Paul Thomas Anderson

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Paul Thomas Anderson nel dicembre 2007

Paul Thomas Anderson (Los Angeles, 26 giugno 1970) è un regista, sceneggiatore e produttore cinematografico statunitense.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

È figlio del doppiatore Ernie Anderson. Dal 2001 è legato all'attrice Maya Rudolph dalla quale ha avuto quattro figli.[senza fonte]

È noto soprattutto per la regia di film corali, dove le storie di parecchi personaggi si intrecciano tra di loro. Generalmente usa pochissimi tagli e molti piani sequenza; l'inizio di Boogie Nights, per esempio, è un lungo piano sequenza di tre minuti.

Fa parte di quella generazione di registi che, come per esempio il collega e grande amico Quentin Tarantino, non ha imparato a fare cinema nelle scuole ma guardando migliaia di film in video e che ha una conoscenza enciclopedica della tecnica e della cultura cinematografica. Ama lavorare con alcuni attori in particolare, tra cui Philip Seymour Hoffman, che appare in tutti i suoi primi quattro film, Philip Baker Hall, John C. Reilly, Luis Guzmán, Ricky Jay, Julianne Moore, William H. Macy, Melora Walters e Robert Ridgely.

Il suo cinema è influenzato soprattutto dal lavoro di John Huston, Stanley Kubrick, Robert Altman, Martin Scorsese, Jonathan Demme, Orson Welles, Max Ophüls e Robert Downey Sr..

Riconoscimenti[modifica | modifica sorgente]

Nel 1997 il Boston Society of Film Critics lo premia come miglior regista esordiente in merito ai suoi primi due film. Riceve la sua prima candidatura agli Oscar grazie alla sceneggiatura originale di Boogie Nights - L'altra Hollywood, la seconda arriva con Magnolia, film che al Festival di Berlino si aggiudica l'Orso d'oro. Al Festival di Cannes 2002 è stato premiato come miglior regista con Ubriaco d'amore.[1] A Berlino nel 2008 riceve l'Orso d'argento per la migliore regia con il suo ultimo film Il petroliere, il quale riceve anche 8 nomination agli Oscar, tra cui quelle per miglior film, miglior regia e miglior sceneggiatura non originale, vincendo i premi per la miglior fotografia e miglior attore protagonista. La sua regia, in questo film, viene premiata dal Kansas City Film Critics Circle, dal London Critics Circle Film, dalla Los Angeles Film Critics Association e dalla National Society of Film Critics.[2]

Nel 2010 Anderson aveva iniziato a lavorare a The Master, un film incentrato su una organizzazione religiosa (con forti riferimenti a Scientology). Con Philip Seymour Hoffman nella parte di Lancaster Dodd, Capo spirituale dell'organizzazione e Joaquin Phoenix nel ruolo di Freddie Quell, giovane marine e nuovo adepto. Inizialmente era prevista anche la partecipazione di Reese Witherspoon. A causa del bilancio di produzione fissato a 35 milioni di dollari, in marzo gli Universal Studios annunciarono la loro estromissione dal progetto, in considerazione di una spesa troppo alta, e portando ad uno stop la produzione della pellicola. La piccola compagnia River Road si avvicinò, offrendo un aiuto economico per la realizzazione.[3] Qualche tempo dopo, in settembre, fu annunciato il rinvio a data da destinarsi della lavorazione, vista la mancanza di investitori.[4] I giochi si sono ufficialmente riaperti quando, lo scorso 10 febbraio 2011, si è cominciato a parlare di un possibile finanziamento da parte di Megan Ellison, figlia di Larry Ellison, milionario imprenditore e informatico statunitense.[5] Il film è stato distribuito nelle sale statunitensi in numero limitato il 12 ottobre 2012 ed il 9 novembre in Gran Bretagna[6]. Il 20 luglio 2012 è stato diffuso online il full trailer del film,[7] cui ha fatto seguito la versione italiana il 13 dicembre 2012.[8]

È stato presentato alla 69ª Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia, raccogliendo un buon consenso di pubblico e critica[9], dove si è aggiudicato il Leone d'argento per la miglior regia e la Coppa Volpi per la migliore interpretazione maschile a Joaquin Phoenix e Philip Seymour Hoffman.

È stato distribuito nelle sale italiane il 3 gennaio 2013.

Stando ad alcune fonti, Anderson starebbe lavorando all'adattamento di Vizio di forma (Inherent Vice, 2011), romanzo di Thomas Pynchon edito in Italia da Einaudi, con Joaquin Phoenix protagonista.[10]

Premi e nomination[modifica | modifica sorgente]

Premi Oscar

Golden Globe

Premi BAFTA

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

Regista[modifica | modifica sorgente]

Sceneggiatore[modifica | modifica sorgente]

Produttore[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Awards 2002, festival-cannes.fr. URL consultato l'8 febbraio 2014.
  2. ^ (EN) Lista di premi e nomination su IMDb. URL consultato l'8 febbraio 2014.
  3. ^ La Universal scarica P.T. Anderson, 18 marzo 2010. URL consultato l'8 febbraio 2014.
  4. ^ The Master di P.T.Anderson è sospeso, 20 settembre 2010. URL consultato l'8 febbraio 2014.
  5. ^ Paul Thomas Anderson’s Scientology Movie and Inherent Vice Adaptation Close to Finding Financing, 10 febbraio 2011. URL consultato l'8 febbraio 2014.
  6. ^ (EN) Date di uscita, Imdb Official Site. URL consultato l'8 febbraio 2014.
  7. ^ The Master – Il full trailer con Philip Seymour Hoffman e Amy Adams, ScreenWeek Blog, 20 luglio 2012. URL consultato l'8 febbraio 2014.
  8. ^ The Master – Il trailer italiano del film di Paul Thomas Anderson con Joaquin Phoenix, ScreenWeek Blog, 13 dicembre 2012. URL consultato l'8 febbraio 2014.
  9. ^ Servizio SkyTg24, sky.it, 1 settembre 2012. URL consultato l'8 febbraio 2014.
  10. ^ (EN) Paul Thomas Anderson Wants to Adapt Thomas Pynchon’s Inherent Vice, 2 dicembre 2012. URL consultato l'8 febbraio 2014.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 90731600 LCCN: nb98039719