Warren Beatty

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Henry Warren Beaty noto come Warren Beatty (Richmond, 30 marzo 1937) è un attore, produttore cinematografico, sceneggiatore e regista statunitense, fratello minore di Shirley MacLaine. Nella sua carriera Beatty è stato nominato quattro volte all'Oscar come miglior attore, per Gangster Story, Il paradiso può attendere, Reds e Bugsy, senza mai aggiudicarsi il premio. Ha vinto come miglior regista per il film Reds e il Premio alla memoria Irving G. Thalberg nel 2000.[1]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Esordisce al cinema abbastanza giovane accanto a Natalie Wood nel film di Elia Kazan Splendore nell'erba (1961), considerato uno degli ultimi capolavori del regista. Nello stesso anno lavora con Vivien Leigh in La primavera romana della signora Stone (1961), continuando con E il vento disperse la nebbia (1962), Mickey One (1965), Gangster Story (1967) di Arthur Penn, in cui duetta con Faye Dunaway, L'unico gioco in città (1968) di George Stevens, con Liz Taylor, I compari (1971) di Robert Altman e Perché un assassinio (1974) di Alan J. Pakula.

Nello stesso anno recita in Due uomini e una dote (1974) di Mike Nichols, accanto a Jack Nicholson, il quale prenderà parte anche a Reds (1981), che varrà a Beatty la vincita di un Premio Oscar quale miglior regista. Sono molti i film a cui ha preso parte, i più famosi: Shampoo (1975), in Ishtar (1987), accanto a Dustin Hoffman e in Love Affair - Un grande amore (1994), in cui compare Katharine Hepburn. Si è autodiretto ne Il paradiso può attendere (1978), Dick Tracy (1990), con Madonna, James Caan e Al Pacino, e Bulworth - Il senatore (1998).

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

E' stato fidanzato con l'attrice Julie Christie dal 1967 al 1973.

Negli anni Sessanta ha avuto una relazione con Cher, mentre dal 1978 fino alla lavorazione del film Reds (1981) è stato fidanzato con la collega Diane Keaton. Prima e durante la lavorazione del film Dick Tracy si è legato a Madonna (di 21 anni più giovane), mentre dal 1992 è sposato con l'attrice Annette Bening (di 21 anni più giovane); la coppia ha 4 figli: Kathlyn (1992), Benjamin (1994), Isabel (1997) e Ella (2000).

È un sostenitore del Partito Democratico statunitense.[2]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Warren Beatty sul set di Dick Tracy (1990)

Attore[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Documentari[modifica | modifica wikitesto]

Regista[modifica | modifica wikitesto]

Sceneggiatore[modifica | modifica wikitesto]

Produttore[modifica | modifica wikitesto]

Premi e nomination[modifica | modifica wikitesto]

Premio Oscar[modifica | modifica wikitesto]

Golden Globe[modifica | modifica wikitesto]

Altri riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatori italiani[modifica | modifica wikitesto]

  • Cesare Barbetti in E il vento disperse la nebbia, L'unico gioco in città, Ishtar, Dick Tracy, Bugsy, Love Affair - Un grande amore, Bulworth - Il senatore
  • Pino Colizzi in Shampoo, Due uomini e una dote, Il paradiso può attendere, Reds
  • Nando Gazzolo in Splendore nell'erba, La primavera romana della signora Stone
  • Giancarlo Maestri in Gangster Story
  • Luigi La Monica in Amori in città... e tradimenti in campagna

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Quelli che non hanno mai vinto l’Oscar, ilpost.it, 20 febbraio 2015. URL consultato il 21 febbraio 2015.
  2. ^ (EN) Warren Beatty's Federal Campaign Contribution Report, newsmeat.com. URL consultato il 22 agosto 2007.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 84964967 · LCCN: n78029651 · GND: 118849980 · BNF: cb14659813h (data)