Perry Rhodan

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Una collezione di fascicoli di Perry Rhodan
Una collezione di romanzi di Perry Rhodan in volume

Perry Rhodan è una serie di romanzi di fantascienza tedeschi e il nome del personaggio protagonista, ideati da Walter Ernsting. La serie esce in Germania settimanalmente dal 1961, senza interruzioni, con oltre 2500 uscite (a luglio 2009) e con dati di vendita di circa 135.000 albi a numero. La serie ha avuto traduzioni parziali in varie lingue, e nelle decadi sono state tratte da essa strisce a fumetti, oggetti da collezione, varie enciclopedie, versioni audio, musica ad essa ispirata, ecc.

In Italiano[modifica | modifica sorgente]

Perry Rhodan viene pubblicato per la prima volta in italiano nel marzo 1976. Cambia più volte editore e termina la pubblicazione nel 1981, con 66 numeri pubblicati a cui si aggiungono 6 extra e un numero bis (il 13).[1] Il curatore della serie è Antonio Bellomi. Ciascun volume contiene un romanzo della serie di Perry Rhodan a partire dai primi pubblicati in Germania nel 1961, a cui si affiancano racconti di autori italiani come Vittorio Catani, Pietro Caracciolo, Adalberto Cersosimo, Luigi Cozzi, Vittorio Curtoni, Ugo Malaguti, Renato Pestriniero, Pierfrancesco Prosperi e stranieri come Ron Hubbard e Vargo Statten.

Una seconda edizione viene tentata nel 1992 dalle edizioni Garden sempre sotto la cura di Bellomi, ma dura solo 2 numeri.

In Italia è tornato ad essere pubblicato nel 2008 da Armenia col romanzo L'arca delle stelle, primo dei libri del ciclo di Lemuria al quale nel 2009 è stato affiancato I dormienti del tempo, secondo romanzo del ciclo.

Altri media[modifica | modifica sorgente]

A Perry Rhodan sono stati dedicati anche dei videogiochi, degli albi a fumetti e un film, ...4 ...3 ...2 ...1 ...morte (1967), rinnegato dai fan della serie[senza fonte].

Libri[modifica | modifica sorgente]

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Pino Cottogni, Armenia riporta in Italia Perry Rhodan, Fantascienza.com, 27/05/2008. URL consultato il 18-12-2008.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]