American Life (singolo)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
American Life
Americanlaif.png
Screenshot del video
Artista Madonna
Tipo album Singolo
Pubblicazione 27 marzo 2003
Durata 4 min : 57 s
Album di provenienza American Life
Dischi 1
Tracce 3
Genere Electro
Pop rock
Etichetta Warner Bros.
Produttore Madonna e Mirwais Ahmadzaï
Registrazione 2002
Certificazioni
Dischi d'argento Francia Francia[1]
(Vendite: 190.000+)
Dischi d'oro Australia Australia[2]
(Vendite: 35.000+)
Madonna - cronologia
Singolo precedente
(2002)
Singolo successivo
(2003)
Logo
Logo del disco American Life

American Life è una canzone di Madonna, pubblicata nel 2003. È stato il primo singolo estratto dall'album omonimo.

La canzone[modifica | modifica wikitesto]

Nella canzone Madonna celebra il famoso "sogno americano" e si cimenta in un rap in cui parla della sua vita lussuosa in cui dichiara: "Non sono né cristiana né ebrea" smentendo le voci secondo le quali, essendo diventata una seguace della Kabbalah, sarebbe diventata ebrea.

Il brano, scritto e prodotto da Madonna e Mirwais Ahmadzaï, è stato pubblicato in una nuova versione sull'EP Remixed & Revisited uscito nel 2003.

Il singolo[modifica | modifica wikitesto]

L'uscita del singolo American Life ha anticipato di un mese quella dell'album. È arrivato al numero 1 in tre paesi, tra cui l'Italia, e ha raggiunto la seconda posizione nel Regno Unito. Come B-side è stata scelta Die Another Day in varie remix, a differenza della versione del singolo. La copertina del singolo, così come quella dell'album, raffigura Madonna in versione Che Guevara.

Critica[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2004, la rivista Blender ha stilato American Life al nono gradino delle 50 canzoni più brutte di sempre, affermando che Madonna "rivisita l'era di Material Girl con una satira al consumismo e al vuoto spirituale... a cui si accompagna il rap più disarmante mai registrato. Nervoso e discontinuo, fa sembrare Debbie Harry calma come Jay-Z. Il momento peggiore arriva quando "dopo il rap, Madonna canta 'niente è come sembra', in una maniera prosciugata di qualsiasi sincerità".[3] Stylus Magazine ha sostenuto che "quando una delle donne più ricche al mondo si lamenta del consumismo e della crisi di valori del mondo dello spettacolo... sembra ipocrita anziché perspicace; si scaglia contro la vita che essa stessa conduce".[4]

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

CD singolo promozionale (The Remixes) (UK)


  1. American Life (Missy Elliott's American Dream Remix) – 4:49
  2. American Life (Oakenfold Downtempo Remix) – 5:32
  3. American Life (Felix Da Housecat's Devin Dazzle Club Mix) – 6:10
  4. American Life (Peter Rauhofer's American Anthem) – 10:41 – (Part I)
  5. American Life (Peter Rauhofer's American Anthem) – 9:06 – (Part II)
  6. Day Another Day (Richard Humpty Vission Electrofried Mix) – 6:01
Maxi-singolo 1 (UK)
  1. American Life (Radio Edit) – 4:27
  2. American Life (Missy Elliott's American Dream Remix) – 4:49
  3. American Life (Peter Rauhofer's American Anthem) – 10:41 – (Part I)
Maxi-singolo 2 (UK)
  1. American Life (Radio Edit) – 4:27
  2. American Life (Oakenfold Downtempo Remix) – 5:32
  3. American Life (Felix Da Housecat's Devin Dazzle Club Mix) – 6:10
Vinile 2 x 12'' (UK)
Lato A
  1. American Life (Missy Elliott's American Dream Remix) – 4:49
  2. American Life (Oakenfold Downtempo Remix) – 5:32
Lato B
  1. American Life (Peter Rauhofer's American Anthem) – 10:41 – (Part I)
Lato C
  1. American Life (Felix Da Housecat's Devin Dazzle Club Mix) – 6:10
  2. Die Another Day (Calderone & Quayle Afterlife Mix) – 8:52
Lato D
  1. American Life (Peter Rauhofer's American Anthem) – 9:06 – (Part II)
CD singolo (US)
  1. American Life (Edit con rap) – 4:27
  2. Die Another Day (Calderone & Quayle Afterlife Mix) – 8:52

Il video[modifica | modifica wikitesto]

Prima versione[modifica | modifica wikitesto]

Il video musicale di American Life è ambientato durante un'ironica sfilata di moda in cui i modelli sono vestiti da soldato ed include scene violente di guerre, esplosioni e morti. Nel finale del video Madonna fa irruzione alla sfilata vestita da soldato e lancia una bomba a mano che viene raccolta dal presidente George W. Bush, il quale la usa per accendersi un sigaro. Il messaggio che la popstar tenta di lanciare mediante queste crude immagini è, come lei stessa a suo tempo ha dichiarato, un messaggio contro le stragi nel mondo e soprattutto un invito alla pace, unica ed utopica soluzione grazie alla quale sarà possibile evitare tutte le cruente vicende che stanno sporcando il nostro secolo. Pochi giorni prima dell'uscita, tuttavia, il video viene ritirato in segno di rispetto verso i soldati che si trovano in missione militare in Iraq. Nonostante ciò, questa versione viene pubblicata due anni più tardi all'uscita prevista, ovvero il 22 aprile 2005.

Seconda versione[modifica | modifica wikitesto]

Il video di American Life viene sostituito da uno più semplice in cui Madonna appare in un costante primo piano, dove sullo sfondo si succedono in sequenza tutte le bandiere del mondo.

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (2003) Posizione
massima
Australia[5] 7
Austria[6] 7
Belgio (Fiandre)[7] 10
Belgio (Vallonia)[8] 12
Canada[9] 1
Danimarca[10] 1
Finlandia[11] 3
Francia[12] 10
Germania[13] 10
Irlanda[14] 7
Italia[15] 1
Norvegia[16] 9
Nuova Zelanda[17] 33
Paesi Bassi[18] 4
Regno Unito[19] 2
Spagna[20] 2
Stati Uniti[21] 37
Stati Uniti (Dance)[22] 1
Svezia[23] 3
Svizzera[24] 1

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (FR) Les Certifications - Madonna, InfoDisc. URL consultato il 20 aprile 2012.
  2. ^ ARIA Charts - Accreditations - 2003 Singles
  3. ^ [1] [collegamento interrotto]
  4. ^ Madonna – American Life – Review – Stylus Magazine, Stylusmagazine.com. URL consultato il 12 maggio 2012.
  5. ^ Andamento di American Life nella classifica dell'Australia. URL consultato il 6 giugno 2012.
  6. ^ Andamento di American Life nella classifica dell'Austria. URL consultato il 6 giugno 2012.
  7. ^ Andamento di American Life nella classifica del Belgio (Fiandre). URL consultato il 6 giugno 2012.
  8. ^ Andamento di American Life nella classifica del Belgio (Vallonia). URL consultato il 6 giugno 2012.
  9. ^ Andamento di American Life nella classifica del Canada.
  10. ^ Andamento di American Life nella classifica della Danimarca. URL consultato il 6 giugno 2012.
  11. ^ Andamento di American Life nella classifica della Finlandia. URL consultato il 6 giugno 2012.
  12. ^ Andamento di American Life nella classifica della Francia. URL consultato il 6 giugno 2012.
  13. ^ Andamento di American Life nella classifica della Germania. URL consultato il 6 giugno 2012.
  14. ^ Andamento di American Life nella classifica dell'Irlanda. URL consultato il 6 giugno 2012.
  15. ^ Andamento di American Life nella classifica dell'Italia. URL consultato il 6 giugno 2012.
  16. ^ Andamento di American Life nella classifica della Norvegia. URL consultato il 6 giugno 2012.
  17. ^ Andamento di American Life nella classifica della Nuova Zelanda. URL consultato il 6 giugno 2012.
  18. ^ Andamento di American Life nella classifica dei Paesi Bassi. URL consultato il 6 giugno 2012.
  19. ^ Andamento di American Life nella classifica della Spagna. URL consultato il 26 gennaio 2012.
  20. ^ Andamento di American Life nella classifica della Spagna. URL consultato il 26 gennaio 2012.
  21. ^ Andamento di American Life nella classifica degli Stati Uniti. URL consultato il 6 giugno 2012.
  22. ^ Andamento di American Life nella classifica degli Stati Uniti (Dance). URL consultato il 6 giugno 2012.
  23. ^ Andamento di American Life nella classifica della Svezia. URL consultato il 6 giugno 2012.
  24. ^ Andamento di American Life nella classifica della Svizzera. URL consultato il 6 giugno 2012.
Madonna Portale Madonna: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Madonna