Jean-Luc Godard

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando il musicista e compositore francese Michel Godard, vedi Michel Godard.
Jean-Luc Godard
Statuetta dell'Oscar Oscar onorario 2011

Jean-Luc Godard (Parigi, 3 dicembre 1930) è un regista, sceneggiatore, montatore e critico cinematografico svizzero/francese. È uno degli esponenti più importanti della Nouvelle Vague, nonché uno dei registi più significativi del cinema francese e internazionale. La sua carriera è contraddistinta da una grande prolificità e soprattutto dalle grandi innovazioni linguistiche apportate al mezzo cinematografico. Leone d'oro alla carriera nel 1982, ha inoltre ricevuto nel 2011 l'Oscar alla carriera.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nasce da una ricchissima famiglia protestante di origine svizzera che appartiene alla alta borghesia (il padre faceva il medico e la madre era figlia di banchieri) e compie i suoi studi in un collegio svizzero e nella città natale dove, dopo il liceo, frequenta la Sorbona ottenendo, nel 1949, un diploma in Etnologia.

L'approdo alle riviste[modifica | modifica sorgente]

Nei primi anni cinquanta si distingue per le sue radicali critiche cinematografiche su riviste come Arts e Cahiers du cinéma.

Risale al 1950 il suo primo articolo sulla "Gazette du Cinéma" dal titolo "Joseph Mankiewicz" e nel 1952 giunge ai "Cahiers du cinéma" con lo pseudonimo di Hans Lucas dove pubblica tre articoli: una breve recensione su Rudolph Maté, una più impegnata recensione su L'altro uomo di Alfred Hitchcock e un saggio dal titolo "Difesa e illustrazione del "découpage" classico" che dimostra la sua visione totalizzante delle arti come la letteratura, il cinema e la pittura.

« ... è questa la condizione della dialettica cinematografica: bisogna vivere piuttosto che durare[1] »

Esperienze diverse[modifica | modifica sorgente]

Tra il 1953 e il 1955 Godard, che ha abbandonato l'attività di critico, compie numerosi viaggi nelle Americhe e in seguito assume un impiego nella costruzione della diga della Grande Dixence in Svizzera. Da questa esperienza nascerà l'idea per un primo cortometraggio, "Opération béton", che verrà realizzato nel 1955 con il finanziamento della ditta appaltatrice.

Ritornato a Parigi inizia a cimentarsi nei cortometraggi a soggetto. Nel suo terzo cortometraggio dal titolo "Charlotte et son Jules" del 1958 doppia la voce di Jean-Paul Belmondo e nel quarto, "Une histoire d'eau" dello stesso anno, collabora con il regista François Truffaut che l'anno seguente gli fornirà il soggetto per il suo primo lungometraggio.

L'esordio nel cinema[modifica | modifica sorgente]

L'esordio di Godard nel lungometraggio avviene nel 1959 con un film che diviene immediatamente il vessillo della nouvelle vague francese: Fino all'ultimo respiro.

Il film, che viene girato in sole quattro settimane con un budget limitato e il ricorso all'utilizzo della cinepresa a mano, ottiene il premio Jean Vigo e dà inizio al primo periodo della filmografia godardiana.

All'interno di questa sua prima opera sono già presenti quelle "trasgressioni" ai modelli narrativi tradizionali che la nouvelle vague utilizzerà per distanziarsi dal cosiddetto "cinema de papà": montaggio sconnesso, attori che si rivolgono direttamente al pubblico, sguardi in macchina. Evidente risulta anche la cinefilia di Godard, che cita ossessivamente i film americani di genere degli anni cinquanta.

Il primo periodo (1960-1967)[modifica | modifica sorgente]

Il "primo periodo" dell'attività godardania va dal 1960 al 1967 e viene caratterizzato da una grande vena creativa che porta Godard a realizzare ben ventidue film, tra cortometraggi e lungometraggi, con un attivismo senza limiti che culminerà nell'esperienza del "Sessantotto" vissuta dal regista in prima persona.

Nel corso di questi anni, Godard rivolge la propria attenzione ai contenuti erotici dell'immagine contemporanea: manifesti di attori, pubblicità, fumetti, riviste patinate. In quest'ottica nascono film come Agente Lemmy Caution, missione Alphaville, Il bandito delle ore undici, Due o tre cose che so di lei.

Di questo periodo è giusto citare un lungometraggio che da molti critici viene definito come una delle massime espressioni della Nouvelle Vague, e cioè Bande à part. Il film, ambientato in una Parigi fredda e autunnale, racconta la storia di due amici, interpretati da Sami Frey e Claude Brasseur, che incontrano casualmente una giovane ragazza, bella e ingenua, interpretata da Anna Karina, che influenzerà nel breve e lungo termine le loro esistenze. La splendida sequenza girata nel Louvre, dove corrono come forsennati lungo gli immensi spazi del museo verrà ripresa molti anni dopo da Bernardo Bertolucci nel suo film The Dreamers, dove i protagonisti Eva Green, Louis Garrel e Michael Pitt ripetono la corsa proprio nel Louvre identificandosi in Franz, Arthur e Odile, appunto i tre giovani spensierati che girano per Parigi con una vecchia Simca decapottabile e passano le giornate tra un corso d'inglese e un bistrot dove bere qualcosa e fantasticare sul loro futuro.

A partire dal 1966 Godard sposa definitivamente le teorie marxiste: il cinema diviene il luogo in cui mettere in atto una severa critica della civiltà dei consumi e della mercificazione dei rapporti umani, ma anche in cui si possa riflettere sullo stesso statuto dell'immagine come portatrice "naturale" di un'ideologia. Il problema della prassi diviene una costante della fase "politica" di Godard, nei film La cinese e Week-end, un uomo e una donna dal sabato alla domenica.

Il secondo periodo (1968-1972)[modifica | modifica sorgente]

Dopo aver esaminato la possibilità di mettere in pratica un cinema realmente rivoluzionario (La gaia scienza, 1968), Godard fonda nel 1969 con altri cineasti il Gruppo Dziga Vertov, sperimentando un cinema collettivo e rifiutando il ruolo di autore nella convinzione che esso sottintenda un'ideologia autoritaria e gerarchica. Nello stesso anno dirige Lotte in Italia, un film per la televisione italiana che si interroga sui rapporti tra film, rappresentazione e ideologia attraverso il racconto di una ragazza borghese che milita in un gruppo extraparlamentare pur rimanendo legata all'ideologia della sua classe d'origine.

Inoltre da ricordare come film di quegl'anni vi è Vent d'est unico film con il quale ha lavorato con l'attore più rinomato per impegno politico e che è stato il principale attore del cinema politico italiano: Gian Maria Volontè

L'attività di Godard, che fino a quel momento era stata frenetica, è costretta a interrompersi sia per un incidente stradale che lo costringe in ospedale per alcuni mesi, sia per il nascere delle prime discordanze all'interno del gruppo e soprattutto per l'intuizione che il momento dell'eversione fosse ormai alla fine.

Nel tentativo di recuperare la propria identità artistica e politica Godard rimane per diversi mesi chiuso in se stesso senza lasciarsi intervistare dalla stampa e solo nel 1972 realizza, insieme a Jean-Pierre Gorin, Crepa padrone, tutto va bene, un'indagine sullo stato degli intellettuali nella stagione del riflusso post-sessantottesco.

Una pausa di tre anni[modifica | modifica sorgente]

La fine del movimento segna per Godard una pausa di ripensamento. Dopo alcune conferenze tenute presso l'Università di Montréal e all'opera "Introduction à une véritable histoire du cinéma", che verrà pubblicata nel 1980, si ritira a Grenoble, dove lavora per alcuni anni ai laboratori di Sonimage sperimentando tecniche cinematografiche a basso costo (Super 8, videoregistratori, ecc).

Il terzo periodo (1975-2006)[modifica | modifica sorgente]

Dopo l'approdo alle tecnologie elettroniche e al video inizia il terzo periodo, quello dell'ultimo Godard, improntato ad una nuova e intensa sperimentazione in cui il video, che convive strettamente con il cinema, viene usato per una critica nuova fatta per immagini alle stesse immagini, anche le proprie.

Nel 1975 con Numéro deux Godard riparte utilizzando la nuova strumentazione video e mettendo in scena non un irrequieto rapporto di coppia, ma un irrequieto rapporto familiare, mescolando la documentazione reale con la fiction, la vita con la sua rappresentazione.

Nasce un'attenzione più viva per le tematiche del privato, soprattutto quella familiare, che vengono ripresi con toni maggiormente intimistici come in Si salvi chi può (la vita). In questo periodo Godard riesce a valorizzare la pura immagine a scapito del racconto utilizzando serie di sequenze autonome simili a quadri staccati dalla trama e godibili per la loro sola bellezza come in Passion (1982) che può essere preso ad esempio della sua nuova concezione estetica dell'immagine.

Così, nei successivi Prénom Carmen (1983) che vinse il Leone d'oro a Venezia, e Je vous salue, Marie (1984) si vede come il testo sia solo un pretesto per un libero assemblaggio fatto di giochi di parole, citazioni disparate, brani di musica, ripresa di scenari naturali, come le onde del Lago Lemano in "Prénom Carmen" che diventano uno dei principali leitmotiv visivi del regista.

Nelle opere di questo terzo periodo si affianca alla compostezza dell'immagine il motivo ricorrente della musica classica, soprattutto di Mozart e Beethoven che già erano presenti nei film del primo periodo.

Nel 1988 per Canal Plus, viene ideato il progetto "Histoire(s) du cinéma" che durerà fino al 1997 e dalla cui esperienza nasceranno quattro volumi con tutti i materiali interpretativi e iconografici che verranno pubblicati nel 1998. Con il film Nouvelle Vague del 1990 e con Hélas pour moi del 1993, Godard riesce a scrivere l'intera sceneggiatura senza usare una sua parola ma facendo dire ai personaggi frasi di altri per poter lasciare libero spazio alle immagini che, con la loro musica interna, creano una perfetta geometria.

Nel film Germania nove zero, che si modella su Germania anno zero di Rossellini, Godard si diverte a giocare con le lingue (il francese e il tedesco), come già aveva fatto nei film del primo periodo (Fino all'ultimo respiro dove aveva utilizzato l'inglese e il francese e ne Il disprezzo (l'inglese, l'italiano e il francese).

Éloge de l'amour del 2001 è un insieme di motti di spirito, gag paradossali, detti celebri, inversioni di struttura come il colore della seconda parte del film in contrasto con il bianco e nero della prima parte i cui avvenimenti accadono due anni dopo.

Riconoscimenti[modifica | modifica sorgente]

Festival del Cinema di Venezia
Festival internazionale del film di Locarno
Premi Oscar 2011

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

I primi cortometraggi (1954 - 1958)[modifica | modifica sorgente]

Il primo periodo (1960 - 1967)[modifica | modifica sorgente]

Lungometraggi[modifica | modifica sorgente]

Cortometraggi/episodi di film[modifica | modifica sorgente]

Il secondo periodo (1968 - 1972)[modifica | modifica sorgente]

Il terzo periodo (1975 - oggi)[modifica | modifica sorgente]

Lungometraggi[modifica | modifica sorgente]

Altro del terzo periodo[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Jean-Luc Godard Difesa e illustrazione del "découpage" classico.
  2. ^ L’esperienza mistica di Godard: dalla fenomenologia alla vita

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Libri di Jean-Luc Godard[modifica | modifica sorgente]

  • (FR) Jean-Luc Godard, Jean-Luc Godard par Jean-Luc Godard, a cura di Alain Bergala, Editions du Cahiers du cinéma, Paris 1985
  • (FR) Jean-Luc Godard, Histoire(s) du cinemà, 4 voll., Gallimard, Paris 1998
  • (FR) Jean-Luc Godard, Archéologie du cinéma et mémoire du siècle. Dialogue, con Youssef Ishaghpour, Farrago, Tours 2000
  • Jean-Luc Godard, Due o tre cose che so di me. Scritti e conversazioni sul cinema, a cura di Orazio Leogrande, Minimum Fax, 2007
  • Jean-Luc Godard, Introduction à une vèritable histoire du cinèma, Tome I., Editions Albatros, Paris, [(1980)]

Libri su Jean-Luc Godard in italiano[modifica | modifica sorgente]

Libri su Jean-Luc Godard in altre lingue[modifica | modifica sorgente]

  • Richard Roud, Jean-Luc Godard, Cinema One, London 1962
  • Jean Collet, Jean-Luc Godard, Seghers, Paris 1963
  • Barthélemy Amengual (a cura di), Jean-Luci Godard au-delà du recit, Lettres Modernes, Paris 1967
  • Colin Miles MacCabe, Jean-Luc Godard, Images, Sounds, Politics, Indiana University Press, Bloomington 1980
  • Marc Cerisuelo, Jean-Luc Godard, Lherminier, Paris 1989
  • Jean-Luc Douin, Godard, Rivages, Paris 1989.
  • Jean-Louis Leutrat, Des traces qui nous ressemblent , Comp'Act, 1990.
  • Raymond Bellour e Mary Lea Bandy (a cura di), Jean-Luc Godard, son + image 1974-1991, Museum of Modern Art, New York 1992,
  • Marc Cerisuelo (a cura di), Jean-Luc Godard au-delà de l'image, in "Etudes Cinématographiques", 1993, n. 194-202, 1993
  • Alain Bergala, Nul mieux que Godard, Editions du Cahiers du cinéma, Paris 1999.
  • Jacques Aumont, Amnésies: fictions du cinéma d'après Jean-Luc Godard , P.O.L., 1999.
  • Michael Temple e James S. Williams, The cinema alone. Essays on the work of Jean-Luc Godard 1985-2000, Amsterdam University Press, 2000.
  • Suzanne Liandrat Guigues e Jean-Louis Leutrat, Godard simple comme bonjour, l'Harmattan: 2004.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 108762210 LCCN: n79055544