Robert Bresson

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Robert Bresson

Robert Bresson (Bromont-Lamothe, 25 settembre 1901Parigi, 18 dicembre 1999) è stato un regista, sceneggiatore e soggettista francese. Riconosciuto maestro del minimalismo, è stato una delle personalità cinematografiche più importanti nella storia del cinema francese e internazionale. Tra le sue opere significative meritano di essere ricordate: Diario di un ladro (Pickpocket), Au Hasard Balthazar, Mouchette e Un condannato a morte è fuggito. Nel 1989 ha ricevuto il Leone d'oro alla carriera alla Mostra del cinema di Venezia.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Bresson inizia la sua carriera come pittore e fotografo. Realizza il suo primo film, il mediometraggio Les affaires publiques nel 1934. Il film, che non uscirà mai nelle sale, racconta tre giornate di un dittatore immaginario in un linguaggio definito dall'autore stesso burlesque. Delle poche copie stampate, per lungo tempo ritenute perse per sempre, una sola è stata recuperata ed è custodita a Parigi presso la Cinémathèque française.

Durante la Seconda guerra mondiale, Bresson trascorre oltre un anno come prigioniero di guerra e si servirà di questa sua esperienza anni dopo, nel girare Un condannato a morte è fuggito.

Nel 1943, nella Francia di Pétain e dell'occupazione tedesca, esce il suo primo lungometraggio, La conversa di Belfort (Les Anges du péché), basato sul soggetto di un padre domenicano, con dialoghi scritti da Jean Giraudoux. Il film descrive la vita in una congregazione di religiose in cui il male convive con il bene, ossia un convento in cui le suore riabilitanti accolgono "peccatrici" che si confondono sotto lo stesso abito.

Per il suo progetto successivo, Perfidia (Les dames du Bois de Boulogne) del 1945, Bresson si serve di un lungo dialogo-racconto tratto da Jacques il fatalista e il suo padrone di Denis Diderot, sfrondandolo di ogni complicazione romanzesca e di molte figure di sfondo. Pur impreziosito dai dialoghi di Jean Cocteau e dalla presenza di Maria Casarès, brillante e famosa attrice di teatro nel ruolo della protagonista, il film è un clamoroso fallimento commerciale e viene ritirato dopo pochissimi giorni dalle sale di prima visione.

Nel 1951 esce Il diario di un curato di campagna (Le Journal d'un curé de campagne), tratto dall'omonimo romanzo di Georges Bernanos e considerato dalla critica il film della svolta spirituale, il primo in cui il regista esprime pienamente il suo stile austero, privo di melodrammaticità e di ogni psicologismo letterario.

Il 1956 è l'anno del suo film più noto, Un condannato a morte è fuggito (Un condamné à mort s'est échappé ou Le vent souffle où il veut). Tratto da un racconto autobiografico di André Devigny comparso su Le Figaro Littéraire del 20 dicembre 1954, poi ripreso e ampliato su volume, il film viene girato con scarsissimi mezzi e si concentra su pochi, essenziali oggetti e luoghi diventando una delle testimonianze più asciutte ed essenziali sulla Resistenza francese. L'anno successivo vince il premio per la miglior regia al Festival di Cannes e viene favorevolmente accolto da pubblico e critica.

Nonostante il titolo, che farebbe pensare a un poliziesco, il successivo Diario di un ladro (Pickpocket) (1959) è un film psicologico e riprende, in chiave spirituale, il tema della redenzione di Delitto e castigo. Nel 1962, Bresson gira Processo di Giovanna d'Arco (Procès de Jeanne d'Arc), forse il suo film più difficile, in cui l'essenzialità è spinta al massimo. Più importante, nella sua carriera, il successivo Au hasard Balthazar (1966), una parabola sulla vita e la morte di un asino che diventa una riflessione sul male e sulle sue influenze sulla vita degli uomini.

Mouchette - Tutta la vita in una notte del 1967, nuovamente tratto da un romanzo di Bernanos, è anch'esso una cupa riflessione sul male attraverso la storia del suicidio di una giovane donna.

Così bella, così dolce (1969) descrive ancora il suicidio di una giovane donna, e, in flashback, la storia della sua vita di coppia della piccola borghesia parigina. Per la prima volta Bresson in questo film fa uso del colore, e per la prima volta compare sullo schermo la giovane e bella Dominique Sanda, una delle pochissime interpreti bressoniane che avranno in seguito una carriera come attrici professioniste. Il film è tratto da La mite, un racconto di Dostoevskij, così come il successivo Quattro notti di un sognatore, tratto dallo stesso Le notti bianche di cui Luchino Visconti si era servito per il suo omonimo lavoro del 1957.

Nel 1974 arriva Lancillotto e Ginevra, film dal budget importante e unico lavoro "storico" di Bresson, se si eccettua il Processo di Giovanna d'Arco. Lo stile asciutto del regista evita di soffermarsi sui costumi e sulle scenografie della ricostruzione storica, filmando i personaggi come se si muovessero su uno scenario dei nostri giorni.

Il diavolo probabilmente, controverso film del 1977, offre uno spaccato pessimista sulla gioventù dell'epoca attraverso considerazioni sul marxismo, l'ecologia e la sessualità.

L'Argent, ultimo film del regista, è del 1983. Ispirato a un racconto di Tolstoj, partecipa al Festival di Cannes vincendo il Grand Prix du cinéma de création.

Stile[modifica | modifica sorgente]

Nel 1976, Bresson pubblica Notes sur le Cinématographe, una sorta di manifesto del suo cinema nel quale differenzia il cinematografo dal cinema: mentre un film è solo "teatro filmato", il cinematografo è il tentativo di creare un nuovo linguaggio di immagini e suoni attraverso il montaggio.

Quello che colpisce di più nel cinema di Bresson è l'apparente assenza di recitazione. Bresson sosteneva che nei film ci fosse una convenzione riguardo a cosa lo spettatore dovesse sentire e pensare, sottolineato da effetti come la musica, il montaggio e la recitazione; e che, di conseguenza, riducendo questi codici al minimo, si potevano ottenere delle risposte emotive più dirette da parte degli spettatori.

Nel cinema tradizionale era l'attore, attraverso la sua recitazione e le espressioni facciali, a trasmettere allo spettatore le sue emozioni. Con il cinema di Bresson è lo spettatore stesso a dover indovinare gli stati d'animo dei protagonisti a seconda del contesto in cui essi si trovano. Bresson era solito ingaggiare persone comuni e girare scena dopo scena fino a quando la recitazione spariva del tutto. Agli attori chiedeva semplicemente di "dire" le battute e compiere le azioni richieste.

Filmografia (come regista)[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Robert Bresson, Note sul cinematografo (Notes sur le Cinématographe), Gallimard, Parigi 1975; trad. it. di Ginevra Bompiani, Marsilio, Venezia 1986 - ISBN 8831748963
  • Giorgio Tinazzi, Il cinema di Robert Bresson, Marsilio, Venezia, 1979 - ISBN 8831750844
  • Giovanni Spagnoletti, Sergio Toffetti (a cura di), Il caso e la necessità. Il cinema di Robert Bresson - Lindau, Torino, 1998 - ISBN 8871802330
  • Luciano De Giusti (a cura di), La bellezza e lo sguardo. Il cinematografo di Robert Bresson, Il Castoro, Milano 2000 - ISBN 8880331914
  • Manlio Piva, L'inquadratura sonora. Immagine e suono in Robert Bresson, Esedra, 2004 - ISBN 8886413866
  • Adelio Ferrero, Nuccio Lodato, Robert Bresson, Il Castoro Cinema n. 25, Editrice Il Castoro, 2004, ISBN 8880332783
  • Alessio Scarlato, Robert Bresson. La meccanica della grazia, Ente dello Spettacolo, 2006 - ISBN 8885095313

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 100256742 LCCN: n50044288