Le affinità elettive (film)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Le affinità elettive
Titolo originale Le affinità elettive
Paese di produzione Italia, Francia
Anno 1996
Durata 98 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere drammatico
Regia Paolo e Vittorio Taviani
Soggetto Goethe, Le affinità elettive
Sceneggiatura Paolo e Vittorio Taviani
Produttore Jean-Claude Cecile, Grazia Volpi
Fotografia Giuseppe Lanci
Montaggio Roberto Perpignani
Musiche Carlo Crivelli
Scenografia Gianni Sbarra, Lorenzo d'Ambrosio
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani
Premi

Le affinità elettive è il quattordicesimo film diretto dai fratelli Taviani, tratto da Le affinità elettive di Goethe.

Prima coproduzione internazionale nella carriera dei fratelli Taviani e loro primo film senza la musica di Nicola Piovani dai tempi de La notte di San Lorenzo.

È stato presentato fuori concorso al 49º Festival di Cannes.[1]

Trama[modifica | modifica sorgente]

Dal romanzo (1809) di Johann Wolfgang von Goethe. Il matrimonio tra Edoardo e Carlotta s'incrina con l'arrivo al castello della giovane Ottilia, nipote di Carlotta, e di Ottone. Edoardo è attratto da Ottilia, Carlotta da Ottone. L'azione è trasferita dalla Germania alla Toscana di S. Miniato e Poggio a Caiano e spostata cronologicamente in era napoleonica (ma i ritocchi sono parecchi).

Premi[modifica | modifica sorgente]

Grolla d'oro per la produzione (Grazia Volpi).

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Official Selection 1996, festival-cannes.fr. URL consultato il 2 luglio 2011.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cinema