Il petroliere

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il petroliere
Petroliere-DayLewis.png
Daniel Plainview (Daniel Day-Lewis) in una scena del film
Titolo originale There Will Be Blood
Paese di produzione USA
Anno 2007
Durata 158 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere drammatico
Regia Paul Thomas Anderson
Soggetto Upton Sinclair (romanzo Petrolio!)
Sceneggiatura Paul Thomas Anderson
Produttore Paul Thomas Anderson, Daniel Lupi, JoAnne Sellar
Produttore esecutivo Scott Rudin, Eric Schlosser, David Williams
Casa di produzione Paramount Vantage
Fotografia Robert Elswit
Montaggio Dylan Tichenor
Musiche Jonny Greenwood
Scenografia Jack Fisk
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Il petroliere (There Will Be Blood) è un film del 2007 diretto da Paul Thomas Anderson, liberamente tratto dal romanzo Petrolio! di Upton Sinclair.

Ambientato in California nei primi anni del Novecento, l'attore protagonista (Daniel Day-Lewis) impersona un minatore texano che diviene un potente petroliere.

Il film è dedicato alla memoria di Robert Altman[1].

Trama[modifica | modifica sorgente]

Nel 1898 il cercatore d'argento Daniel Plainview accidentalmente scopre un giacimento di petrolio in una delle sue miniere. In poco tempo guadagna abbastanza soldi da poter mettere in piedi una sua piccola compagnia di estrazione. Uno dei suoi lavoratori rimane ucciso in un incidente sul lavoro e Plainview prende con sé il figlio rimasto orfano facendolo passare per suo e affermando che la moglie è morta dandolo alla luce. In realtà il petroliere si vuole servire della presenza del ragazzo per presentarsi come un padre affettuoso e dedito alla famiglia per influenzare positivamente e convincere alla vendita i proprietari dei terreni con depositi di petrolio. Nel 1911 Plainview è ormai diventato uno dei petrolieri più importanti della California quando viene contattato da un giovane di nome Paul Sunday, il quale gli vende un'informazione circa un giacimento di petrolio nella proprietà della sua famiglia a Little Boston, in California.

Plainview e il figlio H. W. vi si recano e, presentandosi come cacciatori di quaglie, verificano la presenza del petrolio e cercano quindi di comperare la proprietà, senza però rivelare al padre di Paul, Abel, la presenza del petrolio; tuttavia il gemello di Paul, Eli, è a conoscenza del giacimento di petrolio e fa lievitare il prezzo a 10.000 dollari, che intende impiegare per la fondazione di una sua chiesa. Plainview paga 5.000 dollari immediatamente e promette altri 5.000 come donazione alla chiesa.

In breve, i rapporti tra Plainview ed Eli si deteriorano: il primo manca di onorare il proprio debito con la famiglia Sunday e accusa il secondo di essere un commediante, un falso profeta.

L'esplosione di un pozzo di petrolio priva H. W. dell'udito. Nel frattempo, un uomo di nome Henry visita Plainview, dichiarandogli di essere suo fratello. Plainview, che ha in odio gli uomini ed è dannato dalla sua stessa sete di potere, sembra vedere nel fratello una possibilità di mutamento.

H. W., prostrato dalla perdita dell'udito, curiosa nel diario di Henry e a causa della gelosia decide di dare fuoco all'abitazione dove i due fratelli dormono. A motivo di ciò, viene allontanato e messo in cura in un ospedale specializzato. Henry e Daniel iniziano a lavorare assieme ma in occasione di un viaggio, Plainview scopre che Henry è un impostore che, avendo conosciuto il suo vero fratello, ha attinto dal suo diario una storia credibile per coprire l'inganno. Trovandosi accampati e isolati, Plainview uccide Henry con una pistolettata a bruciapelo alla testa e lo seppellisce.

Per far fruttare i suoi affari a Little Boston, Plainview ha bisogno di ottenere una concessione da un riottoso contadino della zona, per far attraversare il terreno di quest'ultimo da un oleodotto. Il proprietario gli darà il permesso ma a condizione che egli si converta alla chiesa di Eli. Ottenuta la concessione gli viene però rimproverato l'abbandono del figliolo che Plainview richiamerà a sé.

La storia si conclude poco prima della grande depressione del 1929. Daniel è ormai un alcolista quando il figlio decide di abbandonarlo per mettersi a trivellare in proprio in Messico. Stizzito, Plainview rivela a H. W. che egli è in realtà un orfano, un «bastardo trovato in un cesto».

Quando ormai la situazione dei risparmiatori americani è disastrosa, Plainview riceve la visita di Eli, il quale ormai ridotto al lastrico da una vita dissoluta gli offre di entrare insieme in affari. Tuttavia, la competizione fra i due è talmente forte che Plainview non rinuncia a vendicarsi dei torti subiti nel passato. Pone come condizione all'impresa commerciale che Eli dichiari se stesso un falso profeta e l'inesistenza di Dio. Eli, uomo ormai corrotto dal peccato, accetta di proclamare a gran voce la propria apostasia e solo a quel punto Daniel gli rivela l'inconsistenza degli affari da lui proposti. A questo punto, la furia di Plainview si scatena e dopo averlo malmenato uccide Eli fracassandogli il cranio.

Produzione[modifica | modifica sorgente]

Le riprese sono iniziate a giugno del 2006 e sono terminate ad agosto.[2] Il film è stato girato a Marfa in Texas[3], dove si sono svolte anche le riprese de Il gigante di George Stevens, film in cui il giovane ed ambizioso protagonista rifiuta di vendere il piccolo appezzamento nel quale scoprirà notevoli giacimenti di petrolio.

Merchandising[modifica | modifica sorgente]

Il film ha ispirato un'edizione speciale del gioco da tavolo Monopoli, che parafrasando il titolo originale della pellicola, There Will Be Blood, si chiama "There Will Be Monopoly: Bastard in a Basket Edition"[4][5]. "Bastard in a Basket" ("Bastardo dentro una cesta") è la frase con cui Daniel rivela al figlio di essere adottato.

Riconoscimenti[modifica | modifica sorgente]

La rivista del British Film Institute Sight & Sound l'ha indicato fra i trenta film chiave del primo decennio del XXI secolo.[6]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Marlow Stern, There Will Be Blood Press Conference in Manhattan Movie Magazine, 10 dicembre 2007.
  2. ^ (EN) Box office / business for Il petroliere (2007), IMDb.com. URL consultato il 21-12-2010.
  3. ^ (EN) Filming locations for Il petroliere (2007), IMDb.com. URL consultato il 21-12-2010.
  4. ^ There will be Monopoly: il Monopoli dedicato a Il Petroliere, ToysBlog.it, 16 aprile 2008. URL consultato il 21-12-2010.
  5. ^ (EN) Geekin' Out: There Will Be Monopoly, AlwaysWatching.net, 10 aprile 2008. URL consultato il 21-12-2010.
  6. ^ (EN) Sight & Sound’s films of the decade, BFI.org. URL consultato il 12-12-2010.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema