Isabelle Huppert

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Isabelle Huppert nel 2009

Isabelle Anne Madeleine Huppert (Parigi, 16 marzo 1953) è un'attrice francese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nata a Parigi, trascorre l'infanzia a Ville-d'Avray; è incoraggiata in tenera età dalla madre a recitare. Frequenta il conservatorio di Versailles. Dopo una carriera di successo in teatro, inizia a lavorare per il cinema nel 1972 con Faustine et le bel été (era tuttavia già apparsa in televisione l'anno prima).

Debutta nel cinema americano con un ruolo nel kolossal di Michael Cimino I cancelli del cielo (1980), che tuttavia non riscuote successo al botteghino; negli anni ottanta viene diretta, tra gli altri, da Bertrand Tavernier, Jean-Luc Godard, Joseph Losey e Marco Ferreri.

Ha vinto due volte il premio per la migliore attrice al Festival di Cannes, nel 1978 per Violette Nozière di Claude Chabrol[1] e nel 2001 per La pianista di Michael Haneke,[2] e due volte la Coppa Volpi al Festival di Venezia, nel 1988 per Un affare di donne e nel 1995 per Il buio nella mente, entrambi diretti da Chabrol. Sempre a Venezia nel 2005 le viene attribuito un Leone d'Oro Speciale in occasione della presentazione del film Gabrielle. È stata inoltre candidata 14 volte al Premio César, due volte come non protagonista, 12 come protagonista, vincendolo solo una volta nel 1996 per Il buio nella mente.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Isabelle Huppert alla 66-esima edizione del festival di Venezia
Isabelle Huppert a Cannes

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Premio César
Anno Titolo Categoria Risultato
1976 Aloïse Migliore attrice non protagonista Candidatura
1978 La merlettaia Migliore attrice protagonista Candidatura
1979 Violette Nozière Migliore attrice protagonista Candidatura
1981 Loulou Migliore attrice protagonista Candidatura
1982 Colpo di spugna Migliore attrice protagonista Candidatura
1989 Un affare di donne Migliore attrice protagonista Candidatura
1995 La séparation Migliore attrice protagonista Candidatura
1996 Il buio nella mente Migliore attrice protagonista Vinto
1999 L'école de la chair Migliore attrice protagonista Candidatura
2001 Saint-Cyr Migliore attrice protagonista Candidatura
2002 La pianista Migliore attrice protagonista Candidatura
2003 8 donne e un mistero Migliore attrice protagonista Candidatura
2006 Gabrielle Migliore attrice protagonista Candidatura
2013 Amour Migliore attrice non protagonista Candidatura

Doppiatrici italiane[modifica | modifica wikitesto]

Nelle versioni in italiano dei suoi film, Isabelle Huppert è stata doppiata da:

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Ufficiale dell'Ordine della Legion d'Onore (Francia) - nastrino per uniforme ordinaria Ufficiale dell'Ordine della Legion d'Onore (Francia)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Awards 1978, festival-cannes.fr. URL consultato il 18 giugno 2011.
  2. ^ (EN) Awards 2001, festival-cannes.fr. URL consultato il 7 luglio 2011.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Premio César per la migliore attrice Successore
Isabelle Adjani
per La regina Margot
1996
per Il buio nella mente
Fanny Ardant
per Di giorno e di notte

Controllo di autorità VIAF: 100234962 LCCN: no96000645