David O. Russell

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
David O. Russell nel 2014.

David Owen Russell (New York, 20 agosto 1958) è un regista e sceneggiatore statunitense.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nasce da padre ebreo russo e da madre italoamericana. I suoi nonni materni, Frank Muzio e Philomena Brancata, entrambi di origine lucana, provenivano rispettivamente da Craco e Ferrandina, comuni in provincia di Matera.[1]

Si diploma al Amherst College nel 1981, per poi laurearsi in scienze politiche e inglese. Dopo una serie di cortometraggi debutta nel 1994 con il film indipendente Spanking the Monkey. Il film, interpretato da Jeremy Davies e incentrato sulla relazione incestuosa tra uno studente e la madre depressa, è stato presentato al Sundance Film Festival.

Nel 1996 dirige Ben Stiller nella commedia Amori e disastri, specializzato in commedie dallo stile bizzarro e surreale, porta il suo stile anche nel film del 1999 Three Kings, che racconta di tre soldati durante la guerra del Golfo. Nel 2004, dopo aver partecipato come attore con un piccolo ruolo ne Il ladro di orchidee dell'amico Spike Jonze, dirige un ricco cast nella commedia I ♥ Huckabees. Ad ispirarlo per questo film è stato il suo ex professore della Columbia University Robert Thurman, padre dell'attrice Uma Thurman ed esperto del buddismo tibetano (ex-monaco buddista lui stesso).

Controversie[modifica | modifica sorgente]

Il regista è noto per il suo carattere particolare, che lo ha portato spesso a scontrarsi con i propri attori. Nel 1999 è stato protagonista di una scazzottata con George Clooney sul set di Three Kings, nel 2004 sul set di I ♥ Huckabees ha avuto discussioni con Dustin Hoffman ed ha avuto una feroce lite con l'attrice Lily Tomlin.

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

Regista[modifica | modifica sorgente]

Cortometraggi[modifica | modifica sorgente]

  • Bingo Inferno: A Parody on American Obsessions (1987)
  • Hairway to the Stars (1990)
  • Soldiers Pay (2004) - Documentario

Sceneggiatore[modifica | modifica sorgente]

Produttore[modifica | modifica sorgente]

Premi e candidature[modifica | modifica sorgente]

Premio Oscar[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Un pezzo di Matera corre per l'Oscar in lagazzettadelmezzogiorno.it. URL consultato il 21-03-2014.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 10048961 LCCN: n97077382