Medea (Euripide)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Scene dal mito di Medea: invio dei doni a Creusa, morte di Creusa, partenza di Medea con le salme dei figli. Sarcofago greco di marmo, 150-170 d.C.
Medea
Tragedia
Ritratto di Medea
Ritratto di Medea
Autore Euripide
Titolo originale Μήδεια
Lingua originale Greco antico
Genere Tragedia
Ambientazione Corinto, Grecia
Prima assoluta 431 a.C.
Teatro di Dioniso, Atene
Personaggi
Riduzioni cinematografiche * Medea, di Pier Paolo Pasolini (1969)
 

Medea (Μήδεια, Médeia) è una tragedia di Euripide, andata in scena per la prima volta ad Atene, alle Grandi Dionisie del 431 a.C. La tetralogia tragica di cui faceva parte comprendeva anche le tragedie perdute Filottete e Ditti, ed il dramma satiresco I mietitori. Benché l’opera sia considerata uno dei capolavori di Euripide, si classificò soltanto al terzo posto, dietro un’opera di Sofocle, vincitore, e di Euforione (figlio di Eschilo), secondo classificato, i cui titoli non ci sono stati tramandati.[2]

Trama[modifica | modifica sorgente]

Dopo aver aiutato il marito Giasone e gli Argonauti a conquistare il vello d’oro, Medea si è trasferita a vivere a Corinto, insieme al consorte ed ai due figli, abbandonando il padre per seguire il marito. Dopo alcuni anni però Giasone decide di ripudiare Medea per sposare la figlia[3] di Creonte, re di Corinto.[1] Questo infatti gli darebbe diritto di successione al trono.

La donna si lamenta col coro delle donne corinzie in modo disperato e furioso, tanto che il re Creonte, sospettando una possibile vendetta, le intima di lasciare la città. Dissimulando con abilità i propri sentimenti, però, Medea ottiene di restare ancora un giorno, che le servirà per attuare il proprio piano. Giasone si reca da Medea, che gli rinfaccia tutta la sua ipocrisia e la mancanza di coraggio, ma Giasone sa opporre solo banali ragioni di convenienza. Di fronte all'indifferenza del marito, la donna attua la sua vendetta.

Innanzitutto ottiene dal re di Atene Egeo (di passaggio per Corinto) la promessa di ospitarla nella propria città,[4] poi, fingendosi rassegnata, manda in dono alla futura sposa di Giasone una ghirlanda e una veste avvelenata. La ragazza, indossatele, muore tra atroci tormenti, e la stessa sorte tocca a Creonte, accorso per aiutarla. Tale scena è raccontata da un messaggero. A quel punto Giasone accorre per salvare almeno la sua prole, ma appare Medea sul carro alato del dio Sole,[5] che gli mostra i cadaveri dei figli che ella, pur straziata nel cuore, ha ucciso, privando così Giasone di una discendenza. Nel finale la donna vola[6] verso Atene lasciando il marito a maledirla, distrutto dal dolore.

Commento[modifica | modifica sorgente]

Euripide fu uno dei primi a mettere in scena la parte del mito di Medea riguardante il suo soggiorno a Corinto. Lo aveva già fatto, probabilmente pochi anni prima, il tragediografo Neofrone, anch’egli autore di una Medea, ma gli studiosi tendono a negare (anche in base ai frammenti conosciuti) che l'opera di Euripide sia direttamente ispirata ad essa, nonostante vi siano affinità.

La tragedia è essenzialmente incentrata sugli uomini, lasciando da parte gli dèi, i quali non intervengono mai, tanto da spingere Giasone, verso la fine della vicenda, ad inveire contro di essi, accusandoli, ma senza risposta, di non aver impedito la triste sorte dei suoi figli. Euripide giudica colpevole non solo Medea, esecutrice materiale dei delitti (in particolare quelli dei figli), ma anche Giasone, reo di aver ingannato la protagonista per un "letto migliore".

I personaggi[modifica | modifica sorgente]

Medea[modifica | modifica sorgente]

Domina l’opera la straripante, incontrastata personalità di Medea, indubbiamente uno dei più grandi personaggi di Euripide. Fortemente emotiva e passionale, la donna esibisce un’ampia gamma di stati d’animo, che culminano negli omicidi della giovane sposa di Giasone e dei propri figli: atti caratterizzati sì da grande ferocia, ma non privi di dubbi e di tentazioni di desistere, talvolta manifestati nell’ambito della stessa scena, in un continuo alternarsi di propositi omicidi e di pentimenti.[7]

Le sfaccettature del personaggio sono insomma tante e tali che Medea può essere vista, di volta in volta, come feroce e vendicativa assassina, come vittima di pulsioni interne incontrollabili, o anche come moglie così addolorata per l’abbandono del marito da arrivare a perdere ogni raziocinio. La grandezza del personaggio sta proprio nell’essere assai complesso, in una continua lotta tra la razionalità e le passioni. È la prima volta nel teatro greco (almeno per le opere note) in cui protagonista è la passione di una donna, una passione violenta e feroce che rende Medea una donna debole e forte allo stesso tempo. Forte perché padrona della sua vita e non disposta a piegarsi davanti a nessuno, e al tempo stesso debole perché sola, disperata ed intenzionata a distruggere tutto quello che rappresenta il suo passato.

Medea e Giasone (di Girolamo Macchietti, 1570-1573, Palazzo Vecchio, Firenze)

Se, di solito, la tragedia classica presenta due personaggi in conflitto (per esempio Creonte e Antigone, oppure Oreste e Clitennestra), ciascuno portatore di un ben preciso ordine di vedute, Medea contiene, dentro di sé, quasi due figure contrastanti: una vorrebbe uccidere i figli, l’altra li vorrebbe risparmiare. La sua è una mente scissa e conflittuale. Alla fine dell’opera, però, la donna appare convinta di ciò che ha fatto e in atteggiamento vittorioso, tanto da volare addirittura via su un carro divino.[6]

Giasone[modifica | modifica sorgente]

Giasone, al contrario, è una figura decisamente sminuita nella tragedia, tanto da fargli ottenere la fama di seduttore che spingerà Dante a collocarlo nell'Inferno della Divina Commedia.[8] Egoista e meschino, pare che per lui l'amore rappresenti soltanto un mezzo per la conquista del potere, oltretutto nella convinzione di poter giustificare il proprio operato solo per mezzo della sua capacità oratoria. Pagherà comunque un prezzo molto alto per il suo comportamento: la vita della promessa sposa e dei figli.

Altri personaggi[modifica | modifica sorgente]

È interessante notare come due personaggi molto importanti all’interno dell’opera, i figli di Medea, siano sempre muti, ad eccezione di due brevi frasi pronunciate fuori scena quando si accorgono di essere in pericolo di vita. Euripide intendeva evidentemente sottolineare la loro condizione di bambini inermi e, di conseguenza, destinati a subire la sorte tragica senza poter né reagire né opporvisi. Anche la promessa sposa di Giasone, benché non appaia mai in scena, è un personaggio di non secondaria importanza, destinata a subire senza alcuna colpa una sorte atroce.

Si può insomma concludere che se in quest’opera tutti i personaggi perdono le persone care o la loro stessa vita (compresa Medea, che pur uscendo vittoriosa dalla vicenda ha sterminato la propria stessa famiglia), sono però soprattutto i più deboli ed innocenti a pagare il prezzo più alto: i figli di Medea e la sposa di Giasone, che muoiono per una vicenda nella quale non hanno avuto alcun ruolo.

Il modello di famiglia e la contrapposizione tra culture[modifica | modifica sorgente]

La tragedia contiene una forma di critica al modello familiare tradizionale in uso nella Atene del V secolo a.C. Di fronte allo sdegno ed alla disperazione di Medea per le nuove nozze del marito, infatti, Giasone contrappone motivazioni che all’ateniese medio potevano apparire sensate: la necessità di generare nuovi figli per la città,[9] e la convinzione che del resto Giasone avesse fatto già molto per Medea, portandola via dal mondo barbaro in cui viveva prima (la Colchide). Avviene un dialogo assai serrato tra i due, in cui la moglie enumera i rischi del matrimonio (prendersi un marito pressoché sconosciuto, che diviene padrone del corpo stesso della donna e che dovrà essere l’unico con cui ella dovrà stare e che potrà guardare),[10] mentre Giasone l'accusa di essere, come tutte le donne, attaccata solo al letto.[11]

Elisabetta Pozzi interpreta Medea al Teatro Greco di Siracusa (2009)

La tragedia propone insomma uno scontro tra culture diverse, una considerata più moderna e civile (Corinto), l’altra più barbara e arretrata (la Colchide). Questa contrapposizione doveva apparire evidente dall’uso da parte di Medea della magia, forza inquietante e barbara per eccellenza, e dal fatto che la donna fosse vestita in scena con un abbigliamento di tipo orientale.[12] In tale scontro, però, è la parte ritenuta più barbara ad uscirne vincitrice, con un messaggio finale che è in effetti un non-messaggio, privo di soluzioni.

Variazioni sul mito[modifica | modifica sorgente]

Nel corso dei secoli molti autori si sono cimentati con il dramma di Euripide, creandone versioni che differivano più o meno ampiamente dal modello originale, a seconda del momento storico e del luogo in cui erano state scritte. Nella letteratura latina, delle numerose versioni scritte solo una è giunta integra ai nostri giorni, la Medea di Seneca. Anche Ovidio, fra il 12 a.C. e l'8 a.C., ne scrisse una versione coronata da un buon successo, ma essa è andata perduta, così come la Medea di Ennio.

Tra le opere moderne, una versione interessante è quella di Franz Grillparzer (1821), che pone maggiormente l'accento sul fato e sulle circostanze avverse che spingono la donna ad agire; mentre nel 1949 Corrado Alvaro, nella sua Lunga notte di Medea, mette in evidenza la condizione di Medea come di una donna estranea in una comunità chiusa, e di conseguenza aggredita e discriminata. Da ricordare infine la Medea di Jean Anouilh (1946), nonché il romanzo Medea. Voci della scrittrice tedesca Christa Wolf, in cui la situazione di Medea a Corinto viene letta come metafora dello spaesamento dei cittadini della Repubblica democratica tedesca dopo la riunificazione.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Da non confondersi con un altro Creonte, re di Tebe.
  2. ^ Euripide, Medea, a cura di Laura Suardi [vedi Bibliografia], pag. 8.
  3. ^ Il nome della ragazza, che secondo il mito è Glauce o Creusa, è taciuto da Euripide.
  4. ^ Secondo il mito, Medea in seguito sposerà Egeo e gli darà un figlio, Medo. La donna dovrà però poi scappare anche da Atene, in seguito al tentativo non riuscito di uccidere Teseo, un altro figlio di Egeo.
  5. ^ Il dio Sole, o Elio, era infatti nonno di Medea, padre del padre della donna, Eete.
  6. ^ a b Questa scena finale era probabilmente rappresentata tramite l’uso della mechanè, un macchina teatrale spesso utilizzata per l’apparizione del deus ex machina, come a voler significare che gli dei, pur non intervenendo mai, non le sono ostili.
  7. ^ L’esempio più evidente di tale oscillazione dei sentimenti è il monologo di Medea presente nel quinto episodio della tragedia.
  8. ^ Virgilio spiega a Dante che Giasone meritò l’inferno per aver sedotto e poi abbandonato prima Ipsipile e poi Medea (Dante Alighieri, La divina commedia, canto XVIII, vv. 82-96).
  9. ^ La procreazione era una delle attività considerate più importanti in assoluto, soprattutto per motivi bellici. Le donne che non avevano figli erano infatti mal viste nell’antica Grecia.
  10. ^ Euripide, Medea, vv. 232-247.
  11. ^ Ivi, vv. 568-573.
  12. ^ Questa considerazione sull’abbigliamento è ciò che risulta dall’esame di numerose decorazioni vascolari coeve, che si riferiscono con ogni probabilità proprio alla Medea di Euripide. Cfr. Avezzù [vedi Bibliografia], pag. 108.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Medea e gli Argonauti (di Anselm Feuerbach, 1870)
Letteratura
Musica
Cinematografia

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Il testo della tragedia nella traduzione in versi di Ettore Romagnoli