Ma mère

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ma mère
Titolo originale Ma mère
Paese di produzione Francia, Portogallo, Austria, Spagna
Anno 2004
Durata 110 min
Colore colore
Audio sonoro
Rapporto 1,66 : 1
Genere drammatico, erotico
Regia Christophe Honoré
Soggetto Georges Bataille
Sceneggiatura Christophe Honoré
Casa di produzione Gemini Films
Fotografia Hélène Louvart
Montaggio Chantal Hymans
Interpreti e personaggi

Ma mère è un film del 2004, diretto dal regista Christophe Honoré. Girato a Gran Canaria, è basato sull'omonimo e controverso romanzo incompiuto di Georges Bataille, i cui toni vengono inaspriti nella sceneggiatura del regista. Il film fu rifiutato a Cannes ma accettato al Taormina Film Fest.[1]

Trama[modifica | modifica sorgente]

Pierre, che ha trascorso l'adolescenza con i nonni e non è ancora maggiorenne, raggiunge i genitori per le vacanze estive e si trova davanti a un matrimonio a pezzi, in cui padre e madre si odiano e si tradiscono reciprocamente. Il padre li lascia per tornarsene in Francia ma muore improvvisamente. La madre, Hélène, che per l'ingenuo ragazzo incarna la purezza profanata da un padre ripugnante, gli rivela una sessualità perversa e con l’aiuto dell’amante Réa lo trascina verso il sadomaso e l’incesto.

Analisi[modifica | modifica sorgente]

Il film, a giudizio della critica non completamente riuscito malgrado la buona prova attoriale della Huppert,[1] è complesso e ricco di discontinuità temporali. Il contrasto tra purezza e perversione si innesta su un rapporto madre-figlio in cui i temi edipici risultano esasperati, senza giungere ad una risoluzione vista la tendenza ad esibire più che a riflettere e il finale criptico.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b il film su mymovies.it

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]