I viaggi di Gulliver (miniserie televisiva)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
I viaggi di Gulliver
Titolo originale Gulliver's Travels
Paese Stati Uniti d'America, Regno Unito
Anno 1996
Formato miniserie TV
Genere avventura, fantastico
Puntate 2
Durata 93 min (puntata)
Lingua originale inglese
Caratteristiche tecniche
Aspect ratio
Colore colore
Audio Dolby Digital
Crediti
Regia Charles Sturridge
Soggetto Jonathan Swift
Sceneggiatura Simon Moore
Interpreti e personaggi
Doppiatori e personaggi
Fotografia Howard Atherton
Montaggio Peter Coulson
Musiche Trevor Jones
Scenografia Roger Hall
Costumi Shirley Russell
Trucco Aileen Seaton, Fátima Sousa, Sian Grigg, Ivana Primorac, Karen Turner
Effetti speciali Paul Corbould
Produttore Duncan Kenworthy, Chris Thompson
Produttore esecutivo Robert Halmi Sr., Brian Henson
Casa di produzione Hallmark Entertainment, Channel Four Television, Jim Henson Productions
Prima visione
Prima TV Stati Uniti d'America
Dal 4 febbraio 1996
Al 4 febbraio 1996
Rete NBC
Prima TV in italiano (gratuita)
Dal
Al
Rete Canale 5
Prima TV in italiano (pay TV)
Dal 24 novembre 1996
Al 27 novembre 1996
Rete

I viaggi di Gulliver (Gulliver's Travels) è una miniserie televisiva in due puntate del 1996 basata sull'omonimo romanzo di Jonathan Swift. La miniserie ha come protagonista l'attore Ted Danson nel ruolo di Lemuel Gulliver ed è conosciuta per essere uno dei pochi adattamenti del romanzo di Swift a seguire tutti e quattro i viaggi del protagonista.

La struttura narrativa della storia si sposta avanti e indietro nel tempo. Gulliver racconta le sue avventure inizialmente alla moglie e al figlio e successivamente alle persone presenti nel manicomio di Londra dove è stato ricoverato, ed attraverso alcuni flashback vengono mostrate le immagini dei suoi viaggi.

La miniserie è fedele al romanzo, ma il finale è stato modificato per dare una conclusione più ottimistica alla storia. Nel libro Gulliver è impressionato a tal punto dal paese utopistico degli Houyhnhnms che al suo ritorno in Inghilterra decide di vivere nella stalla insieme ai suoi cavalli, mentre nella miniserie riesce a riprendersi da questa ossessione e si ricongiunge a sua moglie e a suo figlio.

Produzione[modifica | modifica sorgente]

Il progetto era in via di sviluppo già nel 1989, ma prima di trovare il sostegno finanziario per la sua realizzazione passarono anni.

La produzione della miniserie ha richiesto un uso massiccio di effetti speciali. La Jim Henson's Creature Shop si occupò della creazione di diverse CGI e anche della creazione di protesi per gli Yahoo. Il produttore Duncan Kenworthy dichiarò che il progetto era in via di sviluppo mentre Jim Henson era ancora in vita e che per lui la cosa più importante era quella di adattare tutto il libro.

Le riprese si sono svolte nel Regno Unito e in Portogallo, nella sala della biblioteca del Palazzo Nazionale di Mafra.[1]

Distribuzione[modifica | modifica sorgente]

La miniserie è andata in onda in prima visione assoluta sul canale televisivo statunitense NBC il 4 febbraio 1996. Successivamente è stata mandata in onda nel Regno Unito su Channel 4 il 7 aprile 1996, in Germania il 24 maggio, in Portogallo il 16 luglio, in Francia il 25 dicembre, in Svezia tra il 29 e 30 dicembre e in Finlandia il 20 settembre 1998.[2] In Italia è stata trasmessa su Canale 5 tra il 24 e il 27 novembre 1996.[3]

Riconoscimenti[modifica | modifica sorgente]

La miniserie ha ricevuto numerosi premi e nomination tra il 1996 e il 1997, vincendo tra gli altri cinque Premi Emmy, un British Academy Television Awards e un Satellite Awards.[4]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Luoghi delle riprese per I viaggi di Gulliver. URL consultato il 26 settembre 2012.
  2. ^ Date di uscita per I viaggi di Gulliver. URL consultato il 26 settembre 2012.
  3. ^ Adnkronos, CANALE 5: I VIAGGI DI GULLIVER in adnkronos.com, 26 novembre 1996. URL consultato il 26 settembre 2012.
  4. ^ (EN) Awards for Gulliver's Travels. URL consultato il 27 settembre 2012.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione