo Gregoretti, una satira sul conflitto di classe in quegli anni, nel quale un alieno si incarna nel corpo di un operaio morto e finisce per incitare i lavoratori allo sciopero. Dell'anno successivo è invece Il disco volante, diretto da un giovane Tinto Brass, che con la scusa di un atterraggio di alieni in un paesino della campagna veneta mette in scena una grottesca satira sull'arretratezza di un'Italietta provinciale dedita all'alcolismo e sulla sua assenza di moralità in tutte le classi sociali, dalla nobiltà decadente alla borghesia ipocrita e perbenista, al clero.

Nel film H2S del 1968 di Roberto Faenza è narrata la ribellione contro una società tecnocratica e consumistica da parte del giovane protagonista, il quale giunge al punto di piazzare una bomba. La colonna sonora è firmata da Ennio Morricone. Il film scatenò polemiche, fu oggetto di sequestro e di un lungo procedimento giudiziario e venne distribuito solo nel 1971.[45] Come nel film Hanno cambiato faccia di Corrado Farina del 1971, la fantascienza è utilizzata soprattutto come strumento per elevare una denuncia sociopolitica dai toni anarchici e anticapitalisti.

Jane Fonda in Barbarella (1968), una coproduzione italo-francese girata a Roma.

Ricordato come uno dei film-simbolo del periodo - per la sua estetica pop e i riferimenti alla rivoluzione sessuale - è il più scanzonato Barbarella del 1968, una coproduzione italo-francese realizzata da Dino De Laurentiis per la regia di Roger Vadim, con protagonista Jane Fonda (che rimpiazzò Virna Lisi che rifiutò la parte) e vari attori italiani nel cast. La trama, ispirata all'omonimo personaggio dei fumetti, è incentrata sull'affascinante eroina del remoto futuro e sulle sue numerose avventure anche erotiche.

Uno scenario post atomico per Ecce Homo - I sopravvissuti (1969) di Bruno Gaburro, con Irene Papas e Philippe Leroy, con un'altra colonna sonora di Ennio Morricone.[46] Ne Il seme dell'uomo (1969), il regista Marco Ferreri tratta invece il tema della fine del mondo in maniera quasi metafisica, mettendo in scena dei superstiti di una misteriosa "peste" che ha distrutto l'umanità.[47][48]

Sempre del 1968 è Colpo di stato, una graffiante commedia fantapolitica di Luciano Salce che mette in scena un'Italia in cui - per un errore del calcolatore - alle elezioni vince il Partito Comunista invece della Democrazia Cristiana, scatenando reazioni di panico. Osteggiata sia a destra che a sinistra, la pellicola di Salce fu subito ritirata dalla circolazione.[49]

Nel campo dell'animazione è possibile citare il film Vip - Mio fratello superuomo (1968) di Bruno Bozzetto, una parodia comica dei supereroi e del consumismo imperante.

Nel 1969 viene presentato al Festival internazionale del film di fantascienza di Trieste[50] Il tunnel sotto il mondo, opera prima di Luigi Cozzi che diverrà una delle maggiori personalità del mondo della fantascienza cinematografica italiana. È una pellicola sperimentale[51] ispirata al racconto omonimo[52] di Frederik Pohl del 1955, un classico della satira del consumismo, in cui un'intera comunità viene tenuta prigioniera da ricercatori pubblicitari.[53]

Liliana Cavani nel suo film del 1970 I cannibali riambienta a Milano in un futuro imprecisato (ma vicino) l'Antigone di Sofocle, in cui rintraccia "gli elementi per una riflessione sulla contestazione del '68 cogliendo, secondo un'ottica umanistica, nella verginità mentale dei giovani - e non nell'ideologia - la sola, vera forza trainante verso una società a dimensione d'uomo".[54]

Il malessere sociale è ancora protagonista in N.P. - Il segreto (1971) di Silvano Agosti, con Irene Papas e Francisco Rabal: la storia di un inventore che viene privato dal governo della sua industria e socialmente degradato, e che scoprirà che le macchine da lui inventate e pensate come strumento di progresso e in favore del Terzo mondo, vengono impiegate invece in prospettiva di un'eliminazione sistematica degli oppositori del regime e dei "superflui". La pellicola di Agosti condivide con H2S la rilettura di un contesto fantascientifico e sociologico delle tesi libertarie sessantottine.[55]

L'invenzione di Morel di Emidio Greco (1974), adattamento dell'omonimo romanzo di Adolfo Bioy Casares, tratta da un punto di vista più intimistico la questione della finitezza dell'esistenza. Un naufrago si ritrova su un'isola in cui nessuno, apparentemente, fa caso alla sua esistenza e tutti finiscono per ripetere gli stessi gesti, gli stessi discorsi, come in un ciclo infinito.

Nel film del 1975 Conviene far bene l'amore di Pasquale Festa Campanile è immaginata una civiltà del futuro alle prese con la crisi energetica, nella quale si scopre il sistema di trarre energia dai rapporti sessuali, facendoli diventare un obbligo. Si tratta di una pellicola a cavallo con la commedia erotica, che appare influenzato dalla crisi petrolifera dei primi anni settanta e dalle teorie reichiane.[43]

Con la fantascienza sociologica si cimenta infine Ugo Tognazzi - stavolta in veste di regista - ne I viaggiatori della sera (1979), un film d'autore tratto dal romanzo omonimo di Umberto Simonetta, ambientato in un futuro distopico che non tollera più la condizione della vecchiaia e gli anziani, i quali devono partecipare ad un "Grande Gioco" che prima o poi ne decreta l'eliminazione fisica.[43][56]

Scontri stellari e gli Alien[modifica | modifica sorgente]

Il successo di Guerre stellari (1977) di George Lucas fa tornare in auge alla fine degli anni settanta il filone dell'avventura spaziale, lanciando un modello di kolossal con uso massiccio di effetti speciali che consolida il predominio degli Stati Uniti in questo mercato.

Sulla scia del successo del capolavoro di Lucas, il regista Alfonso Brescia gira con lo pseudonimo di Al Bradley una serie di film a basso costo tra il 1977 e il 1978: Anno zero - Guerra nello spazio, Battaglie negli spazi stellari e La guerra dei robot, con l'ambizioso progetto di dare vita a una nuova epopea spaziale,[57] senza riuscirci: "costruiti in maniera frettolosa, con budget minimo e riutilizzando quasi per intero gli stessi set e il medesimo cast, i tre film non riscossero particolare attenzione."[58]

Il regista italiano Luigi Cozzi realizza nel 1978 (con il nome Lewis Coates) la sua pellicola più celebre, Scontri stellari oltre la terza dimensione, una coproduzione italo-statunitense. Uscito a poca distanza dal primo episodio della saga di Lucas e pubblicizzato come risposta italiana al film statunitense - nonostante fosse chiaramente un B movie rispetto agli standard hollywoodiani - vantava la presenza nel cast di una star hollywoodiana di prima grandezza come Christopher Plummer. Benché, a causa del titolo, il film di Cozzi sia stato spesso visto come un "rifacimento alla buona" (o camp) di Guerre stellari, la trama ha somiglianze superficiali con il capolavoro di Lucas e cita numerosi altri classici del genere a partire da quelli degli anni trenta-quaranta.[59]

Nel 1980 sempre Cozzi scrive e dirige il suo ultimo film di fantascienza, Contamination, un fanta-horror che, a partire da un film d'invasione ispirato ad Alien, diventa una space opera piena di citazioni. Vari altri film si ispirano alla pellicola di Ridley Scott del 1979: tra questi Alien 2 - Sulla Terra (1980), un seguito apocrifo per la regia di Ciro Ippolito che fu accusato di plagio.

L'isola degli uomini pesce è un fanta-horror del 1979 per la regia di Sergio Martino, che sembra ispirato a un film flop del 1977, L'isola del dottor Moreau (The Island of Dr. Moreau) di Don Taylor,[60] trito remake del film del 1932.[61]

Ancora nel 1980 esce Io e Caterina, diretto e interpretato da Alberto Sordi in cui, come solitamente avviene nelle commedie all'italiana, l'elemento fantascientifico - in questo caso una cameriera robot - è un semplice espediente narrativo per una vicenda comico-satirica. Pupi Avati con Zeder (1983)[62] mette invece in scena un fanta-horror in cui si mescolano alchimia, fantascienza e thriller, ambientato in Emilia-Romagna, dove uno speciale tipo di terreno inventato da uno scienziato sembra in grado di far resuscitare i morti.[63]

Il dopobomba e i nuovi barbari[modifica | modifica sorgente]

Nel corso della prima metà degli anni ottanta si sviluppa in Italia, seppure per breve tempo, un filone di film di ambientazione post apocalittica, prodotti sulla scia dei film australiani di successo Interceptor del 1979 e Interceptor - Il guerriero della strada (1981), di 1997: Fuga da New York (1981) e sul mito dell'anarchia e della violenza nei ghetti metropolitani, come ne I guerrieri della notte (1979) di Walter Hill. Le produzioni italiane sfruttavano come economica ma efficace scenografia impianti industriali abbandonati o altri paesaggi desolati della penisola per descrivere, nel contesto di una civiltà regredita, le battaglie degli ultimi sopravvissuti alla guerra atomica.

Tra le pellicole italiane di questo filone è possibile citare i film di Enzo G. Castellari 1990 - I guerrieri del Bronx, I nuovi barbari del 1982 e Fuga dal Bronx del 1983 e, sempre dello stesso anno, 2019 - Dopo la caduta di New York di Sergio Martino (che si firmò con lo pseudonimo Martin Dolman) che furono apprezzati all'estero e ottennero un buon successo di pubblico;[64][65] si distingue a sua volta per la capacità di fondere assieme temi diversi con discreta fantasia[66] Endgame - Bronx lotta finale (1983) di Aristide Massaccesi (meglio noto per altri film con lo pseudonimo di Joe D'Amato).

Anche il regista Antonio Margheriti si cimenta a suo modo in questo filone, girando Il mondo di Yor (1983), coprodotto dalla Rai tv, tratto dal fumetto argentino Yor, il cacciatore di Juan Zanotto e Ray Collins, ambientato in un pianeta simile alla Terra in cui coesistono mostri preistorici, uomini dell'età della pietra, creature scimmiesche e appartenenti ad una civiltà superiore quasi estinta, traducendosi dal punto di vista filmico in un film d'azione e d'avventura con quella mescolanza di generi che Margheriti ricercava. Fu prodotto come miniserie televisiva in quattro episodi e come film di due ore per lo sfruttamento cinematografico, soprattutto per il mercato americano e home video; la versione cinematografica venne distribuita negli Stati Uniti dalla RCA Columbia entrando nei primi dieci incassi al botteghino.[67] Tutti i mostri preistorici erano costruiti in grandezza reale e animati da operatori nascosti all'interno.[67]

Lucio Fulci, con I guerrieri dell'anno 2072 (1984),[68] mette in scena una società del futuro controllata dalla televisione, in cui le principali reti combattono con ogni mezzo per il dominio dell'audience, disposte ad organizzare una spietata lotta tra gladiatori pur di intrattenere il pubblico.[69]

La seconda metà degli anni ottanta e la crisi[modifica | modifica sorgente]

Il successo internazionale di Terminator e RoboCop dissemina nella cinematografia italiana della seconda metà degli anni ottanta una serie di cloni a basso e bassissimo costo a base di androidi, cyborg e viaggi nel tempo.[6]

Alla fine del decennio la "nuova fantascienza all'italiana" che era nata agli inizi degli anni ottanta sull'imitazione di fortunati film americani "arranca faticosamente fino ad arrivare al prevedibile esaurimento. Spesso mischiato al post-apocalittico e al nuovo horror nostrano (predilezione per gli effetti splatter e riciclaggio dei cannibaleschi film sugli zombi), il filone - contrariamente al peplum e allo spaghetti-western - ha stentato a caratterizzarsi come "genere" lasciando prevalere le opportunistiche ragioni di facili ma effimeri profitti sull'ispirazione e sulla creatività. Una conferma, in piccolo, della tanto dibattuta realtà di un cinema italiano in crisi."[70]

Gli anni ottanta si chiudono con l'ultimo film di fantascienza[71][72] girato da Antonio Margheriti: Alien degli abissi, un fanta-horror con toni ecologisti del 1989. Il tema preferito dal regista, quello della Terra in pericolo, ritorna costituito stavolta dalle attività umane inquinanti. Il riferimento è, fin dal titolo, ancora una volta ad Alien di Scott (che il mostro nel film imita), ma anche a The Abyss di James Cameron (1989) e non mancano le citazioni da classici del genere.[71] I progetti del regista per altri film da girare negli anni novanta rimasero irrealizzati, a causa della crisi che colpì il settore.[71] Lo stesso Margheriti nel frattempo aveva girato per la Rai, seguendo fedelmente un progetto dello scomparso Renato Castellani, lo sceneggiato televisivo L'isola del tesoro (1987), trasposizione fantascientifica del romanzo di Stevenson ambientata nello spazio. Primo kolossal interamente prodotto dalla Rai, L'isola del tesoro fu girato con un cast internazionale e larghi mezzi a disposizione - oltre 25 miliardi di Lire, ben superiori a quelli degli altri film di Margheriti e di ogni altra produzione fantascientifica italiana per il cinema o la televisione - ma rimase largamente ignorato (anche nella stessa televisione italiana);[73] una riduzione in film fu distribuita negli Stati Uniti e in altri paesi.[74]

Gli anni novanta[modifica | modifica sorgente]

Il creatore di effetti speciali tre volte premio Oscar Carlo Rambaldi (Giffoni Film Festival 2010)

Mentre negli anni ottanta - pur con pesanti limiti qualitativi - si era avuto un gran numero di produzioni italiane fantascientifiche, negli anni novanta si registra una notevole contrazione del mercato: la produzione di film di fantascienza italiani si arresta quasi del tutto e poche pellicole vanno oltre il B-movie o la commedia. Il titolo di maggiore successo commerciale[75] è A spasso nel tempo di Carlo Vanzina, un "cine-panettone" del 1996 che utilizza l'espediente dei viaggi nel tempo per mettere i due protagonisti in grossolane situazioni comiche.[76]

Riguardo invece ai film drammatici, quello di maggior successo[77] è Nirvana del 1997 di Gabriele Salvatores, una coproduzione italo-francese con un cast internazionale che utilizza in modo massiccio gli effetti speciali generati al computer. Ambientato in un futuro prossimo, girato quasi interamente nel quartiere Portello di Milano, nei vecchi stabilimenti Alfa Romeo trasformati per l'occasione in un gigantesco set cinematografico, il film è permeato dalle atmosfere di decadenza urbana di Blade Runner. La storia utilizza tutti gli stereotipi del filone cyberpunk (gli hacker come protagonisti, il dominio delle mega-corporazioni, lo sprawl-periferia degradata, il cyberspazio), innestati con elementi della filosofia buddista. Il protagonista Jimi Dini (Christopher Lambert) è un programmatore di videogiochi di realtà virtuale di successo, che si accorge che attraverso un virus il personaggio del suo ultimo gioco, Solo (Diego Abatantuono), ha acquisito l'autocoscienza. Consapevole di essere prigioniero di un ciclo di vita-morte in cui è condannato a ripetere all'infinito ogni azione, Solo implora Jimi di liberarlo cancellando tutte le copie del videogioco. Jimi in questa ricerca, che si snoda nelle periferie più degradate, si ritrova sulle tracce della donna amata, perduta ormai da tempo. L'interesse principale del regista, al di là delle citazioni filmiche rimane la rappresentazione - come nelle altre sue pellicole - del desiderio di evasione: tutti i suoi personaggi stanno sempre fuggendo da qualcosa. Il film riscosse un notevole successo in Italia,[77] mentre a livello internazionale ottenne risultati più modesti rispetto a quelli attesi. Nonostante una tiepida accoglienza da parte della critica rispetto ad altri film di Salvatores,[78][79] Nirvana è considerato il maggiore successo commerciale del regista[80] e il film drammatico di fantascienza prodotto in Italia ad avere incassato di più.[81][82]

Il peggiore insuccesso è stato invece Jackpot (1992), una "favola anti tecnologica" con protagonista Adriano Celentano, qui al suo ultimo film.[83]

Il cinema indipendente[modifica | modifica sorgente]

Gli anni duemila, nel panorama sempre più ristretto del cinema di fantascienza italiano, sono caratterizzati soprattutto dalle produzioni indipendenti. L'evoluzione delle tecnologie informatiche per il montaggio e la post produzione consentono di realizzare scene fantascientifiche anche alle piccole case di produzione o addirittura agli amatori. Mancando tuttavia la capacità di promuovere e distribuire queste opere, i titoli prodotti rimangono relativamente pochi e raramente riescono ad andare oltre il cortometraggio.

Tra le produzioni non commerciali, dalla fine degli anni novanta, spiccano quelle di Mariano Equizzi,[84][85] non prive di influenze cyberpunk.[86] Vari film vengono realizzati a un costo bassissimo, esclusivamente per il mercato dell'home video - come AD Project del 2006 di Eros Puglielli - o per il web: Dark Resurrection del 2007 e il suo prequel del 2011, film italiani amatoriali ispirati al celebre universo di Guerre stellari, pur essendo realizzato come fan fiction hanno comportato uno sforzo produttivo paragonabile o superiore a film indipendenti distribuiti nei cinema, comprendendo realistiche scene di battaglia di massa girate grazie all'apporto di centinaia di volontari in costume.[87][88][89] Nel film InvaXön - Alieni in Liguria del 2004, realizzato per beneficenza, figurano 250 attori non professionisti e da ben 41.000 comparse, 23 personaggi del mondo dello spettacolo, dello sport e della cultura; 30 minuti del film sono stati interamente realizzati con effetti speciali digitalizzati, in surround e certificazione THX; il film ha richiesto 7 anni di progettazione, 60 giorni di riprese e 4.000 ore di lavorazione.[90]

Fascisti su Marte, una commedia del 2006 diretta da Corrado Guzzanti e Igor Skofic, è nata dagli sketch realizzati da Guzzanti nel programma tv Il caso Scafroglia. Narrando un'immaginaria e comica spedizione di un manipolo di Camicie Nere sul pianeta rosso, è un "esercizio satirico" di fanta-revisionismo storico, girato parodiando lo stile dei cinegiornali dell'Istituto Luce del ventennio fascista e come satira della politica italiana durante il Governo Berlusconi II.

Gli anni duemiladieci si aprono con ben tre film di produzione italiana distribuiti nelle sale nello stesso anno e incentrati sul tema extraterrestre: 6 giorni sulla Terra di Varo Venturi, L'ultimo terrestre di Alfonso Pacinotti (Gipi) e L'arrivo di Wang dei Manetti Bros., a cui si aggiunge nel 2014 12 12 12 di Massimo Morini. Nel film indipendente 2047 - Sights of Death di Alessandro Capone (2014) recitano numerose vecchie star del cinema hollywoodiano, tra cui Danny Glover, Daryl Hannah, Michael Madsen, Stephen Baldwin e Rutger Hauer.[91]

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

Elenco (non esaustivo) di film di argomento fantascientifico - o che presentano elementi fantascientifici - prodotti o coprodotti in Italia, ordinati per anno di distribuzione.

Nota: data l'elevata commistione tra i generi che ha sempre caratterizzato le pellicole italiane di fantascienza, alcuni dei titoli che seguono potrebbero essere normalmente classificati sotto altre etichette, come l'horror, l'avventura, la commedia o lo spionaggio. Si considerano qui film di fantascienza quelle pellicole in cui il meccanismo narrativo è innescato da un elemento scientifico e/o tecnologico[13] immaginario (per l'epoca in cui il film è stato realizzato).

Vai a Anni dieci - Anni venti - Anni trenta - Anni quaranta - Anni cinquanta - Anni sessanta - Anni settanta - Anni ottanta - Anni novanta - Anni duemila - Anni duemiladieci

Anni dieci[modifica | modifica sorgente]

Anni venti[modifica | modifica sorgente]

Anni trenta[modifica | modifica sorgente]

Anni quaranta[modifica | modifica sorgente]

Anni cinquanta[modifica | modifica sorgente]

Anni sessanta[modifica | modifica sorgente]

Anni settanta[modifica | modifica sorgente]

Anni ottanta[modifica | modifica sorgente]

Anni novanta[modifica | modifica sorgente]

Anni duemila[modifica | modifica sorgente]

Anni duemiladieci[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Chiavini Pizzo Tetro 2003, op. cit., pag.145
  2. ^ Chiavini Pizzo Tetro 2003, op. cit., pag.161
  3. ^ Dino De Laurentiis, addio a un grande del cinema fantastico in Fantascienza.com. URL consultato il 19 dicembre 2013.
  4. ^ a b Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, La bisarca in Fantafilm. URL consultato il 5 aprile 2012.
  5. ^ a b c d e Chiavini Pizzo Tetro 2003, op. cit., p. 145-149
  6. ^ a b c d e f g Maurizio Del Santo, Davanti agli occhi, dietro lo schermo: il cinema italiano di fantascienza in Delos Science Fiction 124, 5 maggio 2010. URL consultato il 10 agosto 2011.
  7. ^ Massimo Moscati, Western all'italiana, Pan, 1978, p. 128.
  8. ^ a b Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, La morte viene dallo spazio in Fantafilm. URL consultato il 5 aprile 2012.
  9. ^ a b Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Un matrimonio interplanetario in Fantafilm. URL consultato il 5 aprile 2012.
  10. ^ Un matrimonio interplanetario in MYmovies, Mo-Net Srl.. URL consultato il 9 aprile 2012
  11. ^ Saturnino Farandola arriva al Corvetto in Fantascienza.com. URL consultato il 19 dicembre 2013.
  12. ^ "Non si ha certezza che ne sia sopravvissuta una copia, ma il film merita una citazione perché è stato l’unico horror prodotto in Italia fino al 1956 (anno in cui Riccardo Freda e Mario Bava realizzarono I vampiri)". Mereghetti 1994, op. cit., vol. I, pag. 131
  13. ^ a b c Giuseppe Zurlo, Per una storia del cinema italiano di science fiction in Future Shock 34, Anno XIII - giugno 2001. URL consultato il 21 novembre 2011.
  14. ^ Mereghetti 1994, op. cit., vol. I, pag. 131
  15. ^ a b Sci-Fi italiana anni venti: L'uomo meccanico (André Deed, 1921), 2 aprile 2008. URL consultato il 5 settembre 2008.
  16. ^ a b Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, La bambola vivente in Fantafilm. URL consultato il 5 aprile 2012.
  17. ^ a b Claudia e Giovanni Mongini 2000, op. cit., pag. 256
  18. ^ a b Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, La casa senza tempo in Fantafilm. URL consultato l'11 marzo 2013.
  19. ^ I romanzi di Urania n. 1, 1952. Giuseppe Lippi, Il senso del futuro. Il tempo nella fantascienza in Giuseppe Ardrizzo (a cura di), L'esilio del tempo: mondo giovanile e dilatazione del presente, Roma, Meltemi Editore srl, 2004, p. 203, ISBN 978-88-8353-282-5.
  20. ^ a b Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Baracche e burattini in Fantafilm. URL consultato il 24-10-2010.
  21. ^ Roberto Chiti, Roberto Poppi, Enrico Lancia, Dizionario del cinema italiano, volume 2 di Dizionari Gremese, Volumi 1-2 di I film , Vol. 2, Gremese, 1991, p. 56, ISBN 88-7605-548-7.
  22. ^ Totò nella luna - 1958 in UgoTognazzi.com. URL consultato il 19 dicembre 2013.
  23. ^ Totò nella luna 1958 di Steno - I film di Totò in Antoniodecurtis.org. URL consultato il 19 dicembre 2013.
  24. ^ CALTIKI - Il Mostro Immortale in Exxagon.it. URL consultato il 19 dicembre 2013.
  25. ^ Citato in: G. Zurlo, Viaggio nella science fiction cinematografica italiana: due artigiani del sogno, Future Shock n.38 (nuova serie), anno XIV, ottobre 2002. URL consultato il 14 ottobre 2010.
  26. ^ a b c Spacemen in Antoniomargheriti.com. URL consultato il 24 ottobre 2010.
  27. ^ Chiavini Pizzo Tetro 2003, op. cit., p. 159
  28. ^ a b c Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Il mulino delle donne di pietra in Fantafilm. URL consultato il 5 aprile 2012.
  29. ^ Il pianeta degli uomini spenti in Antoniomargheriti.com. URL consultato il 24 ottobre 2010.
  30. ^ L'ultimo uomo della terra - Ubaldo Ragona (e Sidney Salkow) in RapportoConfidenziale.org. URL consultato il 24 ottobre 2010.
  31. ^ Paolo Mereghetti, Il Mereghetti: dizionario dei film 2002, Baldini & Castoldi, 2001, p. 522, ISBN 978-88-8490-087-6.
  32. ^ Gennaio con Antonio Margheriti in Fantascienza.com. URL consultato il 19 dicembre 2013.
  33. ^ a b Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, I diafanoidi vengono da Marte in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  34. ^ Edizioni di Una notte di 21 ore in Catalogo Vegetti della letteratura fantastica, Associazione culturale Delos Books. URL consultato il 24 ottobre 2010.
  35. ^ Mereghetti 1994, op. cit. e Fabbrica 1998, op. cit..
  36. ^ Pubblicato in italiano ne Le meraviglie del possibile a cura di Carlo Fruttero e Sergio Solmi, collana Gli Struzzi, Einaudi, 1959
  37. ^ a b Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, La decima vittima in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  38. ^ a b Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Il gigante di Metropolis in Fantafilm. URL consultato il 5 aprile 2012.
  39. ^ a b Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Maciste e la regina di Samar in Fantafilm. URL consultato il 5 aprile 2012.
  40. ^ Stima che si desume dalle schede sui film del periodo di Fantafilm, vedi Filmografia
  41. ^ a b Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, James Tont operazione D.U.E. in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  42. ^ a b Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, ...4 ...3 ...2 ...1 ...morte in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  43. ^ a b c d Umberto Guidi, Sf made in Italy: Nirvana e gli altri in Delos Science Fiction 36, 15 maggio 1998. URL consultato il 20 ottobre 2010.
  44. ^ Carlo Pagetti, (EN) John Clute, David Langford e Peter Nicholls, Italy in The Encyclopedia of Science Fiction, III edizione online, 2011-2014.
  45. ^ H2S in MYmovies, Mo-Net Srl.. URL consultato il 9 aprile 2012
  46. ^ Ecce Homo - I sopravvissuti in MYmovies.it. URL consultato il 19 dicembre 2013.
  47. ^ a b Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Il seme dell'uomo in Fantafilm. URL consultato il 5 aprile 2012.
  48. ^ Il seme dell'uomo in MYmovies, Mo-Net Srl.. URL consultato il 9 aprile 2012
  49. ^ Alessandro Ticozzi, Luciano Salce, un umorista poliedrico e anarchico in Le reti di Dedalus. URL consultato il 19 dicembre 2013.
  50. ^ Intervista a Luigi Cozzi, Pellicolascaduta.it. URL consultato il 28 marzo 2012.
  51. ^ a b Claudia e Giovanni Mongini 2000, op. cit., pag. 261
  52. ^ The Tunnel Under The World di Frederik Pohl in Progetto Gutenberg. (testo originale)
  53. ^ Intervista a Luigi Cozzi in Davinotti.com, 29 maggio 2007. URL consultato il 19 dicembre 2013.
  54. ^ a b Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, I cannibali in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  55. ^ a b Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, N.P. Il segreto in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  56. ^ Roberto Silvestri, Troppo presto, troppo tardi in Ugotognazzi.com. URL consultato il 9 aprile 2012.
  57. ^ a b Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, La guerra dei robot in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  58. ^ a b Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Anno zero: guerra nello spazio in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  59. ^ Starcrash (1979) in SearchMyTrash.com. URL consultato il 9 aprile 2012.
  60. ^ Carlo Pagetti, (EN) John Clute, David Langford e Peter Nicholls, L'isola degli uomini pesce in The Encyclopedia of Science Fiction, III edizione online, 2011-2014.
  61. ^ (EN) John Clute, David Langford e Peter Nicholls, The Island of Dr Moreau in The Encyclopedia of Science Fiction, III edizione online, 2011-2014.
  62. ^ Zeder, Zederfilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  63. ^ a b Zeder in MYmovies, Mo-Net Srl.. URL consultato il 9 aprile 2012
  64. ^ Autori vari, Dossier Nocturno n.66. Il punto G. Guida al cinema di Enzo G. Castellari, Milano, Nocturno, 2008.
  65. ^ Paolo Albiero, Giacomo Cacciatore, Il terrorista dei generi: tutto il cinema di Lucio Fulci, Un mondo a parte, 2004, ISBN 88-900629-6-7.
  66. ^ a b Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Endgame - Bronx lotta finale in Fantafilm. URL consultato il 16 dicembre 2013.
  67. ^ a b c Il mondo di Yor in Antoniomargheriti.com. URL consultato il 24 ottobre 2010.
  68. ^ Lucio Fulci: alchimista in Fantascienza.com. URL consultato il 19 dicembre 2013.
  69. ^ I guerrieri dell'anno 2072 in MYmovies, Mo-Net Srl.. URL consultato il 9 aprile 2012
  70. ^ a b Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Cyborg, il guerriero d'acciaio in Fantafilm. URL consultato il 3 maggio 2012.
  71. ^ a b c Alien degli abissi in Antoniomargheriti.com. URL consultato il 24 ottobre 2010.
  72. ^ Benché il regista in seguito abbia girato anche Potenza virtuale (1997), una commedia fantascientifico-poliziesca.
  73. ^ Fabio Giovannini, Danze macabre. Il cinema di Antonio Margheriti, Grande enciclop. cinema di Profondo Rosso; Vol. 6 di Il cinema gotico e fantastico italiano, Mondo Ignoto, 2004, ISBN 88-89084-22-7., citato in L'isola del tesoro in Antoniomargheriti.com. URL consultato il 24 ottobre 2010.
  74. ^ Edoardo Margheriti, L'isola del tesoro - pagina VHS, antoniomargheriti.com. URL consultato il 29 giugno 2012.
  75. ^ Lietta Tornabuoni, '98 al cinema, Baldini Castoldi Dalai, 1998, p. 78, ISBN 978-88-8089-590-9. URL consultato il 5 maggio 2012.
  76. ^ a b Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, A spasso nel tempo in Fantafilm. URL consultato il 4 maggio 2012.
  77. ^ a b Roberto Chiti, Enrico Lancia e Roberto Poppi, Dizionario del cinema italiano, Gremese Editore, 2002, p. 68, ISBN 978-88-8440-137-3. URL consultato il 5 maggio 2012.
  78. ^ Nirvana in MYmovies, Mo-Net Srl.. URL consultato il 9 aprile 2012
  79. ^ Nirvana - Film (1997) in Comingsoon.it. URL consultato il 9 aprile 2012.
  80. ^ Muccino: "Mi hanno punito ma non mi lascio abbattere" in La Repubblica/spettacoli_e_cultura. URL consultato il 9 aprile 2012.
  81. ^ Laura Strano, Salvatores star da fantascienza, vince l’Urania - Cronaca in Il Piccolo, 3 ottobre 2013. URL consultato il 20 dicembre 2013.
  82. ^ Festival fantascienza: a Salvatores l’urania d’argento alla carriera in Il Velino.it, 2 novembre 2013. URL consultato il 10 novembre 2013.
  83. ^ Chiti Poppi Lancia 1991, op. cit., pag. 339
  84. ^ AgentZ Mariano Equizzi in Delos Science Fiction 54. URL consultato il 19 dicembre 2013.
  85. ^ Intervista a Mariano Equizzi, regista del cinema digitale in Cicap.org. URL consultato il 19 dicembre 2013.
  86. ^ Valerio Evangelisti, MARIANO EQUIZZI, ARTIGIANO CYBERPUNK (Intervento al Future Film Festival di Bologna, 2001) in Eymerich.com. URL consultato il 19 dicembre 2013.
  87. ^ a b Dark Resurrection - Rassegna stampa in DarkResurrection.com. URL consultato il 19 giugno 2012.
  88. ^ Pedro Armocida, Licata, il dentista mago del 3D che ha stupito George Lucas, Il Giornale, 6 novembre 2011. URL consultato il 19 dicembre 2013.
  89. ^ Tommaso Koch, 'Dark Resurrection', o cómo un dentista italiano ha reinventado 'La guerra de las galaxias', El País, 22 novembre 2011. URL consultato il 19 dicembre 2013.
  90. ^ a b Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, InvaXön - Alieni in Liguria in Fantafilm. URL consultato il 5 maggio 2012.
  91. ^ a b http://www.comingsoon.it/news/?source=cinema&key=34744
  92. ^ Gian Piero Brunetta, Storia del cinema italiano: il cinema muto 1895-1929, Editori Riuniti, 2001, p. 136, ISBN 978-88-359-5045-5.
  93. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Effetti di un razzo in Fantafilm. URL consultato il 5 aprile 2012.
  94. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Robinet aviatore in Fantafilm. URL consultato il 5 aprile 2012.
  95. ^ a b c d Claudia e Giovanni Mongini 2000, op. cit., p. 254
  96. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Le avventure straordinarissime di Saturnino Farandola in Fantafilm. URL consultato il 5 aprile 2012.
  97. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, La beffa di Satana in Fantafilm. URL consultato il 5 aprile 2012.
  98. ^ a b c d e f g h i j k l Claudia e Giovanni Mongini 2000, op. cit., pag. 255
  99. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, L'atleta fantasma in Fantafilm. URL consultato il 27 aprile 2012.
  100. ^ a b c Claudia e Giovanni Mongini 2000, op. cit., pag. 256
  101. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Il mostro di Frankenstein in Fantafilm. URL consultato il 5 aprile 2012.
  102. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Il sole e i pazzi in Fantafilm. URL consultato il 5 aprile 2012.
  103. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, L'uomo meccanico in Fantafilm. URL consultato il 5 aprile 2012.
  104. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Lotte nell'ombra in Fantafilm. URL consultato il 5 aprile 2012.
  105. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Mille chilometri al minuto in Fantafilm. URL consultato il 5 aprile 2012.
  106. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Macario contro Zagomar in Fantafilm. URL consultato il 5 aprile 2012.
  107. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Totò sceicco in Fantafilm. URL consultato il 5 aprile 2012.
  108. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, È l'amor che mi rovina in Fantafilm. URL consultato il 5 aprile 2012.
  109. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, O.K. Nerone in Fantafilm. URL consultato il 5 aprile 2012.
  110. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Stasera sciopero in Fantafilm. URL consultato il 5 aprile 2012.
  111. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, La macchina ammazzacattivi in Fantafilm. URL consultato il 5 aprile 2012.
  112. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Noi due soli in Fantafilm. URL consultato il 5 aprile 2012.
  113. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Io piaccio in Fantafilm. URL consultato il 5 aprile 2012.
  114. ^ Cozzi 2007, op. cit.
  115. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, I vampiri in Fantafilm. URL consultato il 5 aprile 2012.
  116. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Totò nella luna in Fantafilm. URL consultato il 5 aprile 2012.
  117. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, I baccanali di Tiberio in Fantafilm. URL consultato il 5 aprile 2012.
  118. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Caltiki, il mostro immortale in Fantafilm. URL consultato il 5 aprile 2012.
  119. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Il mio amico Jekyll in Fantafilm. URL consultato il 5 aprile 2012.
  120. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Space Men in Fantafilm. URL consultato il 5 aprile 2012.
  121. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Seddok, l'erede di Satana in Fantafilm. URL consultato il 19 gennaio 2014.
  122. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Antinea, l'amante della città sepolta in Fantafilm. URL consultato il 5 aprile 2012.
  123. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Ercole alla conquista di Atlantide in Fantafilm. URL consultato il 5 aprile 2012.
  124. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Maciste contro Ercole nella valle dei guai in Fantafilm. URL consultato il 5 aprile 2012.
  125. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Maciste, l'uomo più forte del mondo in Fantafilm. URL consultato il 5 aprile 2012.
  126. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Il pianeta degli uomini spenti in Fantafilm. URL consultato il 5 aprile 2012.
  127. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Operazione Vega in Fantafilm. URL consultato il 5 aprile 2012.
  128. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, I pianeti contro di noi in Fantafilm. URL consultato il 5 aprile 2012.
  129. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Omicron in Fantafilm. URL consultato il 5 aprile 2012.
  130. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Sexy proibitissimo in Fantafilm. URL consultato il 5 aprile 2012.
  131. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Il castello dei morti vivi in Fantafilm. URL consultato il 5 aprile 2012.
  132. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Il disco volante in Fantafilm. URL consultato il 5 aprile 2012.
  133. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Ecco il finimondo in Fantafilm. URL consultato il 5 aprile 2012.
  134. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, La jena di Londra in Fantafilm. URL consultato il 5 aprile 2012.
  135. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Maciste alla corte dello Zar in Fantafilm. URL consultato il 5 aprile 2012.
  136. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, I marziani hanno dodici mani in Fantafilm. URL consultato il 5 aprile 2012.
  137. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Un mostro e mezzo in Fantafilm. URL consultato il 5 aprile 2012.
  138. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, OSS 117 minaccia Bangkok in Fantafilm. URL consultato il 5 aprile 2012.
  139. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, L'ultimo uomo della Terra in Fantafilm. URL consultato il 5 aprile 2012.
  140. ^ Mereghetti 1994, op. cit.
  141. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, 002 Operazione Luna in Fantafilm. URL consultato il 5 aprile 2012.
  142. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, A 008, operazione Sterminio in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  143. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Agente 077 dall'Oriente con furore in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  144. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Agente 077 missione Bloody Mary in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  145. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Agente Lemmy Caution, missione Alphaville in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  146. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Agente S03 operazione Atlantide in Fantafilm. URL consultato il 5 aprile 2012.
  147. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Agente segreto 777 - Operazione Mistero in Fantafilm. URL consultato il 5 aprile 2012.
  148. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Agente spaziale K-1 in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  149. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Allarme dal cielo in Fantafilm. URL consultato l'11 agosto 2012.
  150. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Amanti d'oltretomba in Fantafilm. URL consultato il 5 aprile 2012.
  151. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Berlino - Appuntamento per le spie in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  152. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Il conquistatore di Atlantide in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  153. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, I criminali della galassia in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  154. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Da 077 - Intrigo a Lisbona in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  155. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Due mafiosi contro Goldginger in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  156. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, James Tont operazione U.N.O. in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  157. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, OSS 117 Furia a Bahia in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  158. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, OSS 77 - Operazione fior di loto in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  159. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Il pianeta errante in Fantafilm. URL consultato il Il pianeta errante.
  160. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, S. 077 - Spionaggio a Tangeri in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  161. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Superseven chiama Cairo in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  162. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Un tango dalla Russia in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  163. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Terrore nello spazio in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  164. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, La tigre profumata alla dinamite in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  165. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, 2 + 5 missione Hydra in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  166. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, A 077, sfida ai killers in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  167. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, A. D. 3 operazione squalo bianco in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  168. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, L'affare Beckett in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  169. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Agente S3S: massacro al sole in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  170. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Agente Jo Walker - Operazione Estremo Oriente in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  171. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Agente Logan - Missione Ypotron in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  172. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Agente Sigma 3 -Missione Goldwater in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  173. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Agente Tigre - Sfida infernale in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  174. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Agente X 77 - Ordine di uccidere in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  175. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Ammutinamento nello spazio in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  176. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Asso di picche - Operazione controspionaggio in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  177. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Un brivido sulla pelle in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  178. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Un colpo da mille miliardi in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  179. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Dodici donne d'oro in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  180. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, La Fantarca in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  181. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, La lama nel corpo in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  182. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Marcia nuziale in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  183. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Missione Apocalisse in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  184. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, New York chiama Superdrago in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  185. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Operazione Goldman in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  186. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Operazione Poker in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  187. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Perry Grant, agente di ferro in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  188. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Se tutte le donne del mondo in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  189. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Sicario 77 - Vivo o morto in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  190. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Le spie amano i fiori in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  191. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Le spie uccidono in silenzio in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  192. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Le spie vengono dal semifreddo in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  193. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Tecnica di una spia in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  194. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, La trappola scatta a Beirut in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  195. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Upperseven, l'uomo da uccidere in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  196. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Il vostro super agente Flit in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  197. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, 3 supermen a Tokyo in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  198. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, 5 marines per Singapore in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  199. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Le 7 cinesi d'oro in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  200. ^ Marco Giusti, 007 all'italiana: dizionario del cinema spionistico italiano con tutte le locandine più belle, Isbn Edizioni, 2010, p. 52, ISBN 978-88-7638-187-4. URL consultato il 23 aprile 2012.
  201. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, L'amore attraverso i secoli in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  202. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Assalto al centro nucleare in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  203. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Come rubammo la bomba atomica in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  204. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Come rubare la corona d'Inghilterra in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  205. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Da Berlino l'apocalisse in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  206. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Devilman story in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  207. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Dick Smart 2.007 in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  208. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, La donna, il sesso e il superuomo in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  209. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, 1961c/67-25 in Fantafilm. URL consultato il I fantastici tre Supermen.
  210. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Il fischio al naso in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  211. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Flashman in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  212. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Goldface, il fantastico superman in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  213. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Hypnos - Follia di un massacro in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  214. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, LSD - Una "atomica" nel cervello in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  215. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Matchless in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  216. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, La morte viene dal pianeta Aytin in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  217. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, OK Connery in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  218. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Il raggio infernale in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  219. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Il re dei criminali - L'invincibile Superman in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  220. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Satanik in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  221. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Superargo contro Diabolikus in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  222. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, L'assassino ha le ore contate in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  223. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Barbarella in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  224. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Colpo sensazionale al servizio del SIFAR in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  225. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Diabolik in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  226. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Eva, la Venere selvaggia in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  227. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, H2S in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  228. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, La morte ha fatto l'uovo in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  229. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Vip - Mio fratello superuomo in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  230. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Eat It in Fantafilm.
  231. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, 7 eroiche carogne in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  232. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Colpo di stato in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  233. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Ecce Homo - I sopravvissuti in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  234. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Zan, re della giungla in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  235. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Il castello dalle porte di fuoco in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  236. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Che fanno i nostri supermen tra le vergini della jungla? in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  237. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Crystalbrain, l'uomo dal cervello di cristallo in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  238. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, L'inafferrabile invincibile Mister Invisibile in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  239. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Quando le donne avevano la coda in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  240. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, La ragazza di latta in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  241. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Satiricosissimo in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  242. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, La corta notte delle bambole di vetro in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  243. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Equinozio in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  244. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Il gatto a nove code in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  245. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Un grosso uccello grigio azzurro in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  246. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Hanno cambiato faccia in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  247. ^ Oltre il 2000. URL consultato il 6 dicembre 2012.
  248. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, L'uomo dal cervello trapiantato in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  249. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, A come Andromeda in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  250. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Frankenstein '80 in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  251. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, L'isola misteriosa e il capitano Nemo in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  252. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Quando le donne persero la coda in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  253. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, L'uomo che uccideva a sangue freddo in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  254. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, I cinesi a Parigi in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  255. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, ...e così divennero i 3 supermen del West in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  256. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Il mostro è in tavola... barone Frankenstein in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  257. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, L'orgia dei morti in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  258. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Il castello della paura in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  259. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Le amanti del mostro in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  260. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, L'invenzione di Morel in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  261. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, La mano che nutre la morte in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  262. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Non si deve profanare il sonno dei morti in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  263. ^ Condensato dell'omonima miniserie televisiva francese. Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Notti rosse in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  264. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Il tempo dell'inizio in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  265. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Terminal in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  266. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, La torta in cielo in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  267. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, La città dell'ultima paura in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  268. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Conviene far bene l'amore in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  269. ^ Riccardo Reim, Frankenstein a teatro e al cinema, in Frankenstein, Newton Compton, 2010, p. 14, ISBN 978-88-541-2880-4. URL consultato il 1º maggio 2012.
  270. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Gamma in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  271. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Luna nera in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  272. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Le orme in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  273. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Superuomini, superdonne, superbotte in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  274. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, La traccia verde in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  275. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, La casa in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  276. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Cuore di cane in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  277. ^ Prima che il sole tramonti in Enciclopedia del cinema in Piemonte. URL consultato il 9 aprile 2012.
  278. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Queen Kong in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  279. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Holocaust 2000 in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  280. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Tentacoli in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  281. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Yeti - il gigante del ventesimo secolo in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  282. ^ Allarme nucleare in MYmovies, Mo-Net Srl.. URL consultato il 9 aprile 2012
  283. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Bermude: la fossa maledetta in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  284. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Cosmo 2000: battaglie negli spazi stellari in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  285. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Io tigri, tu tigli, egli tigra in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  286. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Occhi dalle stelle in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  287. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Scontri stellari oltre la terza dimensione in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  288. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Il triangolo delle Bermude in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  289. ^ Dottor Jekyll e gentile signora in MYmovies, Mo-Net Srl.. URL consultato il 9 aprile 2012
  290. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Incontro con gli umanoidi in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  291. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, L'isola degli uomini pesce in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  292. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Sette uomini d'oro nello spazio in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  293. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Stridulum in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  294. ^ SuperAndy - Il fratello brutto di Superman in MYmovies, Mo-Net Srl.. URL consultato il 9 aprile 2012
  295. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, L'umanoide in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  296. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Uno sceriffo extraterrestre... poco extra e molto terrestre in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  297. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, I viaggiatori della sera in Fantafilm. URL consultato il 9 aprile 2012.
  298. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, 3 Supermen contro il Padrino in Fantafilm. URL consultato il 2 maggio 2012.
  299. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Apocalisse domani in Fantafilm. URL consultato il 2 maggio 2012.
  300. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Alien 2 sulla Terra in Fantafilm. URL consultato il 2 maggio 2012.
  301. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, La bestia nello spazio in Fantafilm. URL consultato il 2 maggio 2012.
  302. ^ riedito in versione hard nel 1982 come La bestia porno o La bestia porno nello spazio; La bestia nello spazio in Fantascienza.com. URL consultato il 19 dicembre 2013.
  303. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Chissà perché... capitano tutte a me in Fantafilm. URL consultato il 2 maggio 2012.
  304. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Ciao marziano in Fantafilm. URL consultato il 2 maggio 2012.
  305. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Contamination in Fantafilm. URL consultato il 2 maggio 2012.
  306. ^ a b c Roberto Chiti, Roberto Poppi, Enrico Lancia, Dizionario del cinema italiano, Gremese, 1991, p. 240, ISBN 978-88-7742-423-5. URL consultato il 23 aprile 2012.
  307. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Incubo sulla città contaminata in Fantafilm. URL consultato il 2 maggio 2012.
  308. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Io e Caterina in Fantafilm. URL consultato il 2 maggio 2012.
  309. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Patrick vive ancora in Fantafilm. URL consultato il 2 maggio 2012.
  310. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Poliziotto superpiù in Fantafilm. URL consultato il 2 maggio 2012.
  311. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, L'uomo puma in Fantafilm. URL consultato il 2 maggio 2012.
  312. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Virus - L'inferno dei morti viventi in Fantafilm. URL consultato il 2 maggio 2012.
  313. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Zombie Holocaust in Fantafilm. URL consultato il 2 maggio 2012.
  314. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Giochi erotici nella 3ª galassia in Fantafilm. URL consultato il 2 maggio 2012.
  315. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Rosso sangue in Fantafilm. URL consultato il 2 maggio 2012.
  316. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, 1990: I guerrieri del Bronx in Fantafilm. URL consultato il 2 maggio 2012.
  317. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Bakterion in Fantafilm. URL consultato il 2 maggio 2012.
  318. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Domani si balla! in Fantafilm. URL consultato il 2 maggio 2012.
  319. ^ L'impostore in MYmovies, Mo-Net Srl.. URL consultato il 9 aprile 2012
  320. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, I nuovi barbari in Fantafilm. URL consultato il 2 maggio 2012.
  321. ^ She (1982) in Filmscoop.it. URL consultato il 2 maggio 2012.
  322. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, She in Fantafilm. URL consultato il 3 maggio 2012.
  323. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, 2019 - Dopo la caduta di New York in Fantafilm. URL consultato il 2 maggio 2012.
  324. ^ Roberto Chiti, Roberto Poppi, Enrico Lancia, Dizionario del cinema italiano, Gremese, 2000, p. 291, ISBN 978-88-7742-429-7. URL consultato il 5 maggio 2012.
  325. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Anno 2020 - I gladiatori del futuro in Fantafilm. URL consultato il 2 maggio 2012.
  326. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Fuga dal Bronx in Fantafilm. URL consultato il 2 maggio 2012.
  327. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Il giustiziere della strada in Fantafilm. URL consultato il 2 maggio 2012.
  328. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, La guerra del ferro - Ironmaster in Fantafilm. URL consultato il 2 maggio 2012.
  329. ^ Astrocultura UAI. Sezione Letteratura. Un marziano a Roma Ennio Flaiano Franco Gabici
  330. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, I predatori dell'anno Omega in Fantafilm. URL consultato il 3 maggio 2012.
  331. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, I predatori di Atlantide in Fantafilm. URL consultato il 3 maggio 2012.
  332. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Rush in Fantafilm. URL consultato il 3 maggio 2012.
  333. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, L'Autuomo in Fantafilm. URL consultato il 3 maggio 2012.
  334. ^ a b Claudia e Giovanni Mongini 2000, op. cit., pag. 268
  335. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, I guerrieri dell'anno 2072 in Fantafilm. URL consultato il 2 maggio 2012.
  336. ^ Proiettato al festival del cinema di Venezia (sezione “De Sica”) nel 1984 e distribuito nelle sale nel 1989, vietato ai minori di 18 anni. Pirata! (Cult Movie) in Torino città del cinema. URL consultato il 20 dicembre 2013.
  337. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Pirata! Cult Movie in Fantafilm. URL consultato il 3 maggio 2012.
  338. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Rage - Fuoco incrociato in Fantafilm. URL consultato il 3 maggio 2012.
  339. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Rats - Notte di terrore in Fantafilm. URL consultato il 3 maggio 2012.
  340. ^ Il risveglio di Paul in MYmovies, Mo-Net Srl.. URL consultato il 9 aprile 2012
  341. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Il risveglio di Paul in Fantafilm. URL consultato il 3 maggio 2012.
  342. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Shark Rosso nell'oceano in Fantafilm. URL consultato il 3 maggio 2012.
  343. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, 1981e/83-36 in Fantafilm. URL consultato il L'ultimo guerriero.
  344. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Wild Beast - Belve feroci in Fantafilm. URL consultato il 2 maggio 2012.
  345. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Alien killer in Fantafilm. URL consultato il 3 maggio 2012.
  346. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Colpi di luce in Fantafilm. URL consultato il 3 maggio 2012.
  347. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Sotto il ristorante cinese in Fantafilm. URL consultato il 3 maggio 2012.
  348. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, L'uomo della guerra possibile in Fantafilm. URL consultato il 3 maggio 2012.
  349. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Atomic Cyborg in Fantafilm. URL consultato il 3 maggio 2012.
  350. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Animali metropolitani in Fantafilm. URL consultato il 3 maggio 2012.
  351. ^ Extrasensorial in MYmovies, Mo-Net Srl.. URL consultato il 9 aprile 2012
  352. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, La fattoria maledetta in Fantafilm. URL consultato il 3 maggio 2012.
  353. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Il giorno prima in Fantafilm. URL consultato il 3 maggio 2012.
  354. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Interzone in Fantafilm. URL consultato il 3 maggio 2012.
  355. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, L'isola del tesoro in Fantafilm. URL consultato il 3 maggio 2012.
  356. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Luci lontane in Fantafilm. URL consultato il 3 maggio 2012.
  357. ^ Mefisto Funk in MYmovies, Mo-Net Srl.. URL consultato il 9 aprile 2012
  358. ^ Roberto Chiti, Roberto Poppi e Enrico Lancia, Dizionario del cinema italiano, Gremese Editore, 2000, p. 298, ISBN 978-88-7742-429-7. URL consultato il 23 aprile 2012.
  359. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Topo Galileo in Fantafilm. URL consultato il 3 maggio 2012.
  360. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Urban Warriors in Fantafilm. URL consultato il 3 maggio 2012.
  361. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Curse II: The Bite in Fantafilm. URL consultato il 3 maggio 2012.
  362. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Un delitto poco comune in Fantafilm. URL consultato il 3 maggio 2012.
  363. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Fratello dello spazio in Fantafilm. URL consultato il 3 maggio 2012.
  364. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Pathos - Segreta inquietudine in Fantafilm. URL consultato il 3 maggio 2012.
  365. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Quella villa in fondo al parco in Fantafilm. URL consultato il 3 maggio 2012.
  366. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Rage - Furia primitiva in Fantafilm. URL consultato il 3 maggio 2012.
  367. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Robowar - Robot da guerra in Fantafilm. URL consultato il 3 maggio 2012.
  368. ^ Il segreto del Sahara in MYmovies, Mo-Net Srl.. URL consultato il 9 aprile 2012
  369. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Top Line in Fantafilm. URL consultato il 3 maggio 2012.
  370. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Zombi 3 in Fantafilm. URL consultato il 3 maggio 2012.
  371. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Alien degli abissi in Fantafilm. URL consultato il 3 maggio 2012.
  372. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Arena in Fantafilm. URL consultato il 3 maggio 2012.
  373. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, DNA formula letale in Fantafilm. URL consultato il 3 maggio 2012.
  374. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Il giustiziere del Bronx in Fantafilm. URL consultato il 3 maggio 2012.
  375. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Killer Crocodile in Fantafilm. URL consultato il 3 maggio 2012.
  376. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Leviathan in Fantafilm. URL consultato il 3 maggio 2012.
  377. ^ Sound in MYmovies, Mo-Net Srl.. URL consultato il 9 aprile 2012
  378. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Via Lattea... la prima a destra in Fantafilm. URL consultato il 3 maggio 2012.
  379. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Dr. M in Fantafilm. URL consultato il 3 maggio 2012.
  380. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Due occhi diabolici in Fantafilm. URL consultato il 3 maggio 2012.
  381. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Fuga dal Paradiso in Fantafilm. URL consultato il 3 maggio 2012.
  382. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Killer Crocodile 2 in Fantafilm. URL consultato il 3 maggio 2012.
  383. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Terminator 2 in Fantafilm. URL consultato il 3 maggio 2012.
  384. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Contamination point 7 in Fantafilm. URL consultato il 3 maggio 2012.
  385. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Blue Tornado in Fantafilm. URL consultato il 3 maggio 2012.
  386. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Plymouth in Fantafilm. URL consultato il 3 maggio 2012.
  387. ^ 17, ovvero: l'incredibile e triste storia del cinico Rudy Caino in MYmovies, Mo-Net Srl.. URL consultato il 9 aprile 2012
  388. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, 17 in Fantafilm. URL consultato il 3 maggio 2012.
  389. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, L'Atlantide in Fantafilm. URL consultato il 3 maggio 2012.
  390. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Jackpot in Fantafilm. URL consultato il 3 maggio 2012.
  391. ^ Lorenzo va in letargo in MYmovies, Mo-Net Srl.. URL consultato il 9 aprile 2012
  392. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Favola contaminata in Fantafilm. URL consultato il 3 maggio 2012.
  393. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Klon in Fantafilm. URL consultato il 3 maggio 2012.
  394. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Navigatori dello spazio in Fantafilm. URL consultato il 3 maggio 2012.
  395. ^ Claudia e Giovanni Mongini 2000, op. cit., pag. 260
  396. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Chicken Park in Fantafilm. URL consultato il 3 maggio 2012.
  397. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, De generazione in Fantafilm. URL consultato il 3 maggio 2012.
  398. ^ Memoria - naz.: Italia - regía: Franco Fratto - v.c. n. 87863 del 16.07.92 - pellicola 35 mm prod.: Il Cubo e la Sfera SCRL, Torino. Lungometraggio. Ha vinto il premio Fiction del Festival del Cinema di Salerno del 1993. cfr. Roberto Chiti, Enrico Lancia, Roberto Poppi, Dizionario del cinema italiano, Gremese, 2002, p. 30, ISBN 978-88-8440-137-3. URL consultato il 23 aprile 2012.
  399. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Plankton in Fantafilm. URL consultato il 3 maggio 2012.
  400. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Strane storie - Racconti di fine secolo in Fantafilm. URL consultato il 3 maggio 2012.
  401. ^ Aisha & Odette (film 1995) in Movieplayer.it. URL consultato il 4 maggio 2012.
  402. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Carogne - Ciro and Me in Fantafilm. URL consultato il 4 maggio 2012.
  403. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Epsilon in Fantafilm. URL consultato il 4 maggio 2012.
  404. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, La regina degli uomini pesce in Fantafilm. URL consultato il 4 maggio 2012.
  405. ^ Oltre la quarta dimensione in MYmovies, Mo-Net Srl.. URL consultato il 9 aprile 2012
  406. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Oltre la quarta dimensione in Fantafilm. URL consultato il 4 maggio 2012.
  407. ^ L' EQUIVOCO DELLA LUNA - Film (1996)
  408. ^ Il Day After made in Italy ∂ Fantascienza.com
  409. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, A spasso nel tempo: l'avventura continua in Fantafilm. URL consultato il 4 maggio 2012.
  410. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Nirvana in Fantafilm. URL consultato il 4 maggio 2012.
  411. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Potenza virtuale in Fantafilm. URL consultato il 4 maggio 2012.
  412. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Il comandante Hamilton in Fantafilm. URL consultato il 4 maggio 2012.
  413. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Rewind in Fantafilm. URL consultato il 4 maggio 2012.
  414. ^ Syrena in Delos Science Fiction 47. URL consultato il 19 dicembre 2013.
  415. ^ AgentZ La fantascienza rende liberi in Delos Science Fiction 54. URL consultato il 19 dicembre 2013.
  416. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Fantozzi 2000 - La clonazione in Fantafilm. URL consultato il 4 maggio 2012.
  417. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Il giorno del giudizio - Doomsdayer in Fantafilm. URL consultato il 4 maggio 2012.
  418. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Proibito baciare in Fantafilm. URL consultato il 4 maggio 2012.
  419. ^ FII: Space Off in Fantascienza.com. URL consultato il 9 aprile 2012.
  420. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Flight to Hell in Fantafilm. URL consultato il 5 maggio 2012.
  421. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Il magico Natale di Rupert in Fantafilm. URL consultato il 5 maggio 2012.
  422. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Il ronzio delle mosche in Fantafilm. URL consultato il 5 maggio 2012.
  423. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, È già ieri in Fantafilm. URL consultato il 5 maggio 2012.
  424. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Retrograde in Fantafilm. URL consultato il 5 maggio 2012.
  425. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, I tre volti del terrore in Fantafilm. URL consultato il 5 maggio 2012.
  426. ^ Frammenti di Scienze Inesatte (2005), di Stefano Bessoni in CinemaItaliano.info. URL consultato il 9 aprile 2012.
  427. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, AD Project in Fantafilm. URL consultato il 5 maggio 2012.
  428. ^ Fascisti su Marte in MYmovies, Mo-Net Srl.. URL consultato il 9 aprile 2012
  429. ^ The silver rope (2006) in Filmscoop.it. URL consultato il 9 aprile 2012.
  430. ^ Si Nightmare in MYmovies, Mo-Net Srl.. URL consultato il 9 aprile 2012
  431. ^ Yo-rhad, un amico dallo spazio in MYmovies, Mo-Net Srl.. URL consultato il 9 aprile 2012
  432. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Zona 3 in Fantafilm. URL consultato il 5 maggio 2012.
  433. ^ 2061 - Un anno eccezionale in CineDataBase, Rivista del Cinematografo.. URL consultato il 9 aprile 2012
  434. ^ 2061 - Un anno eccezionale in MYmovies, Mo-Net Srl.. URL consultato il 9 aprile 2012
  435. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Un amore su misura in Fantafilm. URL consultato il 5 maggio 2012.
  436. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Apollo 54 in Fantafilm. URL consultato il 5 maggio 2012.
  437. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, La notte eterna del coniglio in Fantafilm. URL consultato il 5 maggio 2012.
  438. ^ Rache: l'orrore nella Rete in Fantascienza.com. URL consultato il 19 giugno 2012.
  439. ^ Capitan Basilico in MYmovies, Mo-Net Srl.. URL consultato il 9 aprile 2012
  440. ^ La città nel cielo in labiennale.org, La Biennale di Venezia. URL consultato il 9 aprile 2012.
  441. ^ L’Invasione degli AstroNazi, cinemaitaliano.info. URL consultato il 10 giugno 2012.
  442. ^ L’Invasione degli AstroNazi, Bizzarrocinema.it. URL consultato il 10 giugno 2012.
  443. ^ Eaters in MYmovies, Mo-Net Srl.. URL consultato il 9 aprile 2012
  444. ^ Quam si presenta con attori e musica convincenti in Cronaca - Gazzetta di Mantova, 18 settembre 2010. URL consultato il 19 giugno 2012.
  445. ^ 6 giorni sulla Terra in MYmovies, Mo-Net Srl.. URL consultato il 9 aprile 2012
  446. ^ L'ultimo terrestre in MYmovies, Mo-Net Srl.. URL consultato il 9 aprile 2012
  447. ^ L'arrivo di Wang in MYmovies, Mo-Net Srl.. URL consultato il 9 aprile 2012
  448. ^ Hypnosis in MYmovies, Mo-Net Srl.. URL consultato il 9 aprile 2012
  449. ^ Capitan Basilico 2 in MYmovies, Mo-Net Srl.. URL consultato il 9 aprile 2012
  450. ^ Dark Resurrection. URL consultato il 19 giugno 2012.
  451. ^ Report 51 in MYmovies, Mo-Net Srl. URL consultato il 26 febbraio 2014
  452. ^ 12 12 12 in MYmovies, Mo-Net Srl.. URL consultato il 7 febbraio 2014

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Fonti
Per approfondimenti

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]