Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Sean Penn

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Sean Justin Penn (Santa Monica, 17 agosto 1960) è un attore, regista, produttore cinematografico e sceneggiatore statunitense.

Per cinque volte nominato all'Oscar come miglior attore, ha vinto per due volte. Interprete camaleontico, è famoso per le partecipazioni a celebri film tra i quali Carlito's Way, Dead Man Walking - Condannato a morte, La sottile linea rossa, Mystic River (premio Oscar al miglior attore protagonista nel 2004), 21 grammi e Milk (premio Oscar al miglior attore protagonista nel 2009) e per la regia, produzione e sceneggiatura del pluripremiato Into the Wild - Nelle terre selvagge.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nasce nella contea di Los Angeles, California, dal regista e attore Leo Penn e dall'attrice Eileen Ryan (nata Annucci). I nonni paterni erano ebrei immigrati dalla Russia e dalla Lituania.[1] Ha origini spagnole da parte del padre, infatti il vero cognome del nonno paterno era Piñon. La madre Eileen invece è cattolica, di origini irlandesi ed italiane. Ha due fratelli Michael (1958, musicista) e Chris (1965-2006, attore). Penn frequentò la Santa Monica High School, e cominciò a girare i suoi primi cortometraggi con alcuni dei suoi amici d'infanzia, tra cui gli attori Emilio Estevez e Charlie Sheen, che vivevano nei pressi della sua casa.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Il suo debutto come attore avviene nel 1974 in un episodio della serie La casa nella prateria, mentre il suo debutto cinematografico risale al 1981 con Taps - Squilli di rivolta; in seguito si specializza nel ruolo del giovane violento e ribelle, prima in Bad Boys (1983), crudo melodramma ambientato in un riformatorio, poi nell'interessante A distanza ravvicinata (1986), storia vera di un ragazzo succube di un padre delinquente.

Dopo alcune prove nelle commedie Shanghai Surprise (1986) e Non siamo angeli (1989), dove recita rispettivamente con la sua ex moglie Madonna e il suo amico Robert De Niro, interpreta un avvocato cinico e corrotto nel gangster-movie Carlito's Way (1993) di Brian De Palma accanto ad Al Pacino.

Nel 1991 debutta nella regia con un film ambizioso Lupo solitario, affresco disperato della provincia americana. Ambiziosa ma più deludente la sua seconda regia, Tre giorni per la verità (1996), storia di un padre che si vendica dell'assassino del figlio. Nel 1996 è stato il protagonista del discusso Dead Man Walking - Condannato a morte di Tim Robbins grazie al quale ottiene l'Orso d'argento per il miglior attore al Festival di Berlino ed una nomination come miglior attore protagonista agli Oscar; nel 1997 ha interpretato She's So Lovely - Così carina di Nick Cassavetes (premio per la miglior interpretazione maschile al Festival di Cannes),[2] U Turn - Inversione di marcia e The Game - Nessuna regola.

Premiato nel 1998 come miglior attore al Festival di Venezia per Bugie, baci, bambole & bastardi, nello stesso anno è stato tra i protagonisti di La sottile linea rossa di Terrence Malick. Woody Allen l'ha voluto interprete del chitarrista geniale e squinternato di Accordi e disaccordi. Considerevole anche la sua partecipazione nell'enigmatico e affascinante Il mistero dell'acqua di Kathryn Bigelow. Nel 2001 ha ottenuto la nomination all'Oscar quale miglior attore per la sua interpretazione di un padre ritardato in Mi chiamo Sam di Jessie Nelson.

Dopo anni difficili, ha saputo costruirsi una seconda carriera di regista molto serio, con film crudi, sinceri, carichi di dolore e fieramente indipendenti (al su citato Lupo solitario, seguono dopo dieci anni Tre giorni per la verità, La promessa, più un episodio in 11 settembre 2001). Nel 2002 dirige il videoclip di Peter Gabriel The Barry Williams Show.

La sua straordinaria intensità drammatica ha lasciato un segno indelebile nel 2003. È suo il ruolo dell'ex delinquente, ora buon padre di famiglia, la cui vita viene sconvolta dall'assassinio della figlia in Mystic River, di Clint Eastwood, per la cui interpretazione vince l'Oscar come miglior attore protagonista nel 2004 oltre al Golden Globe; e anche del professore malato terminale in 21 grammi.

Ha girato The Assassination, la storia vera del tentativo (sventato) di Samuel Byck, un modesto negoziante di Cincinnati, di far schiantare un piccolo aereo sulla Casa Bianca allo scopo di uccidere il presidente Nixon. Ha recitato anche con Nicole Kidman in The Interpreter, girato nel Palazzo di Vetro dell'ONU messo a disposizione da Kofi Annan.

Nel 2007 torna dietro la macchina da presa per dirigere l'intensa storia di Christopher McCandless in Into the Wild - Nelle terre selvagge, attualmente il maggior film di successo del regista. Penn ha dovuto attendere oltre dieci anni per ottenere i diritti dall'autore del libro, da cui è tratto il film, Jon Krakauer, e poter realizzare questo film. Nel maggio del 2008 è presidente della giuria del Festival di Cannes.

Il 22 febbraio 2009 vince il suo secondo Oscar per la performance nel film Milk, dove interpretata Harvey Milk, paladino dei diritti gay assassinato nel 1978. Entra così a far parte della ristretta cerchia (Spencer Tracy, Gary Cooper, Fredric March, Marlon Brando, Dustin Hoffman, Jack Nicholson, Tom Hanks, Daniel Day-Lewis) degli attori che hanno ottenuto due Oscar per il miglior attore protagonista.

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Penn è stato fidanzato con l'attrice Elizabeth McGovern, la sua co-protagonista nel film In gara con la luna del 1984. Nell'agosto del 1985, la vita personale di Penn cominciò ad attirare l'attenzione dei media dopo il suo primo matrimonio con la cantante Madonna, in una cerimonia a Malibù. I due recitarono insieme in Shanghai Surprise, e Madonna gli dedicò il suo terzo album intitolato True Blue, dove definisce l'attore californiano come "il ragazzo più cool dell'universo".[3] La relazione è stata segnata anche da violente reazioni contro la stampa, tra cui un incidente nel quale Penn fu arrestato per aver aggredito un fotografo su un set cinematografico.[4] Per quest'episodio, l'attore fu condannato a 60 giorni di carcere a metà del 1987, scontandone 33.[4] Più tardi Penn fu anche accusato di violenza domestica.[4] Nel gennaio 1989 i due firmano le carte per il divorzio[5][6].

Nel 1996 sposa l'attrice Robin Wright, da cui aveva avuto due figli: Dylan Frances (1991) e Hopper Jack (1993). Alla fine del 2007, la coppia annuncia la separazione. Penn e la moglie si riconciliano brevemente un paio di volte[7], per poi annunciare il divorzio definitivo il 28 luglio 2010[8][9].

Dalla fine del 2013 è legato all'attrice Charlize Theron.[10][11]

Era amico di Charles Bukowski[12]. Il cantautore britannico Lloyd Cole gli ha dedicato la canzone "Sean Penn Blues", contenuta nell'album Mainstream del 1987[13][14].

Attivismo[modifica | modifica wikitesto]

Sean Penn è contrario alla guerra in Iraq e ha anche prodotto un film-documentario al riguardo intitolato War made Easy[15]. Non ha mai nascosto il suo disaccordo per le scelte dell'allora Presidente George W. Bush e il suo supporto per il Presidente Barack Obama[16][17].

È sostenitore dei diritti gay e favorevole al matrimonio tra persone dello stesso sesso, infatti è protagonista nel 2008 del film Milk per cui vince l'Oscar. Durante il discorso d'accettazione del premio dichiara[18][19]:

« Credo che sia giunto il momento per chi ha votato contro i matrimoni gay di sedersi e riflettere, e di cominciare a provare la propria vergogna e quella che ci sarà negli occhi dei propri nipoti se continua su questa strada. Dobbiamo avere gli stessi diritti per tutti »

In risposta a chi manifestava contro le unioni omosessuali e indirizzava insulti all'attore Heath Ledger (per il suo ruolo nel film I segreti di Brokeback Mountain) al di fuori del Kodak Theatre, in cui si svolge la cerimonia degli Oscar, dice[20][21]:

« Fa tristezza perché dimostrano la vigliaccheria emotiva di chi ha paura di accordare a un altro uomo i diritti che vorrebbe per sé »

Nel 2012 ha sostenuto la campagna elettorale del presidente del Venezuela Hugo Chávez.[22]

Controversie[modifica | modifica wikitesto]

Durante la presentazione di Penn agli Oscar del 2015 per il miglior film, l'attore californiano disse: "Chi ha dato a questo figlio di puttana la green card?" prima di presentare Alejandro González Iñárritu per Birdman. La frase venne ritenuta da alcune persone profondamente razzista nei confronti dei latino americani in primis, e offensivo anche per tutti coloro che tentano di emigrare legalmente negli Stati Uniti. Tuttavia Iñarritu affermò che si trattava solamente di uno scherzo tra lui e Penn, che avevano già lavorato insieme in 21 grammi, e definì la battuta dell'amico "esilarante". Lo stesso Penn affermò di non voler assolutamente chiedere scusa a nessuno, definendo stupidi coloro che non hanno colto l'ironia del commento.[23]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Attore[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Documentari[modifica | modifica wikitesto]

Videoclip[modifica | modifica wikitesto]

Regista[modifica | modifica wikitesto]

Sceneggiatore[modifica | modifica wikitesto]

Produttore[modifica | modifica wikitesto]

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

 Premio Oscar[modifica | modifica wikitesto]

Premio Golden Globe[modifica | modifica wikitesto]

Altri premi[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatori italiani[modifica | modifica wikitesto]

Nelle versioni in italiano dei suoi film, Sean Penn è stato doppiato da:

  • Massimo Rossi in Bad Boys, Il gioco del falco, A distanza ravvicinata, Shanghai Surprise, Colors - Colori di guerra, Stato di grazia, Carlito's Way, Dead Man Walking - Condannato a morte, She's so lovely - Così carina, The Game - Nessuna regola, La sottile linea rossa, Bugie, baci, bambole & bastardi, Accordi e disaccordi, Una notte per decidere, Il mistero dell'acqua, Mi chiamo Sam, Essere John Malkovich, Mystic River, 21 grammi, The Assassination, Dogtown and Z-Boys, The Interpreter, Tutti gli uomini del re, Iconoclast, Disastro a Hollywood, Milk, Fair Game - Caccia alla spia, The Tree of Life, This Must Be the Place, Gangster Squad, I sogni segreti di Walter Mitty, The Gunman
  • Francesco Pannofino in Fuori di testa, Non siamo angeli, Vittime di guerra, Due uomini e mezzo
  • Marco Mete in U Turn - Inversione di marcia e Friends
  • Sandro Acerbo in In gara con la luna
  • Giorgio Bonino in Piscine - Incontri a Beverly Hills
  • Francesco Vairano in Berlino - Opzione zero
  • Tonino Accolla in Taps - Squilli di rivolta
  • Luigi Ferraro in Prima che sia notte
  • Loris Loddi in Le forze del destino

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Sean Penn Genealogy..
  2. ^ (EN) Awards 1997, festival-cannes.fr. URL consultato il 2 luglio 2011.
  3. ^ Madonna's love history.
  4. ^ a b c Love story: Sean Penn & Madonna.
  5. ^ Sean Penn senza peli sulla lingua "Madonna? Sono stati anni inutili" - Gossip - L'Unione Sarda
  6. ^ Vogliamo la favola: Sean Penn e Madonna
  7. ^ Sean Penn pessimo uomo di casa- Film.it
  8. ^ Dopo tanti ripensamenti Sean Penn e Robin Wright hanno divorziato | Blitz quotidiano
  9. ^ La scheda di Robin Wright. Biografia e filmografia - Trovacinema
  10. ^ (EN) He's really part of the family! Sean Penn carries Charlize Theron's son Jackson as the three go for lunch together in Malibu, dailymail.co.uk. URL consultato il 210 febbraio 2014.
  11. ^ Charlize Theron e Sean Penn, è nata una coppia, vanityfair.it. URL consultato il 210 febbraio 2014.
  12. ^ Charles Bukowski
  13. ^ Mainstream
  14. ^ The History of Rock Music. Lloyd Cole: biography, discography, reviews, links
  15. ^ Sean Penn contro la guerra in Iraq.
  16. ^ Sean Penn al Festival di Cannes.
  17. ^ Chi sostiene Chi.
  18. ^ Discorsi da Oscar.
  19. ^ Il discorso di Sean Penn.
  20. ^ Sean Penn defends gay rights as protesters abuse Heath Ledger.
  21. ^ Sean Penn winning Best Actor for "Milk".
  22. ^ Venezuela:Chavez show con chitarra a Sean Penn.
  23. ^ Sean Penn: "Non devo chiedere scusa per la mia battuta agli Oscar"..

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Oscar al miglior attore Successore
Adrien Brody
per Il pianista
2004
per Mystic River
Jamie Foxx
per Ray
I
Daniel Day-Lewis
per Il petroliere
2009
per Milk
Jeff Bridges
per Crazy Heart
II
Controllo di autorità VIAF: (EN85420054 · LCCN: (ENn88034911 · ISNI: (EN0000 0001 2142 111X · GND: (DE129660833 · BNF: (FRcb13943024p (data)