Sight & Sound

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Sight & Sound è una rivista cinematografica britannica pubblicata dal British Film Institute.

Storia editoriale[modifica | modifica wikitesto]

Pubblicata per la prima volta nel 1932, dal 1934 direttamente ad opera del British Film Institute, la rivista ha avuto periodicità trimestrale, a parte un breve periodo come mensile negli anni cinquanta, fino al 1991, quando è stata unita ad un'altra pubblicazione del BFI, il Monthly Film Bulletin, diventando stabilmente mensile.

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

A partire dal 1952, Sight & Sound conduce ogni dieci anni un sondaggio tra autorevoli critici cinematografici di tutto il mondo per compilare una lista dei miglior film di tutti i tempi, che permette di valutare l'evoluzione dell'opinione critica e la resistenza alla prova del tempo dei film presi in considerazione.[1] Dal 1992 alla lista compilata attraverso i voti dei critici ne è stata affiancata un'altra basata sulle preferenze espresse da importanti registi cinematografici.[1]

L'autorevole critico statunitense del Chicago Sun-Times Roger Ebert l'ha definito l'unico, tra innumerevoli sondaggi simili, ad essere rispettato e preso sul serio nell'ambiente cinematografico.[2] Tra i registi che hanno partecipato nel 2012 sono Quentin Tarantino, Martin Scorsese, Ken Loach, Francis Ford Coppola, ma anche Guy Maddin e Cyrus Frisch.

Top Ten 1952[modifica | modifica wikitesto]

  1. Ladri di biciclette (1948) di Vittorio De Sica
  2. Luci della città (1931) di Charles Chaplin
  3. La febbre dell'oro (1925) di Charles Chaplin
  4. La corazzata Potëmkin (1925) di Sergej Ejzenštejn
  5. Intolerance (1916) di David Wark Griffith
  6. Louisiana Story (1948) di Robert J. Flaherty
  7. Rapacità (1924) di Eric von Stroheim
  8. Alba tragica (1939) di Marcel Carné
  9. La passione di Giovanna d'Arco (1928) di Carl Theodor Dreyer
  10. Breve incontro (1945) di David Lean
  11. La regola del gioco (1939) di Jean Renoir

Top Ten 1962[modifica | modifica wikitesto]

  1. Quarto potere (1941) di Orson Welles
  2. L'avventura (1960) di Michelangelo Antonioni
  3. La regola del gioco (1939) di Jean Renoir
  4. Rapacità (1924) di Eric von Stroheim
  5. I racconti della luna pallida d'agosto (1953) di Kenji Mizoguchi
  6. La corazzata Potëmkin (1925) di Sergej Ejzenštejn
  7. Ladri di biciclette (1948) di Vittorio De Sica
  8. Ivan il Terribile, Parte I (1944) - Ivan il Terribile, Parte II - La congiura dei boiardi (1958) di Sergej Ejzenštejn
  9. La terra trema (1948) di Luchino Visconti
  10. L'Atalante (1934) di Jean Vigo

Top Ten 1972[modifica | modifica wikitesto]

  1. Quarto potere (1941) di Orson Welles
  2. La regola del gioco (1939) di Jean Renoir
  3. La corazzata Potëmkin (1925) di Sergej Ejzenštejn
  4. (1963) di Federico Fellini
  5. L'avventura (1960) di Michelangelo Antonioni
  6. Persona (1966) di Ingmar Bergman
  7. La passione di Giovanna d'Arco (1928) di Carl Theodor Dreyer
  8. Come vinsi la guerra (1926) di Buster Keaton
  9. L'orgoglio degli Amberson (1942) di Orson Welles
  10. I racconti della luna pallida d'agosto (1953) di Kenji Mizoguchi
  11. Il posto delle fragole (1957) di Ingmar Bergman

Top Ten 1982[modifica | modifica wikitesto]

  1. Quarto potere (1941) di Orson Welles
  2. La regola del gioco (1939) di Jean Renoir
  3. I sette samurai (1954) di Akira Kurosawa
  4. Cantando sotto la pioggia (1952) di Stanley Donen e Gene Kelly
  5. (1963) di Federico Fellini
  6. La corazzata Potëmkin (1925) di Sergej Ejzenštejn
  7. L'avventura (1960) di Michelangelo Antonioni
  8. L'orgoglio degli Amberson (1942) di Orson Welles
  9. La donna che visse due volte (1959) di Alfred Hitchcock
  10. Come vinsi la guerra (1926) di Buster Keaton
  11. Sentieri selvaggi (1956) di John Ford

Top Ten 1992[modifica | modifica wikitesto]

Top Ten 2002[modifica | modifica wikitesto]

Il sondaggio, reso noto sul numero di settembre 2002, ha raccolto i contributi di 145 critici e 108 registi. Complessivamente sono stati indicati ben 885 titoli diversi.[1]

Top Ten 2012[modifica | modifica wikitesto]

Trenta film chiave del decennio 2000-2009[modifica | modifica wikitesto]

Sul numero di febbraio 2010 è stata pubblicata una lista di trenta titoli rappresentativi del cinema del primo decennio del XXI secolo.[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (EN) BFI - Sight & Sound - Top Ten, bfi.org.uk. URL consultato il 26 novembre 2008.
  2. ^ (EN) Roger Ebert, 'Citizen Kane' fave film of movie elite, rogerebert.suntimes.com, 11 agosto 2002. URL consultato il 26 novembre 2008.
  3. ^ (EN) Sight & Sound’s films of the decade, bfi.org.uk. URL consultato l'8 giugno 2010.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]