David Cronenberg

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
David Cronenberg

David Paul Cronenberg (Toronto, 15 marzo 1943) è un regista, sceneggiatore, attore, produttore cinematografico, direttore della fotografia e montatore canadese. È uno dei pochi esponenti nonché pioniere del genere cinematografico spesso indicato come body horror, che esplora il terrore dell'uomo di fronte alla mutazione del corpo, all'infezione e contaminazione della carne, intrecciando l'elemento psicologico della storia con quello fisico.[1]

Nella prima metà della sua carriera Cronenberg ha esplorato questi temi soprattutto attraverso l'horror e la fantascienza, sebbene i suoi lavori si siano successivamente spinti al di là di questi generi approdando anche al noir.[2]

Biografia[modifica | modifica sorgente]

David Cronenberg è nato a Toronto il 15 marzo 1943 da una famiglia ebraica politicamente progressista. Cronenberg si dichiara ateo: "Molte sono le cose che ci aiutano a evadere dalla realtà del corpo umano che per me, ateo che non crede a una vita ultraterrena e allo spirito che vive separatamente dal corpo, è un’evasione dalla realtà della condizione umana."[3] Si laurea in lettere all'Università di Toronto, e attraverso i suoi studi ha detto di aver trovato ispirazione per il suo cinema da letture filosofiche e dagli autori della Beat Generation, come William Burroughs e da altri come Vladimir Nabokov.

Dopo aver scritto una gran quantità di racconti fantascientifici, comincia a dedicarsi al cinema realizzando quattro cortometraggi ed i suoi primi due lungometraggi a bassa distribuzione: Stereo (1969) e Crimes of the future (1970). Nel 1975 scrive e dirige Il demone sotto la pelle, primo film ad avere una regolare distribuzione e ad essere portato anche in Italia. Attraverso tutto l'arco della sua carriera, il cinema di Cronenberg ha seguito una progressione definita, muovendo da tematiche sociali verso un'analisi dell'interiorità umana.

I suoi primi film si incentrano sulla modifica del corpo umano da parte di scienziati, e si risolvono in un'anarchia sociale (Il demone sotto la pelle, Rabid - Sete di sangue). Più avanti Cronenberg cominciò ad interessarsi all'angoscia interiore dei protagonisti frutto dello sconsiderato progresso della scienza (Brood - La covata malefica, Scanners, Videodrome). In un periodo più tardo lo scienziato stesso è trasformato dalla sua stessa arroganza nel film più famoso del regista, La mosca. Questo percorso culmina in Inseparabili, in cui due gemelli ginecologi condividono ogni cosa nella vita e si lasciano trascinare in una spirale di codipendenza e uso di droga. La successiva produzione di Cronenberg si rivolge maggiormente a temi psicologici come il contrasto fra realtà soggettiva e oggettiva: Il pasto nudo, dal romanzo di William Burroughs, sull'arte come esplorazione dei meandri mentali, in questo caso sotto l'effetto di allucinogeni; eXistenZ, sull'illusione, il gioco, il moltiplicarsi dei livelli di realtà; M. Butterfly, sull'amore impossibile e sul desiderio come elaborazione cerebrale; Spider; sul tormentato mistero della malattia psichica.

Cronenberg stesso ha detto che i suoi film dovrebbero essere visti dal "punto di vista della malattia", ovvero dal punto di vista del personaggio che, una volta entrato in contatto con il morbo, diventa simbolo della malattia stessa. Questa prospettiva, che assegna un punto di vista neutrale al morbo e non tenta di demonizzarlo, è illustrata chiaramente ne La mosca in cui il protagonista scopre di essersi geneticamente fuso con un insetto. Piuttosto che dire "La macchina del teletrasporto ha sbagliato", dice "La macchina del teletrasporto è diventata un fusore di geni": l'infezione e il disastro, nel cinema di Cronenberg, sono più agenti della trasformazione personale che problemi da risolvere. Allo stesso modo, in Crash (1996), persone che sono già state coinvolte in incidenti d'auto, ricercano nuovamente quest'esperienza vedendola come "un evento fertilizzante più che distruttivo". In questo senso a Cronenberg, autore filosofico, interessa esplorare le diverse possibilità percettive e le derive apparentemente patologiche derivanti dalla disfunzione del principio di realtà.

Escludendo La zona morta (1983) e La mosca, Cronenberg non ha mai lavorato con grandi budget, alla maniera hollywoodiana, sebbene non gli sia mancata la possibilità di farlo. Infatti, in un primo momento, era stato preso in considerazione da George Lucas come possibile regista de Il ritorno dello Jedi, ma egli stesso declinò l'offerta. Cronenberg lavorò anche per circa un anno ad una versione di Atto di forza ma, una volta comprese le "divergenze creative" con il produttore Dino De Laurentiis e con lo sceneggiatore Ronald Shusett, abbandonò il progetto; una versione differente dello stesso film venne realizzata da Paul Verhoeven. Alla fine degli anni novanta, Cronenberg venne annunciato come regista di un seguito del film di Verhoeven, Basic Instinct, ma anche questo andò a monte.

David Cronenberg al Festival di Cannes 2002.

A History of Violence (2005), interpretato da Viggo Mortensen, è uno dei suoi lavori a più alto budget. Cronenberg ha dichiarato che la decisione di dirigerlo era stata influenzata dalla necessità di finire di pagare alcuni stipendi per il suo precedente film Spider, ma è comunque stato uno dei suoi film più acclamati dalla critica. A settembre 2007, trionfa a Toronto con La promessa dell'assassino aggiudicandosi il premio dei fan. Il film rappresenta un'insolita incursione nel noir in cui Mortensen si conferma feticcio del nuovo corso intrapreso dal regista canadese. Tanto A History of Violence quanto La promessa dell'assassino si rivolgono a un pubblico più vasto. La qualità artistica di questi due nuovi film non è comunque inferiore rispetto a quella delle sue precedenti opere, un fatto confermato anche dalla critica internazionale.

Fin da Inseparabili del 1988, David Cronenberg ha sempre lavorato con il direttore della fotografia Peter Suschitzky. Ironicamente, Suschitzky ha diretto la fotografia de L'Impero colpisce ancora, di cui Cronenberg era stato invitato a girare il sequel. Cronenberg ha affermato più volte che il lavoro di Suschitzky in Episodio V lo ha reso il miglior film di fantascienza che abbia mai visto, e questo fu uno dei principali motivi per cui lo scelse come suo collaboratore in Inseparabili.

Cronenberg ha fatto anche alcune apparizioni in film di altri registi come attore. La maggior parte di queste apparizioni sono dei cameo, come in Tutto in una notte di John Landis e nella serie TV Alias. Ma occasionalmente ha anche recitato parti di maggior importanza, come in Cabal e Last Night. Non ha mai interpretato ruoli significativi nei suoi film, ma ha fatto una breve apparizione ne La mosca come uno dei ginecologi e può essere intravisto nella folla di "indemoniati" ne Il demone sotto la pelle.

Nel 2008 Cronenberg realizza due progetti extra-cinematografici: la mostra "Chromosomes" al Palazzo delle Esposizioni di Roma e l'opera "The Fly" a LaOpera di Los Angeles e al teatro Châtelet di Parigi.

Abbandonato il progetto di The Matarese Circle,[4], nel 2010 Cronenberg ha girato A Dangerous Method, che racconta la travagliata vicenda riguardante Sigmund Freud (Viggo Mortensen), K.G. Jung (Michael Fassbender) e l'affascinante paziente Sabina Spielrein (Keira Knightley). Nel 2012 sceneggia e dirige Cosmopolis, tratto dall'omonimo romanzo di Don DeLillo con protagonista Robert Pattinson e presentato in concorso al 65simo Festival di Cannes. Due anni dopo Cronenberg torna a Cannes presentando Maps To The Stars, film ambientato nel mondo hollywoodiano analizzandone i lati più controversi, con protagonisti Julianne Moore, John Cusack e sempre Pattinson.

La poetica[modifica | modifica sorgente]

Il fatto che Cronenberg si sia spesso definito "filosofo esistenzialista" fa pensare che al centro delle sue tematiche vi sia l'uomo, con le sue aspirazioni, le sue appendici animali e patologiche, il suo rapporto con gli altri e con la morte. Con uno stile tra i più sconvolgenti del panorama cinematografico (tanto che un cineasta navigato come Martin Scorsese si è detto perfino sorpreso di aver incontrato in lui una persona di grande serenità ed equilibrio, dopo essere rimasto tanto scosso dalla visione dei suoi film), partendo da una visione surreale del corpo, Cronenberg si è spinto verso tematiche metafisiche: in lui amore per il potere creativo dell'uomo e l'angoscia nichilista paiono combinarsi con risultati sempre stimolanti per lo spettatore.

Seppur a partire da Spider si sia sempre affidato a sceneggiature non scritte direttamente da lui, Cronenberg non ha mai rinunciato al proprio stile e alle proprie tematiche controverse, attirandosi gradualmente un'avversione dall'ambiente Hollywoodiano che ha sempre respinto e con cui, nei casi di produzioni importanti, ha sempre avuto molte discussioni.

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

Cortometraggi[modifica | modifica sorgente]

  • Transfer (1966)
  • From the Drain (1967)
  • Tourettes (1971)
  • Letter from Michelangelo (1971)
  • Jim Ritchie Sculptor (1971)
  • Winter Garden (1972)
  • Scarborough Bluffs (1972)
  • Lakeshore (1972)
  • In the Dirt (1972)
  • Fort York (1972)
  • Don Valley (1972)
  • The Victim, episodio della serie TV canadese Peep Show (1975)
  • The Lie Chair, episodio della serie TV canadese Peep Show (1975)
  • The Italian Machine (1976) - Film TV
  • Faith Healer, dodicesimo episodio della prima stagione di Venerdì 13 - La Serie (1987)
  • Camera (2000)
  • At the Suicide of the Last Jew in the World in the Last Cinema in the World, episodio di Chacun son cinéma (2007)

Lungometraggi[modifica | modifica sorgente]

Sceneggiatore[modifica | modifica sorgente]

Soggetto[modifica | modifica sorgente]

Attore[modifica | modifica sorgente]

Produttore[modifica | modifica sorgente]

Direttore della fotografia[modifica | modifica sorgente]

Montatore[modifica | modifica sorgente]

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Onorificenze canadesi[modifica | modifica sorgente]

Ufficiale dell'Ordine del Canada - nastrino per uniforme ordinaria Ufficiale dell'Ordine del Canada
«Regista di fama internazionale, David Cronenberg inizia da apprendista nel nascente cinema canadese degli anni 1970. Da allora, ha spinto le convenzioni cinematografiche e ha lasciato immagini indelebili. Il suo primo film indipendente, Shivers e Rabid, gli valse l'attenzione diffusa come uno dei registi più originali del genere horror. Crash, forse il suo film più controverso, ha suscitato una forte reazione da tutti gli spettatori, spingendo la giuria del Festival di Cannes per creare un premio speciale per l'audacia. Nel 1999 è diventato il primo canadese scelto per presiedere la giuria. Egli viene salutato come un regista audace e inimitabile e la sua statura all'interno della comunità internazionale cinematografica è indiscussa.»
— nominato il 10 ottobre 2002, investito il 20 febbraio 2004[5]

Onorificenze straniere[modifica | modifica sorgente]

Cavaliere dell'Ordine della Legion d'Onore (Francia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine della Legion d'Onore (Francia)
— 2012[6]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ David Cronenberg | MYmovies
  2. ^ David Cronenberg - Biography - IMDb
  3. ^ Intervista a MicroMega, n.06/2010
  4. ^ The Talking Cure è il nuovo film di Cronenberg | Viva Cinema
  5. ^ (EN) Sito web del Governatore Generale del Canada: dettaglio decorato.
  6. ^ (EN) Cavaliere dell'Ordine della Legion d'Onore, NOME SITO UFFICIALE. URL consultato il 3 marzo 2012.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 97752099 LCCN: n83327625