Jean Giraudoux

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jean Giraudoux nel 1927
« La principale difficoltà con le donne oneste non è sedurle, è portarle in un luogo chiuso. La loro virtù è fatta di porte semiaperte »

Jean Giraudoux (Bellac, 29 ottobre 1882Parigi, 31 gennaio 1944) è stato uno scrittore e commediografo francese.

Esordisce con romanzi brevi e racconti: Le provinciali (Les provinciales, 1909), Susanna e il Pacifico (Suzanne et le Pacifique, 1921), Bella (1926), Eglantine (1927).

Dopo aver incontrato Louis Jouvet, scrive soprattutto testi teatrali: Siegfried (1928), Amphitryon 38 (1929), Judith (1931), Intermezzo (1933), La guerra di Troia non si farà (La guerre de Troie n'aura pas lieu, 1935), Electre (1937), Ondine (1939), Sodome e Gomorrhe (1948). Postumi sono apparsi i drammi La pazza di Chaillot (La folle de Chaillot, 1945), Per Lucrezia (Pour Lucrèce, 1953) e il romanzo La bugiarda (La menteuse, 1969).

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 2470938 LCCN: n80045868