The Master (film 2012)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
The Master
The Master 2012.JPG
Joaquin Phoenix in una scena del film.
Titolo originale The Master
Lingua originale inglese
Paese di produzione Stati Uniti d'America
Anno 2012
Durata 137 min
Colore colore
Audio sonoro
Rapporto 2,20 : 1
Genere drammatico
Regia Paul Thomas Anderson
Soggetto Paul Thomas Anderson
Sceneggiatura Paul Thomas Anderson
Produttore Paul Thomas Anderson, Megan Ellison, Daniel Lupi, JoAnne Sellar
Produttore esecutivo Ted Schipper
Casa di produzione Annapurna Pictures, Ghoulardi Film Company
Distribuzione (Italia) Lucky Red
Fotografia Mihai Malaimare Jr.
Montaggio Leslie Jones, Peter McNulty
Musiche Jonny Greenwood
Scenografia David Crank, Jack Fisk
Costumi Mark Bridges
Trucco Don Rutherford
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

The Master è un film del 2012 scritto e diretto da Paul Thomas Anderson.

Protagonisti sono Joaquin Phoenix, Philip Seymour Hoffman e Amy Adams. Il film è stato presentato in concorso alla 69ª Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia.

La trama del film è stata parzialmente ispirata dal personaggio di Lafayette Ron Hubbard, fondatore di Scientology, ma anche da scene inutilizzate della prima stesura de Il petroliere, da storie che l'attore Jason Robards aveva raccontato ad Anderson riguardo ai suoi giorni in marina durante la guerra, e dalla vita di John Steinbeck.[1]

Trama[modifica | modifica sorgente]

Nel 1949 Freddie, un ragazzo sbandato e solo, dopo aver preso parte alla seconda guerra mondiale, torna in America con diversi problemi al sistema nervoso. Cerca di affidarsi alle cure che l'esercito gli offre, ma le sue ossessioni sessuali risultano incurabili. Così inizia a dedicarsi all'alcol tanto che un giorno si trova su una nave, senza sapere come abbia fatto ad imbarcarvicisi.

Così, in modo del tutto casuale, Freddie incontra Lancaster Dodd. La nave raccoglie infatti gli adepti di Dodd, che ha fondato un movimento denominato "la Causa", di cui è il carismatico capo spirituale. Il giovane ex-militare inizia a partecipare a qualche attività della setta e Lancaster cerca di usare un metodo di introspezione sperimentale su di lui, che sembra trarne giovamento. Da quel momento ha inizio un sodalizio che li vedrà percorrere insieme un lungo tratto di strada. Egli diviene pian piano uno dei membri portanti della setta ma, a un certo punto e in maniera del tutto inaspettata, se ne separa. Dopo un breve distacco torna infine dal suo maestro ma, nonostante abbia la possibilità di rimanere, sceglierà di andarsene come suo solito, ricordando amaramente gli insegnamenti del culto.[2]

Produzione[modifica | modifica sorgente]

Il progetto entra in fase di produzione il 12 luglio 2010 e viene concluso il 1º aprile 2012[3]. La pellicola lavora con un budget di circa 35 milioni di dollari[3]. Le riprese del film iniziano il 2 giugno e si concludono il 1º luglio 2011[3]. Il film è stato girato interamente in California (USA) tra le città di Berkeley, Los Angeles, Vallejo, San Francisco e altre piccole cittadine intorno; qualche ripresa è stata effettuata anche nelle Hawaii, esattamente nell'isola di Oahu[4].

Cast[modifica | modifica sorgente]

Per il ruolo di Elizabeth sono state prese in considerazione Amanda Seyfried, Jennifer Lawrence, Deborah Ann Woll ed Emma Stone, ma poi fu scelta Ambyr Childers[5]. James Franco è stato considerato per il ruolo di Freddie, andato poi a Joaquin Phoenix[6]. Dopo Franco, fu scelto Jeremy Renner che dovette rifiutare per gli impegni già presi col film The Avengers[7].

Reese Witherspoon era stata scelta nei primi provini del 2010 per il ruolo di Mary Sue Dodd, ma fu poi scartata in favore di Amy Adams[8]. Questo è il primo film di Paul Thomas Anderson in cui Robert Elswit non è il direttore della fotografia perché aveva già firmato per il film The Bourne Legacy[9].

Colonna sonora[modifica | modifica sorgente]

Jonny Greenwood dei Radiohead è il compositore della colonna sonora per la seconda volta in un film di Paul Thomas Anderson dopo Il petroliere.

Distribuzione[modifica | modifica sorgente]

Il film è stato distribuito nelle sale statunitensi in numero limitato il 12 ottobre 2012 ed il 9 novembre in Gran Bretagna[10]. Il 20 luglio 2012 è stato diffuso online il full trailer del film,[11] cui ha fatto seguito la versione italiana il 13 dicembre 2012.[12] L'uscita in Italia è avvenuta il 3 gennaio 2013.

Il film è stato inoltre presentato alla 69ª Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia, raccogliendo un buon consenso di pubblico e critica[13], e vincendo il Leone d'Argento per la regia, che si è aggiudicata Anderson, e la Coppa Volpi per la migliore interpretazione maschile, andata a Phoenix e Hoffman.

Riconoscimenti[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) David Ansen, Inside ‘The Master,’ Paul Thomas Anderson’s Supposed "Scientology" Movie, The Daily Beast, 20 agosto 2012. URL consultato il 21 agosto 2012.
  2. ^ Trama del film su Mymovies
  3. ^ a b c (EN) Periodo di produzione, Imdb Official Site. URL consultato il 20-07-2012.
  4. ^ (EN) Location film, Imdb Official Site. URL consultato il 20-07-2012.
  5. ^ (EN) Ruolo di Elizabeth, Imdb Official Site. URL consultato il 20-07-2012.
  6. ^ (EN) Ruolo di Freddie, Imdb Official Site. URL consultato il 20-07-2012.
  7. ^ (EN) Jeremy Renner nel film, Imdb Official Site. URL consultato il 20-07-2012.
  8. ^ (EN) Reese Witherspoon, Imdb Official Site. URL consultato il 20-07-2012.
  9. ^ (EN) Robert Elswit, Imdb Official Site. URL consultato il 20-07-2012.
  10. ^ (EN) Date di uscita, Imdb Official Site. URL consultato il 20-07-2012.
  11. ^ The Master – Il full trailer con Philip Seymour Hoffman e Amy Adams, ScreenWeek Blog.
  12. ^ The Master – Il trailer italiano del film di Paul Thomas Anderson con Joaquin Phoenix, ScreenWeek Blog.
  13. ^ (IT) Servizio SkyTg24, sky.it. URL consultato il 02-09-2012.
  14. ^ http://www.cineblog.it/post/135499/european-independent-film-critics-awards-2013-le-nominations
  15. ^ http://www.cinemaitaliano.info/news/16617/le-nomination-degli-ottavi-italian-directing.html
  16. ^ http://www.awardsdaily.com/blog/5th-annual-lancashire-film-critics-awards/
  17. ^ http://chlotrudis.org/awards/current/index.html#director
  18. ^ http://www.chlotrudis.org/content/%E2%80%98moonrise-kingdom-perks-being-wallflower-big-winners-19th-chlotrudis-awards
  19. ^ http://www.flickeringmyth.com/2012/12/international-online-film-critics-poll.html
  20. ^ http://npaper-wehaa.com/yes-weekly/2012/12/26#?article=1769438
  21. ^ http://cinemart-online.co.uk/news/65864/the-2013-bloggies-nominations-announced/
  22. ^ http://cinemart-online.co.uk/news/66200/british-film-bloggers-circle-awards-2013-winners-announced/
  23. ^ http://www.cinemaitaliano.info/news/15606/i-vincitori-del-premio-cinema-ludus-2012.html
  24. ^ http://ofta.cinemasight.com/Awards/Film/2012.html
  25. ^ http://soc.org/awards2013.html
  26. ^ http://www.colonnesonore.net/sondaggi/index.php/5-migliore-musica-per-film-straniero

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema