Terzomondismo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ahmed Ben Bella, Gamal Abd el-Nasser e Habib Bourguiba (leader rispettivamente di Algeria, Egitto e Tunisia) furono tre importanti figure del terzomondismo

Il terzomondismo è una dottrina politica secondo la quale il sottosviluppo dei paesi del terzo mondo è un prodotto del colonialismo occidentale e delle sue seguenti derivazioni.

Secondo questa idea, le antiche potenze coloniali sarebbero responsabili della povertà delle loro antiche colonie, nella misura in cui lo sfruttamento intensivo delle ricchezze e risorse naturali di queste ultime, non sarebbe servito a creare maggiore benessere e sviluppo nelle regioni occupate, ma avrebbe procurato benefici solo alle stesse nazioni colonizzatrici.

Gli abusi dei colonizzatori, che adattarono la geografia politica ed economica ai propri interessi, favorirono le monocolture, prosciugarono le risorse naturali e provocarono seri problemi demografici, avrebbero impedito ai popoli colonizzati di trovare una propria via allo sviluppo. Il terzomondismo denuncia, inoltre, il neocolonialismo praticato dalle vecchie potenze e da altri paesi come gli Stati Uniti, l' Inghilterra, la Francia, il vecchio Impero Giapponese e l'Italia fascista che accusavano di proseguire lo sfruttamento del terzo mondo sia con strumenti economici (i monopoli delle multinazionali, il debito estero), che politici (appoggio militare e politico a regimi dittatoriali).

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Neocolonialismo

economia Portale Economia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di economia